Mediaset Premium impone aumento e nuovi canali non richiesti

Dario Salvelli ci ha fatto notare che Mediaset premium sta attuando una politica a dir poco al limite dell’assurdo. Mediaset premium ha introdotto nuovi canali con un periodo di visione gratuita dell’offerta fino al 31 Gennaio 2010. Dal primo febbraio saranno addebitati 2 euro in più. Non vi sta bene? Potete disdire, naturalmente, entro il 31 gennaio. La cosa assurda è che se non volete pagare per un servizio non richiesto siete voi a dover mandare raccomandate e riempire di chiamate i call center.

Navigando in rete la denuncia è arrivata pochi giorni fa dal blog maxkava.com

Anche Altroconsumo afferma che i 2 euro in più al mese per i nuovi due canali Cinema Emotion e Cinema Energy vengono addebitati senza un consenso esplicito, e ciò è assolutamente illegale.

L’articolo 57 del Codice del consumo è chiaro: “E’ vietata la fornitura di beni o servizi al consumatore in mancanza di una sua previa ordinazione nel caso in cui la fornitura comporti una richiesta di pagamento. “Il consumatore non è tenuto ad alcuna prestazione corrispettiva in caso di fornitura non richiesta. E in ogni caso la mancata risposta non significa consenso”.

Il Codice del consumo vieta tassativamente questa procedura. Per attivare una nuova offerta, che in questo caso prevede una spesa di 2 euro, deve essere il consumatore a dire di sì. Il cliente deve manifestare esplicitamente la sua volontà all’acquisto”.

l Biscione mette le mani nel portafoglio

Mediaset (R.T.I. S.p.A.), mette le mani nel portafoglio dei clienti in modo poco onesto senza una comunicazione seria e trasparente.

Infatti il Biscione ha usato la regola del silenzio assenso: se non si vogliono i due nuovi canali in aggiunta all’offerta Gallery, bisogna comunicarlo entro il 31 gennaio 2010 al Servizio Clienti inviando lettera raccomandata A.R. o chiamando il numero gratuito 800949933″. Ecco perchè anche Alessandro Longo ha denunciato la situazione su La Repubblica

Vittorio Pasteris è da molti mesi che combatte la propria guerra personale contro mediaset, per tutte le ingiustizie subite dai propri lettori.

Andrea Trapani fa notare a tutti che disdire è difficoltoso all’800949933 e le condizioni contrattuali da visionare non sono ancora on line. E non è il solo a testimoniare l’impossibilità della cosa.

Infine ricordiamo che Agcom ha definito i costi di recesso da Mediaset Premium i quali non possono supererare 8,34 euro IVA inclusa, non 30 euro come chiede R.T.I. da contratto

Mediaset ha compiuto un atto molto ignobile, e legalmente assurdo e inutile. Infatti una comunicazione in tale modo non ha valore: nonostante si possa non comunicare via raccomandata gli aumenti, bisogna dimostrare di averli comunicati, con gli estremi di ricezione da parte del cliente.

Pochi giorni fa il Garante nella delibera impone a R.T.Idi fare ricorso ai più efficaci mezzi di comunicazione pubblicitaria per rendere edotta l’utenza circa l’attuazione degli adempimenti di cui al presente ordine e dare comunicazione all’Autorità, entro il più breve termine di 30 giorni dalla notificazione della presente delibera, di come si procederà per ottemperare alle precedenti prescrizioni.

Molte fonti di informazione ne hanno già parlato e abbiamo provato a riassumervi i principali aspetti citando gli esperti più autorevoli.

SosTariffe si adopererà nelle prossime settimane affinchè i feedback degli utenti sui servizi comparati siano maggiori e permettano una più completa consapevolezza sulla qualità delle offerte proposte dagli operatori. Per aiutare tutti i consumatori vi spieghiamo la procedura per evitare di pagare 2 euro aggiuntivi.

Come evitare di pagare i nuovi costi di Mediaset Premium

Come indicato sopra le strade sono 2:

1. telefonare al call center 800949933 ma l’impresa, come testimoniato, è assai ardua

2. mandare raccomandata.

Ecco il modulo per non pagare i nuovi canali di mediaset premium

Vi forniamo il modulo per disdetta, recuperato in rete per disdire totalmente l’abbonamento

Ecco l’indirizzo dove spedire la raccomandata:

RTI SpA
Casella Postale 101
20052 Monza (MB)

Per qualsiasi altro problema restiamo a disposizione di tutti gli utenti.

log dario” rel=”nofollow” href=”http://www.dariosalvelli.com” target=”_blank”>Dario Salvelli ci ha fatto notare che Mediaset premium sta attuando una politica a dir poco al limite dell’assurdo. Mediaset premium ha introdotto nuovi canali con un periodo di visione gratuita dell’offerta fino al 31 Gennaio 2010. Dal primo febbraio saranno addebitati 2 euro in più. Non vi sta bene? Potete disdire, naturalmente, entro il 31 gennaio. La cosa assurda è che se non volete pagare per un servizio non richiesto siete voi a dover mandare raccomandate e riempire di chiamate i call center.

Navigando in rete la denuncia è arrivata pochi giorni fa dal blog maxkava.com

Anche Altroconsumo afferma che i 2 euro in più al mese per i nuovi due canali Cinema Emotion e Cinema Energy vengono addebitati senza un consenso esplicito, e ciò è assolutamente illegale.

L’articolo 57 del Codice del consumo è chiaro: “E’ vietata la fornitura di beni o servizi al consumatore in mancanza di una sua previa ordinazione nel caso in cui la fornitura comporti una richiesta di pagamento. “Il consumatore non è tenuto ad alcuna prestazione corrispettiva in caso di fornitura non richiesta. E in ogni caso la mancata risposta non significa consenso”.

Il Codice del consumo vieta tassativamente questa procedura. Per attivare una nuova offerta, che in questo caso prevede una spesa di 2 euro, deve essere il consumatore a dire di sì. Il cliente deve manifestare esplicitamente la sua volontà all’acquisto”.

l Biscione mette le mani nel portafoglio

Mediaset (R.T.I. S.p.A.), mette le mani nel portafoglio dei clienti in modo poco onesto senza una comunicazione seria e trasparente.

Infatti il Biscione ha usato la regola del silenzio assenso: se non si vogliono i due nuovi canali in aggiunta all’offerta Gallery, bisogna comunicarlo entro il 31 gennaio 2010 al Servizio Clienti inviando lettera raccomandata A.R. o chiamando il numero gratuito 800949933″. Ecco perchè anche Alessandro Longo ha denunciato la situazione su La Repubblica

Vittorio Pasteris è da molti mesi che combatte la propria guerra personale contro mediaset, per tutte le ingiustizie subite dai propri lettori.

Andrea Trapani fa notare a tutti che disdire è difficoltoso all’800949933 e le condizioni contrattuali da visionare non sono ancora on line. E non è il solo a testimoniare l’impossibilità della cosa.

Infine ricordiamo che Agcom ha definito i costi di recesso da Mediaset Premium i quali non possono supererare 8,34 euro IVA inclusa, non 30 euro come chiede R.T.I. da contratto

Mediaset ha compiuto un atto molto ignobile, e legalmente assurdo e inutile. Infatti una comunicazione in tale modo non ha valore: nonostante si possa non comunicare via raccomandata gli aumenti, bisogna dimostrare di averli comunicati, con gli estremi di ricezione da parte del cliente.

Pochi giorni fa il Garante nella delibera impone a R.T.Idi fare ricorso ai più efficaci mezzi di comunicazione pubblicitaria per rendere edotta l’utenza circa l’attuazione degli adempimenti di cui al presente ordine e dare comunicazione all’Autorità, entro il più breve termine di 30 giorni dalla notificazione della presente delibera, di come si procederà per ottemperare alle precedenti prescrizioni.

Molte fonti di informazione ne hanno già parlato e abbiamo provato a riassumervi i principali aspetti citando gli esperti più autorevoli.

SosTariffe si adopererà nelle prossime settimane affinchè i feedback degli utenti sui servizi comparati siano maggiori e permettano una più completa consapevolezza sulla qualità delle offerte proposte dagli operatori. Per aiutare tutti i consumatori vi spieghiamo la procedura per evitare di pagare 2 euro aggiuntivi.

Come evitare di pagare i nuovi costi di Mediaset Premium

Come indicato sopra le strade sono 2:

1. telefonare al call center 800949933 ma l’impresa, come testimoniato, è assai ardua

2. mandare raccomandata.

Ecco il modulo per non pagare i nuovi canali di mediaset premium

Vi forniamo il modulo per disdetta, recuperato in rete per disdire totalmente l’abbonamento

Ecco l’indirizzo dove spedire la raccomandata:

RTI SpA
Casella Postale 101
20052 Monza (MB)

Per qualsiasi altro problema restiamo a disposizione di tutti gli utenti.

Commenti Facebook: