Decreto mutui, concessa proroga alle Regioni per l’edizia scolastica

Il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha concesso una proroga di due mesi alle Regioni per l’invio delle graduatorie dei progetti presentati dagli Enti locali finalizzati al finanziamento dei progetti di ristrutturazione e messa in sicurezza degli edifici scolastici.

Decreto Mutui edilizia scolastica: proroga di due mesi per la consegna delle graduatorie da parte delle Regioni
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Lo scorso 23 gennaio il Governo ha emanato un decreto (denominato “Decreto Mutui”) con il quale ha autorizzato le Regioni a stipulare dei mutui trentennali, con onere di ammortamento a carico dello Stato, per ristrutturare e mettere in sicurezza gli edifici scolastici. Sono stati stanziati 40 milioni di euro all’anno per 30 anni, per un totale di 1,2 miliardi di euro.
Ottieni un mutuo alle migliori condizioni!
La misura rientra nel piano triennale 2013-2015 nell’ambito del quale è stata data la possibilità alle Regioni di stipulare un contratto di mutuo con la Banca Europea per gli investimenti, con la Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa, con la Cassa Depositi e Prestiti o con altri istituti bancari autorizzati.

Entro il 15 febbraio il Ministero avrebbe dovuto provvedere alla ripartizione dei fondi tra le Regioni che avessero presentato le graduatorie con i progetti presentati dagli Enti locali.

Ma il Governo ha deciso di concedere alle Regioni una proroga di due mesi. La comunicazione è stata diramata lo scorso 13 febbraio tramite il sito web di #italiasicura, e recita così:

Continuano i lavori dell’Osservatorio per l’Edilizia Scolastica che si è riunito presso il MIUR. All’ordine del giorno il Decreto Mutui. A tal proposito è stata concordata con le Regioni una proroga di due mesi per trasmettere al MIUR le graduatorie dei progetti presentati dagli Enti locali. Si procederà quindi con un nuovo Decreto interministeriale ed i tempi – due mesi al massimo – saranno verificati anche con la Banca Europea degli Investimenti. Intanto è prevista a giorni la bollinatura del Decreto Mutui che ha concluso il suo iter di approvazione il 23 gennaio scorso. Saranno ammessi a selezione i progetti appaltati successivamente a questa data. 

Commenti Facebook: