Imposta di bollo, ecco le banche con cui non la paghi

Vuoi aprire o cambiare il tuo conto corrente, ma non vuoi sostenere spese extra come l'imposta di bollo? Nessun problema: con il comparatore di conti correnti di SosTariffe.it è molto semplice individuare quali son le banche con cui non paghi l'imposta di bollo. Ricordiamo che i conti correnti con giacenza sotto i 5.000 euro sono esenti dal bollo, ma con alcuni istituiti sei sempre esento, a prescindere della tua giacenza.

Imposta di bollo, ecco le banche con cui non la paghi

L’imposta di bollo di 34,20 euro sul conto corrente si paga sempre che la giacenza media del conto superi i 5.000 euro. A meno che si tratti di un conto presso una delle banche che si fanno carico dell’imposta di bollo per tutti i clienti, a prescindere della giacenza.

Con l’aiuto del comparatore di conti correnti di SosTariffe.it identificare le banche con cui non paghi l’imposta di bollo è molto semplice: basta cliccare sul filtro “No Imposta di Bollo” a sinistra dello schermo.

Ecco quali sono i conti correnti in cui l’imposta di bollo la paga la banca, sempre.

Conti correnti senza bollo

Con il tradizionale Conto CheBanca! Online, il cliente no paga mai l’imposta di bollo. Si tratta di un conto online senza canone annuo, che include inoltre prelievi presso ATM di altre banche gratuiti (anche all’estero) e bonifici illimitati senza alcun costo.

Anche con la versione “In Filiale” di questo conto corrente l’imposta è a carico della banca, ovvero quello che prevede la gratuità di tutte le operazioni, anche quelle eseguite presso lo sportello (di fronte però al pagamento di un canone mensile di 2 euro).

Scopri il Conto CheBanca! »

Nemmeno con il Conto Corrente Arancio il cliente paga il bollo, ed anche in questo caso non c’è un canone annuo da sostenere. In più, con ING Direct i singoli assegni sono gratuiti, così come i bonifici online e allo sportello; non sono previste neanche commissioni per i prelievi allo sportello né presso ATM di altre banche.

Vai a Conto Corrente Arancio »

Con il Conto Corrente YouBanking invece l’imposta di bollo sul conto corrente e sul dossier titoli (imposta proporzionale) è a carico della banca fino al 30 giugno 2015, dopodiché spetta al cliente il suo pagamento. Si tratta di un conto online a zero spese, che include gratis anche la carta di credito e il dossier titoli.

Scopri Conto YouBanking »

Il ContoInCreval del Credito Valtellinese prevede l’imposta di bollo sempre gratuita, così come nessun canone o spesa per bonifici online, prelievi o ricarica della carta prepagata.

Vai al ContoInCreval »

Utilizzando il nostro comparatore gratuito è anche possibile individuare i migliori conti zero spese, i conti online, le migliori proposte per pensionati e famiglie, etc.

Confronto Conti Correnti »

Commenti Facebook: