Mercato libero: informazioni sul deposito cauzionale e penali per cambio fornitore

Passando al Mercato Libero dell’energia, ad esempio attivando una fornitura luce o gas di Acea Energia, è possibile ottenere il rimborso del deposito cauzionale versato al precedente fornitore. Non ci sono costi di attivazione per cambiare fornitore in nessun caso; il cliente può cambiare offerta ogni volta lo desidera ma sono previsti dei tempi di permanenza nel contratto ed a volte potrebbero esserci delle penali con alcuni fornitori. Ecco tutta l’informazione al riguardo.

Mercato libero della luce e il gas
Deposito cauzionale e penali di recesso contrattuale: ecco quando si pagano

Cambiando fornitore energia elettrica e/o gas nel mercato libero, ad esempio passando ad Acea Energia, al Cliente verrà restituito il deposito cauzionale qualora lo avesse versato al suo precedente fornitore.

In particolare, l’importo dell’eventuale deposito cauzionale viene stornato nell’importo dell’ultima bolletta del precedente fornitore.

Il Cliente, inoltre, potrà cambiare fornitore ogni qual volta lo desideri ed in qualsiasi momento, scegliendo l’offerta luce e gas che ritiene più adatta alle proprie esigenze.

Sono previsti solitamente, per i clienti domestici, massimo 3 mesi dalla data di sottoscrizione della proposta di contratto (per l’adesione online solitamente sono previsti 2 mesi dalla data di sottoscrizione), mentre per i clienti non domestici e condomini 5 mesi dalla data di sottoscrizione della Proposta di Contratto.

E’ possibile, d’altronde tornare al vecchio fornitore, a volte però pagando delle penali.

Nel caso di Acea Energia, è possibile recedere dal contratto sottoscritto sul mercato libero e tornare al vecchio fornitore in qualsiasi momento rispettando le condizioni contrattuali.

Acea Energia non prevede alcuna penale a carico del Cliente nel caso in cui lo stesso decida di passare ad altro fornitore sul mercato libero.

Nel caso in cui il cliente volesse rientrare nel servizio di Maggior Tutela però è previsto il pagamento di 14,62 euro per un solo passaggio nell’arco dell’anno. Per i successivi passaggi nello stesso anno, il costo sarà di 49,98 euro, a copertura degli oneri amministrativi, costituito da €26,98 per il Distributore e €23,00 per l’esercente la Maggior Tutela.

Il cliente può recedere in qualunque momento con un preavviso di:

  • 1 mese per il Cliente finale domestico;
  • 3 mesi per il Cliente finale non domestico alimentato in bassa tensione;
  • 6 mesi per il Cliente finale non domestico non alimentato in bassa tensione.

Il periodo decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di ricevimento della comunicazione di recesso.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Commenti Facebook: