Disegno legge Rc auto, il 17 maggio la firma

Ci siamo quasi: il 17 maggio, la Carta di Bologna firmerà il disegno legge Rc auto che rivoluzionerà il settore assicurativo. Norme che, se verranno approvate, andranno a riformare un settore da troppi anni ingessato.

Incidenti, come stanno le cose?

La base di partenza

Va detto che ci si trova davanti a una situazione drammatica, con le Assicurazioni che continuano ad alzare le tariffe Rc auto. Addirittura, stando alle associazioni dei consumatori, dal 1994 c’è stato il raddoppio dei prezzi Rca.

Ma perché si parte dal 1994? Semplice: perché quello doveva essere l’anno del cambiamento. Con la liberalizzazione del settore, si pensava che la concorrenza potesse portare a continui ribassi tariffari. Così non è stato.

La questione truffe

Le Assicurazioni danno gran parte della colpa alle truffe e ai risarcimenti per le lesioni fisiche, oltreché ai danni alle cose e alle auto, spesso gonfiati ad arte per ottenere risarcimenti più ingenti. Questa la tesi delle Compagnie.

A dire il vero, gli incidenti, per via della crisi, sono notevolmente diminuiti, ed era lecito attendersi forti ribassi tariffari. Ma, stando alle Assicurazioni, i costi dei rimborsi sono tali da impedire forti riduzioni di prezzo.

Serve più libertà

Ecco allora che la Carta di Bologna (un insieme di sigle capitanate da Federcarrozzieri di Davide Galli, ma che include associazioni dei consumatori, riparatori, patrocinatori stragiudiziali, avvocati e un numero in costante crescita di aderenti) propone la rivoluzione: maggiore libertà.

Anzitutto, il disegno legge della Carta di Bologna prevede la libertà di cambiare Assicurazione in qualsiasi momento, proprio come accade con le Compagnie telefoniche (senza vincolo).

In questo modo, ci sarebbe una fortissima spinta alla concorrenza, con le Assicurazioni tese a trattenere i vecchi clienti da un lato, e ad allettare i nuovi clienti dall’altro.

La Carta di Bologna mira anche alla massima libertà di scelta del carrozziere da parte dell’assicurato. L’inverso di quanto vogliono le Compagnie, che spingono il danneggiato verso il carrozziere convenzionato.

Quindi, il disegno legge propone la cessione del credito al carrozziere indipendente, affinché difenda i diritti dell’automobilista contro l’Assicurazione. Infine, spinge per la libera scelta del medico legale in caso di lesioni fisiche.

Confronta assicurazioni auto 

Commenti Facebook: