Viaggio all’estero: usare la carta sbagliata può costare caro

Per Natale e Capodanno molti italiani viaggeranno all’estero: quanto spenderanno per prelevare denaro e fare pagamenti con la carta? E cosa conviene di più usare, il bancomat o la carta di credito? SosTariffe.it ha cercato di rispondere a queste domande analizzando i costi di prelevare contanti e fare pagamenti con carta all’estero. I risultati? Meglio portare sempre con sé il bancomat, purché sia associato ad un conto online.

vacanze estero carta
Quanto costa usare la carta in vacanze? Meglio il bancomat o la carta di credito?

Sempre di più si fa affidamento alle carte di credito o debito (bancomat) quando si è in viaggio all’estero, sia per fare prelievi di denaro allo sportello ATM, sia per fare pagamenti.

Usare la carta sbagliata però può costare caro, stando ai risultati di un recente studio di SosTariffe.it, che ha analizzato i costi di fare prelievi e pagamenti con le diverse carte all’estero.
Migliori conti online del momento

Com’è stata condotta l’indagine

Per questo studio SosTariffe.it ha calcolato i costi medi delle commissioni per prelevare contanti e pagare all’estero con una carta di credito e con un bancomat associato ad un conto online e a un conto corrente tradizionale. In più, sono stati messi a confronto i prezzi delle stese operazioni nel 2014 con quelli attuali, per capire se ci sono stati cambiamenti nelle commissioni bancarie negli ultimi due anni.

In particolar,e sono state analizzate le commissioni delle carte di debito (note anche come bancomat) dei conti offerti delle banche online, da quelle tradizionali e delle carte di credito, sia per il prelievo che per i pagamenti, tanto in zona Euro che extra Euro.

Dall’indagine si evince che i costi per prelevare e pagare con la carta all’estero sono cresciuti dal 2014 ad oggi, e che l‘alternativa più vantaggiosa per i viaggi all’estero è quella di utilizzare la carta bancomat di un conto online.

Quanto costa pagare e prelevare con la carta all’estero

I costi di pagare e prelevare con le diverse carte all’estero nel 2016 vengono riassunti nella seguente tabella:

Costo transazioni estero carte 2016_SosTariffe

A seconda dell’operazione e della banca analizzata, i costi vengono riportati in modo diverso. Ad esempio, praticamente tutte le banche italiane prevedono un importo fisso come commissione per i prelievi da ATM in Area Euro, mentre prelevando con la carta di credito solitamente viene trattenuta una percentuale sul totale transato.

Per quanto riguarda i prelievi e i pagamenti con il bancomat in zona Extra Euro, certe banche applicano commissioni in percentuali mentre altre includono importi fissi minimi da corrispondere ad ogni operazione. Queste differenze mettono in rilievo l’importanza di fare una scelta consapevole quando si tratta di identificare il conto corrente e/o carta più in linea con le proprie esigenze.
Trova il miglior conto corrente per te

Prelevare costa meno con il bancomat dei conti online

Come si evince dalla tabella precedente, per risparmiare all’estero conviene usare il bancomat di un conto online. Le commissioni applicate sia per prelievi che per pagamenti, in effetti, sono più basse se si utilizza una carta di debito di un conto online, sia in termini di importi fissi che percentuali.

Nel dettaglio, prelevare contanti in Zona Euro dall’ATM con il bancomat di un conto online costa in media 0,65€, mentre se la stessa carta viene erogata con un conto corrente tradizionale l’importo praticamente raddoppia (1,50€). Se invece si vuole prelevare con la carta di credito in Zona Euro i costi sono ancora più alti, pari al 3,8% in media sull’operazione. Parliamo, ad esempio, di circa 2 euro di commissione su un prelievo di 50 euro.

Quando si deve prelevare denaro dall’ATM fuori dell’area Euro continua ad essere più vantaggioso il bancomat dei conti online, che in media prevede una commissione dello 0,93% oppure un fisso di 2,20 euro. Se il conto corrente è uno tradizionale, invece, prelevare con il bancomat in zona Extra Euro può costare un 1,08% sul transato, con importi fissi di più di 3 euro. Peggio ancora se si utilizza la carta di credito, con la quale il prelievo può costare anche un 5% della somma richiesta.

Meglio il conto online anche per i pagamenti

Laddove la moneta locale è l’Euro non sono mai previste commissioni per i pagamenti effettuati con carte di credito o bancomat. Tuttavia, fuori dall’area Euro c’è un costo da pagare per ogni pagamento, che è sempre più basso utilizzando il bancomat di un conto online: 0,95% di commissione, contro 1,70% se il bancomat è associato ad un conto corrente tradizionale.

Quando la banca prevede un importo fisso per i pagamenti in moneta diversa dall’Euro, bisogna fare attenzione: con alcuni istituti online il minimo ad operazione può essere di 1,24 euro mentre certe banche tradizionali prevedono 1,17 euro. Un motivo in più per fare attenzione alla scelta del proprio conto corrente.

Come sono cambiate le commissioni negli ultimi due anni

SosTariffe.it ha anche considerato l’evoluzione, nel periodo 2014-2016, delle commissioni previste per prelievi e pagamenti con carte di credito e bancomat di banche online e tradizionali.

Per quest’indagine sono state ipotizzate diverse situazioni: prelievo e pagamento di 200 e di 500 euro una tantum, oppure prelievo e pagamento di 50 euro in quattro operazioni separate. Poi è stata calcolata la differenza percentuale tra i costi del 2014 e il 2016. I risultati possono essere visualizzati nella seguente tabella:

Costo transazioni estero carte variazioni 2014 2016_SosTariffe

Dalla tabella si evince un aumento generale dei costi per le transazioni con carta all’estero tra il 2014 e il 2016, principalmente per quanto riguarda le operazioni al di fuori dell’Area Euro.

In aumento le commissioni sul bancomat in Area Extra Euro

Utilizzare il bancomat laddove la moneta locale non è l’Euro, sia per pagamenti che per prelievi, costa nel 2016 dal 9,61% al 62,36% in più rispetto a due anni fa. I rincari più contenuti, tuttavia, si registrano per il bancomat dei conti online, con le quali nel 2016 per i prelievi in zona Extra Euro si paga dal 12% al 28% in più rispetto al 2014, mentre se la carta di debito appartiene ad un conto tradizionale il rincaro raddoppia (dal 24% al 58%).

Per quel che riguarda invece i pagamenti con il bancomat in Area Extra Euro, con quelli di un conto online nel 2016 si paga dal 9% al 22% in più rispetto a due anni fa, ma se si tratta di un conto tradizionale il rincaro può superare il 62%.

Quelli che usano carte di credito per i pagamenti affrontano aumenti del +14%, ma per i prelievi di moneta diversa dall’Euro da sportello ATM oggi si paga un 12% in meno rispetto il 2014.

In Europa conviene sempre di più un conto online

Se per Natale e Capodanno quindi avete scelto di andare in un Paese dove la moneta locale è l’euro, portate con voi il bancomat – meglio ancora se associato ad un conto online. I prelievi con questa tipologia di carta oggi costano un 7% in meno rispetto al 2016.

Le commissioni previste per un bancomat di un conto tradizionale, invece, sono cresciute del 43% fra il 2014 e 2016, evidenziando la crescente convenienza di optare per un conto online.

Infine, chi dovrà fare prelievi con la carta di credito in zona Euro (anche se non conviene), potrebbe optare per fare numerosi ma piccoli prelievi di importi bassi, e non prelevare grandi somme in un’unica volta. In effetti, nel primo caso oggi si paga il 7% in meno in commissione, mentre prelevando grandi somme si dovrà affrontare un rincaro di quasi il 18% rispetto a due anni fa.

Per confrontare tutte le condizioni proposte dai principali conti correnti e carte di credito è utile avvalersi dal servizio di confronto di SosTariffe.it, reperibile cliccando sul bottone qui sotto:

Confronta Conti Correnti

Commenti Facebook: