Mutui ancora giù ma forse arriva la ripresa

Nell’ultimo trimestre 2013 si è verificato un calo del 7,5% nell’erogazione dei mutui alle famiglie. Si tratta di 5.775,20 milioni di euro, che si traduce in 466,56 milioni in meno rispetto lo stesso periodo del 2012. I dati emergono dall’ultima analisi Tecnocasa, su dati pubblicati da Bankitalia. Nell’ultimo periodo però si è registrato un aumento della domanda di mutui, che fa pensare ad un’eventuale ripresa nel breve periodo. 

tendenza mutui
I mutui sono ancora in calo, tranne nell'Emilia Romagna. La tendenza però potrebbe cambiare
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Secondo l’ultimo Bollettino Statistico I-2014 pubblicato recentemente da Bankitalia, i cui dati sono stati analizzati dall’Ufficio studi di Tecnocasa, nel quarto trimestre 2013 le famiglie in Italia hanno ricevuto prestiti per l’acquisto dell’abitazione per un totale di 5.775,20 milioni di euro, ovvero un 7,5% in meno rispetto allo stesso periodo del 2012  (-466,56 mln di euro).

L’informazione conferma il trend negativo iniziato nel 2011; tuttavia, nell’ultimo periodo si è verificato un incremento della domanda di mutui da parte delle famiglie.

Considerando invece tutto il 2013, sono stati concessi alle famiglie mutui per 21.503,92 mln di euro; rispetto al 2012, questo si traduce in un calo del 13,1%, per un controvalore di -3.252,75 mln di euro.

Nel quarto trimestre dell’anno scorso, come menzionavamo prima, i volumi sono ancora in calo, con variazioni che non superano il -15%, tranne per l’Abruzzo (-16%), la Calabria (-17%), e il Molise (-24%).

I dati peggiori sono quelli del Trentino-Alto Adige (in controtendenza rispetto i trimestri scorsi) e della Sardegna, che segnano un calo nei mutui pari al -31,4% e -36,1%, rispettivamente.

Considerando ancora l’intero 2013 le diminuzioni più notevoli si sono verificati in Campania (-24,9%), Abruzzo (-28,5%) e Sardegna (-31,8%), mentre il calo è più contenuto per Puglia, Trentino-Alto Adige, Molise, Friuli-Venezia Giulia e Valle d’Aosta (da -3% a -9%).

Infine, l’unica regione italiana nel quale si è registrato un leggero aumento dei mutui è l’Emilia Romagna (+0,8%).

Se si è interessato ad ottenere un finanziamento per l’acquisto della prima casa, consigliamo al lettore di utilizzare il nostro comparatore gratuito ed indipendente per confrontare i migliori preventivi mutui.

Confronta Preventivi Prestiti

Commenti Facebook: