Gestione conto corrente: che devo sapere per operare in sicurezza

Le frodi sul conto corrente, così come le truffe sulle carte di credito, sono in calo in Italia. Tuttavia, alcuni fenomeni del genere ancora si verificano nel nostro Paese e, di conseguenza, occorre imparare a tutelare il proprio conto corrente per non avere spiacevoli sorprese. In più, alcuni errori legati alla propria gestione del conto corrente ci possono fare incorrere in sanzioni e multe. Ecco tutto ciò che devi sapere per operare in sicurezza il tuo conto corrente.

Migliori Conti Correnti

confronto conti correnti

La Banca d’Italia, nella sua Guida “Il conto corrente in parole semplici” ci spiega quali sono le cose da sapere per operare in sicurezza il proprio conto corrente.

Non emettere assegni a vuoto o fare pagamenti con carte senza copertura 

Emettere assegni a vuoto o fare pagamenti con carte di credito o debito senza avere la necessaria copertura sul conto corrente può comportare l‘iscrizione nella CAI – Centrale di Allarme Interbancaria, l’archivio informatizzato consultabile da tutte le banche e, per alcune informazioni, anche da qualsiasi persona.

Gli iscritti nella CAI possono subire alcune sanzioni temporanee (ad esempio: il divieto di emettere assegni), ma fondamentalmente possono compromettere i propri rapporti futuri con le banche, e trovare difficoltà ad esempio nell’erogazione di un prestito o mutuo.

Compilare gli assegni in ogni loro parte

Sempre firmare e inserire la data in cui l’assegno viene emesso, l’importo in lettere e in cifre e il beneficiario, per evitarne utilizzi impropri.

Se un assegno ha la clausola “non trasferibile” può essere incassato solo dal beneficiario. Se non ha la clausola “non trasferibile” può essere trasferito, mediante “girata”, ad altri soggetti che possono a loro volta girarlo.

Se il cliente indica se stesso come beneficiario (ad esempio “Mario Rossi”, “me medesimo”, “m.m.”), l’assegno può essere incassato o versato solo dal cliente.

Attenzione: gli assegni di 1.000 euro o di più devono contenere sempre la clausola “non trasferibile”, altrimenti le sanzioni possono essere salatissime.

Custodire con attenzione carte e codici

Custodire sempre le carte di pagamento e i relativi codici di utilizzo, gli assegni, i codici per l’accesso online al conto corrente.

Segnalare immediatamente smarrimento e furto alla banca. Sui siti delle banche sono disponibili tutte le indicazioni che riguardano la sicurezza e i numeri di telefono cui segnalare smarrimenti e furti.

I rischi di subire frodi crescono se si usa il conto corrente online. Perciò occorre osservare con rigore le misure di sicurezza.

Quando si fa un bonifico, indicare correttamente il codice IBAN del beneficiario

Se si indica un IBAN errato, anche se gli altri elementi dell’ordine di bonifico sono corretti, la banca non è responsabile del pagamento sbagliato.

Tuttavia, dovrà impegnarsi in ogni modo per recuperare il denaro accreditato sul conto corrente indicato per errore.

Se si opera tramite internet, fare estrema attenzione alle truffe

Il sistema più diffuso per frodare i clienti è il phishing, che consiste nel richiedere ai clienti i loro dati per email fingendo di essere la loro banca.

In genere il cliente riceve messaggi email apparentemente credibili, che gli chiedono per esempio nome e cognome, identificativo e password di accesso al conto online, numero di carta di credito, della carta di identità, oppure lo invitano a cliccare su certi link.

Questi messaggi ingannevoli solitamente si presentano con i nomi di banche e istituzioni affidabili e importanti. Tuttavia, bisogna ricordare che le banche non chiedono mai dati per email ai propri clienti.

Ricontrollare nel tempo le condizioni contrattuali

È importante che le condizioni contrattuali siano sempre adeguate alle proprie esigenze perché possono cambiare sia la situazione personale o lavorativa, sia le offerte delle banche.

Gli istituti, infatti, possono proporre nuovi prodotti e servizi, anche a condizioni più vantaggiose. E’ possibile trovare informazioni utili sono nel rendiconto e nel Documento di sintesi annuale.

Confrontare i conti correnti

Per controllare se il conto corrente di cui si è titolare è il più vantaggioso, sono molto utili i comparatori online.

Sul nostro portale è possibile mettere a confronto i migliori conti correnti per identificare facilmente quello che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Confronta Conti Correnti

Commenti Facebook: