Windows 10 su pc e smartphone

Sebbene manchi ancora una data ufficiale per l’uscita del nuovo sistema operativo Windows 10, Microsoft sembra avere le idee ben chiare su quello che sarà il suo futuro, ricordando che solamente la versione per personal computer uscirà puntualmente nei mesi estivi, e che pertanto bisognerà attendere un pò di più per l’arrivo del nuovo sistema operativo sugli smartphone e sulla console di casa, la Xbox One.

Ultime news dell'arrivo di Windows 10 su pc e smartphone
Ultime news dell'arrivo di Windows 10 su pc e smartphone

A dichiararlo è stato lo stesso vicepresidente corporate della divisione sistemi operativi, Joe Belfiore, che in un recente meeting ha sottolineato come il principale impegno dell’azienda in questo momento sia quello di portare Windows 10 sui personal computer, e che pertanto per le altre piattaforme di telefonia mobile sarà necessario attendere ancora qualche mese in più.

Nel suo incontro pubblico Belfiore ha inoltre specificato come Microsoft Windows 10 non offrirà tutte le caratteristiche annunciate finora sin dal suo debutto. Dunque, nessun software desktop Win32 all’interno del Windows Store, né altre goodies che erano state paventate, e che invece verranno rilasciate gradualmente, nel corso dei prossimi mesi.

Confronta offerte cellulari

In ogni caso, nessuna paura. Stando a quanto ancora dichiarato, alcune delle fondamentali novità saranno subito presenti, andando a migliorare la nuova esperienza di utilizzo del sistema operativo di Microsoft. Di contro, sembra essere oramai certo l’abbandono di alcune caratteristiche che erano presenti in alcune versioni dei precedenti sistemi operativi, come il Media Center (che non solo non sarà presente nel nuovo sistema operativo, ma non sarà nemmeno acquistabile a parte dagli utenti). Occhi puntati, inoltre, sulla sorte di Continuum for Phones, la tecnologia che consente di trasformare il proprio smartphone in una sorta di mini personal computer con Windows 10: per far ciò Microsoft ha comunque affermato che serviranno nuovi smartphone e nuovi chip, per poter gestire due schermi contemporaneamente.

Dalle elaborazioni mediatiche compiute dai dirigenti Windows, sembra essere sempre più certa la caratteristica essenziale del nuovi sistema operativo: quello di essere un prodotto di servizio, in costante sviluppo, grazie all’interazione con la popolazione degli sviluppatori. È anche per questo motivo che il programma Windows Insider, che sta attualmente permettendo di provare le varie build e partecipare alla scoperta di bug, continuerà anche dopo la versione RTM di Windows 10.

Commenti Facebook: