ISEE 2013, come calcolarlo per l’iscrizione universitaria

Per l’iscrizione universitaria servono molti documenti, tra cui l’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente). Grazie a questo documento è possibile ottenere delle agevolazioni e riduzioni sui costi delle università. In effetti, secondo i valori ISEE è possibile ottenere borse di studio e riduzioni delle tasse in tutte le università italiane, fino a rendere l’Università completamente gratuita. Ecco come calcolare l’ISEE 2013 per l’iscrizione universitaria.

come calcolare l'isee per l'università
calcolo isee

Secondo il decreto legislativo n. 109 di 1988, l’ISEE è il “rapporto tra l’indicatore della somma dei redditi combinato con l’indicatore della situazione economica patrimoniale nella misura del 20% dei valori patrimoniali e il parametro desunto dalla scala di equivalenza, in riferimento al numero dei componenti del nucleo familiare“.

Siccome la definizione può essere difficile da capire, cercheremo di spiegare in parole semplici come calcolare l’ISEE 2013 per l’iscrizione universitaria.

Per calcolare l’ISEE occorre tenere in considerazione i seguenti elementi:

Reddito – Indicatore della Situazione Reddituale (ISR)

Questo indicatore serve per calcolare il reddito che ogni componente del nucleo familiare ha avuto nell’anno preso in considerazione. Al valore finale bisogna detrarre alcune spese, come le spese sanitarie per i disabili, così come una quota dei redditi da lavoro dipendente e da pensione.

Sono previste inoltre alcune franchigie legate alle spese per l’affitto della casa e alla presenza nel nucleo familiare di persone non autosufficienti.

Patrimonio mobiliare

Prende in considerazione diversi componenti quali auto, moto e barche, conti depositi e conti correnti, titoli di Stato, obbligazioni, certificati di deposito, buoni fruttiferi, azioni, ed altri prodotti di investimento.

Dal valore totale del patrimonio mobiliare vanno detraiti 6.000 euro, e in più 2.000 euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino a un massimo di 10.000 euro.

Indicatore della Situazione Patrimoniale (ISP)

Questo indicatore considera il valore dei fabbricati, delle aree edificabili e dei terreni, proprietà del nucleo familiare. Dal valore complessivo va sottratto un eventuale debito di mutuo.

Nucleo familiare

Il nucleo familiare è costituito dai componenti della famiglia anagrafica. Salvo determinate eccezioni, i coniugi che hanno residenza anagrafica differente fanno parte del medesimo nucleo familiare.

Il figlio minorenne fa parte del nucleo famigliare del genitore con cui convive. Il figlio maggiorenne non convivente ma a carico dei genitori ai fini Irpef, fa parte del nucleo familiare.

Parametro Relativo alla Famiglia (VSE)

Questo parametro va calcolato a seconda del numero dei componenti della famiglia e maggiorato in base a diversi fattori: il numero dei componenti; componenti del nucleo familiare con handicap; figli minori; entrambi i genitori che svolgono una attività lavorativa; un solo genitore con figli minori.

Come si può capire, il calcolo dell’ISEE è piuttosto complicato, ma si può riassumere come di seguito:

  • ISR = reddito + reddito figurativo – MIN (affitto; detrazione affitto)
  • ISP = patrimonio mob. – franchigia + patrimonio immob. residenza – MAX (franchigia; debito residuo)
  • ISE = ISR + 20% ISP
  • ISEE = ISE / VSE

Infine, vi ricordiamo che è possibile consultare il sito dell’Inps dove è presente una simulazione del Calcolo dell’ISEE.

Commenti Facebook: