HP cancella Slate e punta sul WebOS di Palm

iPad è un successo, come qualsiasi prodotto che ultimamente ha sfornato Apple. I concorrenti non stanno ripetendo l’errore commesso con iPhone, puntando sulle caratteristiche hardware ma tralasciando l’interfaccia e i servizi accessori.

Ecco perchè in queste settimane gli annunci delle cancellazioni di Tablet arrivano a cascata: dopo infatti l’annuncio di non continuare il progetto Microsoft Courier arriva la decisione di HP di annullare il lancio del Tablet PC Slate, con sistema operativo Windows 7 che doveva arrivare per l’estate. Ad incidere sulla decisione di cancellazione si sommano le recensioni negative, arrivate dai risconti con i prototipi che ne evidenziano le gravi lacune che non consentiranno mai di competere con iPad.

HP potrebbe anche abbandonare l’hardware Intel, inadatto a garantire un’elevata autonomia della batteria, e introdurre i processori Cortex A9 class ARM a doppio core (a partire dalla frequenza di 2GHz) molto veloci rispetto agli attuali processori e ovviamente molto più efficienti dal lato del risparmio energetico (consumano meno della metà) mantenendo però lo stesso livello di performance.

HP ridefinisce la propria strategia e si concentra sul software nei prossimi mesi creando tablet basati sul sistema operativo webOS, una volta conclusa l’operazione di acquisizione di Palm.

ccessive ordinazioni ipad successo” href=”http://www.sostariffe.it/news/2010/04/15/ipad-troppi-ordini-arriva-a-maggio/” target=”_blank”>iPad è un successo, come qualsiasi prodotto che ultimamente ha sfornato Apple. I concorrenti non stanno ripetendo l’errore commesso con iPhone, puntando sulle caratteristiche hardware ma tralasciando l’interfaccia e i servizi accessori.

Ecco perchè in queste settimane gli annunci delle cancellazioni di Tablet arrivano a cascata: dopo infatti l’annuncio di non continuare il progetto Microsoft Courier arriva la decisione di HP di annullare il lancio del Tablet PC Slate, con sistema operativo Windows 7 che doveva arrivare per l’estate. Ad incidere sulla decisione di cancellazione si sommano le recensioni negative, arrivate dai risconti con i prototipi che ne evidenziano le gravi lacune che non consentiranno mai di competere con iPad.

HP potrebbe anche abbandonare l’hardware Intel, inadatto a garantire un’elevata autonomia della batteria, e introdurre i processori Cortex A9 class ARM a doppio core (a partire dalla frequenza di 2GHz) molto veloci rispetto agli attuali processori e ovviamente molto più efficienti dal lato del risparmio energetico (consumano meno della metà) mantenendo però lo stesso livello di performance.

HP ridefinisce la propria strategia e si concentra sul software nei prossimi mesi creando tablet basati sul sistema operativo webOS, una volta conclusa l’operazione di acquisizione di Palm.

Commenti Facebook: