I piani del gruppo A2A per la centrale S. Filippo del Mela

Edipower, società del Gruppo A2A, ha presentato a Palermo i piani relativi al progetto di rilancio del sito di San Filippo del Mela, in provincia di Messina. Gli obiettivi, secondo uno studio commissionato all’Università di Messina, sono l’abbattimento dell’85% degli ossidi di zolfo, del 23% degli ossidi azoto e del 73% di anidride carbonica: il tutto assicurando la continuazione delle attività dell’impianto, dopo che la crisi ha bloccato la produzione della centrale.

Edipower
Il progetto è quello di riconvertire l'impianto in un polo per le rinnovabili

Il piano elaborato dal Gruppo A2A, che opera come A2A Energia sul mercato consumer e business per le forniture di gas ed energia elettrica, è volto a convertire il sito termoelettrico in un polo tecnologico delle energie rinnovabili. Si passerà quindi da un’alimentazione a olio a uno principale a combustibile solido secondario, mettendo così in collegamento tra loro filiera ambientale e filiera energetica.

È in valutazione anche la possibilità di integrare il progetto con le tecnologie di ultima generazione per la produzione di energia elettrica e riciclo di materia, come le biomasse a filiera corta, il solare termodinamico, l’ecocentro per il trattamento e recupero del vetro, della plastica e altri materiali.
Vai a Prezzo Sicuro Web+ »
Gli interventi progettati da Edipower riguarderanno la sostituzione di un gruppo da 160 MWe con due linee di produzione da 100 MWt. Nei prossimi giorni è previsto l’incontro tra la società e le organizzazioni sindacali.

Commenti Facebook: