Internet mobile all’estero “limitato” dai costi di roaming

Secondo quanto afferma un sondaggio condotto dalla Commissione Europea su un campione di 29 mila cittadini del vecchio Continente, il 94% degli utenti di telefonia mobile evita di connettersi al web dal proprio cellulare quando si trova all’estero.

Anticipati i termini di azzeramento dei costi del roaming
Anticipati i termini di azzeramento dei costi del roaming

Un comportamento che – sostiene la Commissione Europea con una immediata conclusione – sembra essere frutto degli elevati costi di roaming che, di fatto, scoraggiano gli utenti dell’internet mobile dal poter fruire di contenuti internet quando si recano al di fuori dei propri confini nazionali.

Confronta le tariffe internet mobile »

Un comportamento che – aggiungeva ancora l’istituzione continentale – è fortemente controproduttivo anche per le stesse società che operano nel mercato delle comunicazioni, le quali si starebbero lasciando sfuggire un mercato potenziale di circa 300 milioni di utenti, a causa di un approccio tariffario inefficiente.

Sempre secondo quanto elaborato a margine del sondaggio, emerge che il 47% degli utenti non utilizzerebbe mai il cellulare per collegarsi a internet in un altro Paese, mentre solamente un utente su 10 consulterebbe l’email con se fosse a casa. Oltre un quarto degli utenti, invece, si spinge a spegnere il cellulare quando viaggia all’interno dell’Unione Europea.

Dati piuttosto emblematici che, probabilmente, dovrebbero suggerire alle compagnie telefoniche una nuova imposizione commerciale in materia di roaming.

Commenti Facebook: