Oneri di accertamento gas naturale: per aprile alcuni clienti pagheranno di più

È possibile che dal mese di aprile, alcuni clienti si riscontrino con una bolletta del gas un po’ più elevata del solito.

Confronta l’offerta Gas

Questo potrà riguardare alcune utenze Enel: l’importo potrà essere superiore a causa della presenza di certi oneri per l’accertamento della documentazione prevista per prime attivazioni di una fornitura di gas, avvenute nell’anno 2009, e mai addebitate ai clienti a causa di un adeguamento dei sistemi.

Nello specifico, si tratta di oneri determinati dall’AEEG, relativi al processo di accertamento di sicurezza dell’impianto di utenza, in applicazione a quanto previsto dalla Delibera dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas n. 40/04.

Per questo motivo, l’onere fatturato è dovuto all’applicazione di questa delibera, e non ha alcuna relazione con le tariffe gas di Enel Energia o altre società fornitrici di gas naturale.

Secondo il testo della Delibera AEEG 40/04 “Accertamenti della sicurezza post contatore” e le sue successive modifiche, scaricabile interamente dal sito ufficiale dell’AEEG, “i clienti finali che richiedono l’attivazione della fornitura di gas debbano produrre ed inviare all’azienda che distribuisce il gas una specifica documentazione che attesti la corretta esecuzione dell’impianto, nel rispetto della normativa vigente”.

Per quanto riguarda l’importo, come stabilito all’Art. 8 della delibera, sarà compreso tra i 40-60 euro al netto delle imposte, più specificamente:

  • 40 € per ogni impianto di utenza accertato con portata termica complessiva minore o uguale a 34,8 kW
  • 50 € nel caso di portata termica complessiva superiore ai 34,8 kW e minore o uguale a 116 kW;
  • 60 € in caso di portata termica complessiva maggiore di 116 kW;

Per maggiori informazioni sul regolamento della delibera, consultare il sito  www.autorita.energia.it

Commenti Facebook: