Programma di rottamazione di un Android o BlackBerry per acquistare un iPhone?

La notizia non è ancora ufficiale ma sta già facendo discutere, sia fuori che dentro il Web: secondo quanto pubblicato dal noto sito 9to5Mac, uno dei più informati su news e argomenti legati al mondo Apple, pare che il colosso di Cupertino abbia intenzione di lanciare un servizio che ha come obiettivo principale l’acquisto di un iPhone, in cambio della restituzione di un proprio smartphone Android o BlackBerry.

Apple vuole ritirare i dispositivi Android e BlackBerry e dare sconti per l'acquisto di iPhone
Secondo indiscrezioni, Apple valuterà e ritirerà i dispositivi concorrenti per offrire sconti sull'acquisto degli iPhone

9to5Mac parla di un sistema praticamente identico a quello già rodato e utilizzato per la restituzione di un vecchio iPhone o iPad da parte degli Store retail della Mela morsicata: si valuteranno, quindi, sia le condizioni estetiche che quelle funzionali, cosi da poter dare un valore finale che sarà, in pratica, lo sconto per l’acquisto di un nuovo telefono targato Apple.

Scopri le offerte con iPhone incluso

Questo nuovo programma, senza dubbio uno dei più aggressivi mai lanciati da Apple nei confronti della concorrenza, dovrebbe esordire nelle prossime settimane, anche se ancora non è chiaro se sarà circoscritto al solo territorio statunitense o verrà lanciato a livello globale. Per quanto riguarda il trasferimento dei contatti, l’operazione verrà effettuata automaticamente sul nuovo iPhone al momento dell’acquisto, mentre per gli altri dati presenti sul device Android o BlackBerry spetterà all’utente salvarli prima della “rottamazione”.

Resta da capire ora, qualora l’indiscrezione di 9to5Mac venisse confermata, se la valutazione sarà conveniente per l’utente o se invece ripercorrerà l’estrema severità che abbiamo visto con il programma di restituzione di vecchi iDevices, dove spesso i modelli vengono sottovalutati esageratamente nonostante le buone condizioni. Attendiamo di saperne di più nei prossimi giorni.

Commenti Facebook: