Ivass: in arrivo il portale sulla conciliazione sinistri Rc auto

Il 21 gennaio scorso si è svolta la prima riunione annuale tra Ivass e Associazioni dei Consumatori. Nell’incontro è stato affrontato il tema del ricorso alla conciliazione paritetica nei sinistri Rc auto ed illustrati gli sviluppi del progetto relativo alla creazione di un portale web dedicato. La discussione ha riguardato non da ultimo l’indagine condotta sulle polizze abbinate a contratti non assicurativi, relativamente al settore delle Public Utilities e del settore bancario.

Risarcimento del danno. La proposta di Ivass, Ania e Associazioni dei Consumatori

Utilizzare lo strumento della conciliazione paritetica nei sinistri Rc auto per semplificare, velocizzare e snellire le procedure di risarcimento del danno: questo è l’obiettivo comune di Ivass e Associazioni dei Consumatori, che nella riunione indetta il 21 gennaio 2015 si sono confrontati per studiare strategie idonee ad eliminare le criticità che hanno ostacolato l’utilizzo dell’istituto e per rafforzare la conoscenza dello stesso presso l’utenza.

Hanno partecipato all’incontro ACU, Adiconsum, Adocu, Adusbef, Assoutenti, Cittadinanzaattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Movimento di Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori ed Ania, l’Associazione Nazionale delle Imprese Assicuratrici. La discussione ha riguardato principalmente la creazione di un portale apposito e dedicato alla conciliazione sinistri Rc auto, al quale i consumatori potranno rivolgersi per inoltrare la richiesta di adesione alla procedura, designare l’Associazione dei Consumatori in rappresentanza e conoscere in tempo reale lo stato di avanzamento della pratica.

Il portale potrebbe essere attivo già dal prossimo autunno, ma a decretare il suo successo come sottolinea Ivass, sarà la partecipazione di tutti gli attori coinvolti compresi i conciliatori.

Cos’è la conciliazioni paritetica

La conciliazione paritetica Rc auto è sostanzialmente una procedura volontaria di risoluzione bonaria delle controversie che possono insorgere tra assicurazioni e assicurato riguardo al risarcimento del danno (per sinistri con danni fino a 15.000 Euro)
Confronta preventivi RC auto

Importantissima nella procedura è la figura dei conciliatori, ovvero persone (due) incaricate rispettivamente dall’Associazione di tutela dei consumatori scelta dal richiedente e dall’impresa. Il danneggiato dovrà aver presentato una richiesta di risarcimento del danno in virtù della propria Rc auto, ed aver fornito all’impresa assicuratrice i documenti e le informazioni necessarie per procedere alla liquidazione.

Alla conciliazione paritetica si può appunto fare ricorso in caso di mancata risposta da parte delle assicurazioni, se la richiesta di risarcimento è stata rifiutata o se l’offerta da parte della compagnia è ritenuta irrisoria.

NB: La procedura non può essere avviata se il richiedente ha già conferito mandato ad avvocati o altri rappresentanti o qualora abbia inoltrato la richiesta di risarcimento all’assicuratore del proprio veicolo per i danni materiali e le lesioni del conducente e all’assicuratore del veicolo vettore se trasportato (nei sinistri rientranti nell’ambito della procedura per il risarcimento diretto).
Confronta preventivi RC moto

Commenti Facebook: