iPhone 6 e Galaxy S5 sono gli smartphone più popolari in azienda

Sono l’esemplare di punta di Apple e l’ex top di gamma di Samsung gli smartphone più popolari in ambito enterprise, stando al Mobility Index Report Q1 2015 di Good Technology, gruppo con base a Sunnyvale (California, USA) che fornisce soluzioni software per la mobilità ai dipartimenti IT (Information Technology) aziendali. Nel primo trimestre dell’anno, il 72% delle attivazioni di smartphone effettuate dalla clientela business del gruppo statunitense è da ascrivere a cellulari intelligenti equipaggiati con iOS, mentre il 26% muove da Android e l’1% da Windows Phone. Il sistema operativo sviluppato da Microsoft guadagna terreno in ambito tablet

Apple e Samsung dominano il mercato enterprise
Lo studio Mobility Index Report di Good Technology

iPhone 6 e Galaxy S5 sono gli smartphone più popolari in azienda. È Good Technology a sancire il dominio in ambito enterprise del modello di iPhone ultima generazione con display da 4,7 pollici e dell’ex top di gamma di Samsung.

Confronta tariffe con iPhone incluso

Il 26% delle attivazioni di smartphone effettuate dalla clientela business del gruppo di Sunnyvale muove da iPhone 6 e Apple e Samsung producono 28 dei 30 cellulari intelligenti più popolari in ambito aziendale.

Galaxy S6 non era ancora disponibile per l’acquisto quando Good Technology ha passato al setaccio i dati raccolti dai dispositivi aziendali gestiti dai dipartimenti IT (Information Technology) serviti dalla società statunitense. La commercializzazione del nuovo esemplare di punta di Samsung, declinato anche nella variante edge, ha infatti preso avvio il 10 aprile.

Confronta tariffe con Galaxy incluso

Dagli smartphone ai tablet, con iOS, e dunque con iPad, a essere responsabile dell’81% delle attivazioni di tavolette registrate nel primo trimestre del 2015 da Good Technology. Il sistema operativo firmato Apple, tuttavia, ha lasciato sul terreno 4 punti percentuali su base trimestrale e 11 punti percentuali su base annua.

I tablet basati su Android, invece, hanno guadagnato 1 punto percentuale rispetto al quarto trimestre del 2014 e hanno visto quasi raddoppiata la loro quota di mercato su base annua. È però Microsoft a poter brindare, in virtù di una crescita del 3% dovuta alle attivazioni sia di Microsoft Surface sia di altre tavolette equipaggiate con Windows.

iOS è forte nel settore pubblico (80% delle attivazioni), nell’industria dei servizi finanziari (76%) e nel ramo education (83%), mentre Android è forte in ambito tecnologico (47%) ed energetico (44%). Windows e Windows Phone, infine, hanno trovato la loro nicchia di mercato nel commercio al dettaglio (5%) e nell’intrattenimento e nei media (7%).

Commenti Facebook: