Il ribasso del greggio sarà una spinta positiva per Enel?

Il calo del prezzo del petrolio, che sta costringendo molte compagnie come eni a rivedere molti dei suoi piani di investimento, sarà invece benefico per Enel? A sostenerlo è l’amministratore delegato del gruppo elettrico Francesco Starace, in un’intervista che comparirà sul numero di domani, 29 gennaio, di Panorama.

Enel
Il calo del petrolio dovrebbe far risalire anche i consumi di elettricità

Secondo Starace, il ribasso del greggio dovrebbe infatti avere un impatto favorevole sui consumi. Un calo del petrolio significa una spinta alla ripresa dell’economia, e di conseguenza far risalire i consumi di elettricità anche delle tariffe Enel Energia.

I consumi elettrici in Italia sono ancora inferiori di circa il 10% rispetto ai livelli pre-crisi, e anche oggi Enel ha pubblicato sul suo sito un’analisi dove si ricordava la sovracapacità elettrica del nostro paese e le sfide affrontate dal gruppo per offrire un servizio innovativo, con iniziative come le caldaie a condensazione, i kit di luce a led e la mobilità elettrica con EnelDrive, ma anche le smart grid e i nuovi contatori elettronici che dovrebbero sostituire quelli ormai obsoleti.
Vai a Tutto Compreso Luce »
Pochi giorni fa l’ad di Enel si era espresso anche sulla vittoria di Tsipras alle elezioni greche e l’influenza che avrebbe avuto sull’Europa, sostenendo che «i greci hanno fatto la loro scelta. Vediamo cosa farà Tsipras. È una cosa nuova e come tutte le cose nuove è interessante».

Commenti Facebook: