Mutui novità 2016: cosa cambia per chi compra casa

Sono in discussione alle commissioni Finanze di Camera e Senato le nuove norme su mancato pagamento rate mutuo. Cosa cambia per chi compra casa? La banca potrà impossessarsi dell’immobile senza intervento del giudice, ma solo se non si pagano 18 rate. La clausola inoltre, non è a sottoscrizione obbligatoria e non può incidere sull’erogazione dei mutui: ecco tutte le novità 2016.

Mancato pagamento rate mutuo, in discussione le nuove norme. Ecco cosa prevedono

Chi compra casa a partire da quest’anno deve conoscere le novità mutui 2016 per non andare incontro a conseguenze negativein primis la sottrazione dell’immobile da parte della banca– in caso di mancato pagamento rate mutuo. Cosa bolle in pentola alle commissioni Finanze di Camera e Senato? Molte cose sono cambiate dall’ultima bozza della legge che fissava l’inadempimento ad appena 7 rate. Ecco cosa segnarsi per acquistare consapevolmente.

Novità mutui 2016

I prezzi degli immobili sono scesi vertiginosamente e le banche sono disposte ad applicare tassi d’interesse convenienti e ad erogare mutui anche per più del 50% rispetto al valore dell’immobile. Dal 2016 però, se il testo di legge come risulta ora passerà l’esame finale, bisognerà fare attenzione a tutti i contratti di mutuo, in particolare alla presenza della clausola che fisse le condizioni di inadempimento. Fino a poco tempo fa si parlava addirittura di 7 rate mancate o tardate per far scattare l’azione della banca: ora per fortuna, le cose sembrano prendere una piega diversa.
Confronta mutui online

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

18 rate senza pagare per perdere l’abitazione

In caso di mancato pagamento rate mutuo, lo schema di parere predisposto dal relatore alla Camera, Giovanni Sanga del PD, vincola il Governo a disciplinare con le nuove norme solo i “mancati” e non i “tardati” pagamenti. L’azione della banca in ogni caso, ovvero lo spossessamento in suo favore, scatterebbe solo trascorse 18 rate senza che il cliente abbia versato il dovuto. La clausola che fissa tali condizioni, secondo lo schema attuale, non sarà obbligatoria e non presente in ogni contratto.

Per questo motivo chi compra casa con le novità mutui 2016 dovrà essere assistito da un consulente che lo aiuti a valutare la convenienza o meno del prestito da sottoscrivere. Si propone anche di eliminare dal testo le parole “o successivamente”, per evitare che la postilla possa applicarsi ai mutui già in corso: la clausola non sarà dunque retroattiva ma riguarderà solo gli accordi sottoscritti dalla data di entrata in vigore.
novità mutui 2016 mancato pagamento rate mutuo

Mancato pagamento rate mutuo di casa: come funziona

Non solo le novità mutui 2016 non si applicheranno ai contratti di mutuo già sottoscritti ma nemmeno alle surroghe, cioè ai casi in cui il cliente decide di cambiare banca e mutuo e risparmiare pagando rate più basse. Ancor più importante è il fatto che la banca non potrà condizionare l’erogazione del prestito all’accettazione da parte del cliente dalla clausola che riguarda il mancato pagamento rate mutuo.

Le novità mutui 2016 non modificano il divieto di patto commissorio disciplinato dall’art. 2744 del Codice Civile, per il quale “in mancanza del pagamento del credito nel termine fissato, la proprietà della cosa ipotecata o data in pegno passi al creditore”. Il parere però, chiede al Governo di introdurre il c.d. patto marciano, che non prevede sproporzioni tra valore dell’immobile dato in garanzia e entità del debito, come già sancito dall’UE e dalla sentenza della Corte di Cassazione n. 10983/2013.
Proposte di mutuo per il 2016
Restano ferme le condizioni per cui le banche, pur potendo impossessarsi di casa trascorse 18 rate non pagate, non potranno recuperare valori superiori al debito contratto.

Commenti Facebook: