Riscatto polizza vita, come funziona e perché conviene

Sei in dubbio se richiedere la liquidazione assicurazione anticipata o alla scadenza? In questa Guida affronteremo la questione riscatto polizza vita, come funziona e perché conviene sempre attendere il termine pattuito nel contratto. Esistono diversi tipi di polizza (caso morte, miste, caso vita) e per ciascuna sono previsti termini di recesso specifici, che possono comportare l’applicazione di penali riduttive della somma spettante. 

Liquidazione assicurazione anticipata o a scadenza, le differenze

Per scoprire se è il caso di richiedere la liquidazione assicurazione anticipata o alla scadenza bisogna mettere la lente d’ingrandimento sulle clausole contrattuali relative al recesso. Cosa comporta recedere? Sono previste penali? Ecco un vademecum utilissimo per scoprire tutto sul riscatto polizza vita, come funziona e perché conviene informarsi bene prima di recedere per recuperare i versamenti.
Confronta assicurazioni vita

Il riscatto nella polizza vita caso morte, vita e mista

Chi sottoscrive un contratto di assicurazione vita lo fa per garantire un buon futuro economico ai propri famigliari in caso di morte o decesso (è il caso della polizza caso morte), per ottenere una rendita vitalizia in caso di invalidità oppure, per garantirsi integrazioni del sistema previdenziale pubblico affiancando la liquidazione assicurazione a quella dell’INPS. Molte persone scelgono tipologie di assicurazioni vita miste, a copertura sia del caso morte che del caso vita, ma in entrambe le ipotesi sono previste condizioni molto restrittive per il recesso. 

Ricordiamo infatti che la polizza vita si basa pur sempre su un accordo con la compagnia assicurativa, su un contratto che prevede scadenze precise. Una polizza caso morte implica che solo al verificarsi del decesso i beneficiari possano ottenere il capitale derivante dall’accumulo dei premi versati, come il riscatto della polizza vita, per rientrare nei patti, deve essere esercitato chiedendo la liquidazione assicurazione non anticipata, ma alla scadenza. 

Nella prassi però accade spesso che chi ha sottoscritto l’assicurazione abbia bisogno di riscattare immediatamente i versamenti, per motivi economici e sofferenze finanziarie tutte personali, e chi ha già questa idea in mente, immagina di poter ottenere in restituzione l’intera somma pagata alla compagnia dal momento della sottoscrizione.

La realtà è ben diversa: riscattare in ogni momento senza penali e senza subire una riduzione significativa degli importi versati è quasi impossibile, perché come in ogni contratto, la scadenza va rispettata. Per questo motivo prima di sottoscrivere qualsiasi assicurazione si consiglia di leggere attentamente le clausole di recesso. 

Liquidazione anticipata dell’assicurazione anticipata o a scadenza?

Tra le forme di polizze vita più acquistate rientrano le tipologie per piano di accumulo che consentono di ottenere alla scadenza integrazioni con funzione previdenziale, cioè quote di denaro versate dalla compagnia al cliente o l’erogazione di un totale costituito dai versamenti + interessi in favore del cliente dati da investimenti. Queste assicurazioni prevedono il versamento di quote fisse (di solito mensili) all’impresa di assicurazione, ma in caso di recesso prima di 3 anni dalla stipulazione, non è possibile recuperare alcuna somma: in sostanza, si perde tutto il denaro risparmiato.

Trascorsi i 3 anni invece si può esercitare il recesso polizza vita… ma come funziona e perché conviene sempre aspettare la scadenza contrattuale? Semplice.

Dopo 3 anni si può recederee chiedere la liquidazione assicurazione anticipata senza attendere la scadenza, ma tale liquidazione terrà conto dell’applicazione di penali. La somma restituita non rappresenterà il totale dei versamenti, ma il totale meno le penali di recesso anticipato.

Come calcolare il riscatto polizza vita

Chiarito come i primi 3 anni di versamenti siano obbligatori nella maggior parte delle polizze vita, vediamo concretamente come calcolare la somma che si ha diritto di ottenere in restituzione. Per rispondere occorre guardare sempre alle clausole di recesso e leggere la percentuale di penale applicata in caso di recesso. Ogni compagnia può prevedere l’applicazione di penali diverse, più o meno vantaggiose per il cliente, ma l’operazione da effettuare per conoscere le somme di spettanza è sempre la seguente:

calcolare la somma totale dei premi versati e detrarre la percentuale prevista dal contratto per ogni annualità residua alla scadenza.

Prima di riscattare è consigliabile chiedere un preventivo di riscatto per valutare la convenienza o meno del recesso. L’unica ipotesi in cui non si può recedere è quella delle polizze caso morte che, legate esclusivamente alla vita dell’assicurato, prevedono il versamento del capitale ai beneficiari al solo verificarsi del decesso del sottoscrivente.

Riscatto polizza vita a 5 anni dalla scadenza

Se chiedere la liquidazione anticipata prima della scadenza può comportare la perdita del totale versato quando avviene entro 3 anni dalla stipulazione, e l’applicazione di penali trascorsi 3 anni, più conveniente risulta il recesso a 5 anni dalla scadenza. Chi chiede il rimborso dei premi a 5 anni dal termine previsto dal contratto vedrà applicarsi sanzioni nettamente inferiori e potrà recuperare buona parte dell’investimento.

Sospensione dei versamenti del premio

Perché non valutare la sospensione dei versamenti in alternativa al riscatto polizza vita? Per la frequenza delle richieste di recesso anticipato, molte compagnie permettono di interrompere temporaneamente il pagamento delle rate di polizza a tutto vantaggio della situazione economica -che si presume svantaggiata- del cliente. Il grande vantaggio della soluzione esposta è evidente: non si rischia la riduzione della somma investita e non si subisce l’applicazione di alcuna penale.

Come richiedere la liquidazione assicurazione?

Preso nota di tutte le informazioni sul riscatto polizza vita, come funziona e perché conviene solo in alcuni casi, non resta che conoscere quali documenti presentare alla compagnia per avviare la pratica. Basterà scaricare dal portale web dell’impresa o richiedere in filiale il modulo di domanda estinzione anticipata, da sottoscrivere e compilare in ogni sua parte.

Al modulo vanno allegati copia del documento d’identità e del contratto di polizza.
Scopri assicurazione vita Genertel

Commenti Facebook: