Internet mobile per 11 milioni di Italiani

Sono 11 milioni gli italiani che navigano su internet in mobilità: a dare gli ultimi dati è Assinform la quale afferma che i telefonini potrebbero superare i pc come principale mezzo di navigazione.

Le aziende sono ferme al passato, non vedono il cambiamento: diminuisce del 9% la vendita di contenuti a pagamento (540 milioni di Euro) mentre aumenta del 6% il Mobile Advertising. Il traino ovviamente è dato dal Mobile Internet che tocca quota 550 milioni di Euro con una crescita del 40%.

Navigare in mobilità è completamente diverso rispetto alle abitudini nelle postazioni fisse: diverso modo di usare internet, in termini di tempo speso, tipologie di siti visitati, momenti della giornata e della settimana in cui si accede.

internet-mobile-navigazione

Internet mobile è complementare: il maggior utilizzo ad esempio avviene negli orari in cui esce dal lavoro e si sposta verso casa onel week end.

I contenuti devono essere diversi: la fruizione dei contenuti su Internet è completamente diversa dall’esigenza mobile. In mobilità si hanno bisogni specifici (ad esempio, trovare un indirizzo in cui si deve andare, rintracciare una informazione urgente, identificare una farmacia di turno, ecc.) e necessità di pochi contenuti.

Chi si connette in mobilità è uomo (nel 62% dei casi), giovane entro i 44 anni (80%), con un elevato grado di istruzione e in possesso di terminali di fascia alta.

Gli utenti mobili sono abitudinari: circa 6 milioni di persone si connettono quasi tutti i giorni e parte di queste (circa 1/3) accede ad Internet dal cellulare solo in mobilità da casa.

Grazie ai colleghi di Tom’s Hardware

ioni gli italiani che navigano su internet in mobilità: a dare gli ultimi dati è Assinform la quale afferma che i telefonini potrebbero superare i pc come principale mezzo di navigazione.

Le aziende sono ferme al passato, non vedono il cambiamento: diminuisce del 9% la vendita di contenuti a pagamento (540 milioni di Euro) mentre aumenta del 6% il Mobile Advertising. Il traino ovviamente è dato dal Mobile Internet che tocca quota 550 milioni di Euro con una crescita del 40%.

Navigare in mobilità è completamente diverso rispetto alle abitudini nelle postazioni fisse: diverso modo di usare internet, in termini di tempo speso, tipologie di siti visitati, momenti della giornata e della settimana in cui si accede.

internet-mobile-navigazione

Internet mobile è complementare: il maggior utilizzo ad esempio avviene negli orari in cui esce dal lavoro e si sposta verso casa onel week end.

I contenuti devono essere diversi: la fruizione dei contenuti su Internet è completamente diversa dall’esigenza mobile. In mobilità si hanno bisogni specifici (ad esempio, trovare un indirizzo in cui si deve andare, rintracciare una informazione urgente, identificare una farmacia di turno, ecc.) e necessità di pochi contenuti.

Chi si connette in mobilità è uomo (nel 62% dei casi), giovane entro i 44 anni (80%), con un elevato grado di istruzione e in possesso di terminali di fascia alta.

Gli utenti mobili sono abitudinari: circa 6 milioni di persone si connettono quasi tutti i giorni e parte di queste (circa 1/3) accede ad Internet dal cellulare solo in mobilità da casa.

Grazie ai colleghi di Tom’s Hardware

Commenti Facebook: