Lampadine a risparmio energetico, quali scegliere

Ormai tutti sanno che le vecchie lampadine a incandescenza sono tra le maggior indiziate per le bollette dell’energia elettrica troppo alte. Per questo, da qualche anno, per volere dell’Unione Europea non possono venire più prodotte, anche se ancora si trovano in qualche negozio. Parlando di lampadine a risparmio energetico, sapere quali scegliere significa prima di tutto conoscere le differenze tra le varie tipologie.

led
A fluorescenza o basate sul LED, le nuove lampadine possono far risparmiare anche il 90%

Entro il 2016 addio alle vecchie lampadine

Il 2016 è l’anno in cui, secondo i programmi, le lampadine a incandescenza spariranno del tutto dalle nostre case, a parte qualche esemplare particolarmente “testardo” comprato anni prima e ancora funzionante. Come si diceva più sopra, le lampadine e in genere l’illuminazione rappresentano una percentuale non indifferente della spesa nella bolletta della luce: si calcola infatti che almeno il 13% del consumo totale di elettricità sia proprio da imputare alle luci di casa, tanto che una delle prime regole per spendere meno è sempre quella di spegnere la luce quando si esce da una stanza.

Le lampadine a incandescenza si illuminano sfruttando appunto l’incandescenza di un filo di tungsteno attraversato dalla corrente elettrica, e per questo sono ben poco efficienti: buona parte dell’energia si disperde infatti in calore (come ben sa chiunque abbia provato a svitare una lampadina bruciata dopo qualche ora di accensione).

Le lampadine a risparmio energetico

Le lampadine a risparmio energetico più comuni sono ancora quelle fluorescenti. Il meccanismo di illuminazione è ben diverso dal precedente: qui, infatti, alla base c’è una scarica generata da una differenza di potenziale tra due elettrodi immersi in un gas. La durata della vita di queste lampadine, a fronte di un prezzo leggermente superiore a quelle tradizionali, è più elevata, anche se i primi modelli avevano un’accensione molto lenta.

In genere, una lampadina a incandescenza può arrivare a circa 1.000 ore di funzionamento (2.000 per le alogene): una lampadina a risparmio energetico invece può arrivare fino a 10.000 ore di funzionamento con un consumo energetico inferiore. Attenzione però, perché dal punto di vista ambientale non sono ancora la soluzione migliore: malgrado il consumo di elettricità annuo possa ridursi del 75% con la sostituzione delle lampadine a incandescenza con quelle a fluorescenza, proprio queste ultime sono particolarmente pericolose quando arrivate a fine vita, perché contengono mercurio al loro interno e quindi sono potenzialmente pericolose.

Mai, quindi, buttare le lampadine a risparmio energetico nel cassonetto con la spazzatura generica: è infatti necessario recarsi alle isole ecologiche comunali.

Le lampadine a LED

Sempre più diffuse per i loro indubbi vantaggi, malgrado il prezzo più elevato rispetto anche alle lampadine a fluorescenza, le lampadine a LED rappresentano attualmente il top per quanto riguarda il risparmio energetico. Si basano sul sistema LED, o Light Emitting Diode, con l’emissione cioè di fotoni da parte di diodi alimentati da un circuito elettronico.

Il risparmio di una lampadina a LED rispetto a un’alogena arriva anche all’80-90%, e la durata è impressionante: più di 50.000 ore. Inoltre queste lampadine si usurano ma non si bruciano, e quindi è facile capire per tempo quando sono da sostituire, vista la progressiva diminuzione di luminosità. Infine, le lampadine a LED sono disponibili a varie “temperature” di colore, con luce calda o fredda a seconda delle esigenze.

Non stupisce quindi che vari fornitori di energia elettrica, come Illumia ed Enel Energia, stiano proponendo convenienti tariffe che comprendono anche la sostituzione delle lampadine normali con quelle a LED: ad esempio, con Enel è possibile scegliere un kit di lampadine a LED e pagarlo direttamente in bolletta a piccole rate, a partire da 3,6 euro al mese IVA inclusa.
Attiva un’offerta Enel Energia »
Insomma, quando si parla di lampadine a risparmio energetico, quali scegliere rimane una questione di gusti e diversi parametri, ma la tecnologia a LED è decisamente la più avanzata.

Commenti Facebook: