Crescono gli abbonati alla pay tv

Fino a una decina di anni fa possedere un abbonamento alla pay tv era ritenuto quasi un “comportamento da ricchi”, ma negli ultimi tempi si è registrata una netta inversione di tendenza: gli abbonati, infatti, suddivisi tra Sky e Mediaset Premium, sono ormai più di sette milioni e mezzo. Un contributo a questo trend positivo è stato dato certamente dalle offerte sempre più allettanti e adatte a tutte le tasche.

Cresce il numero di abbonati alla pay tv

Poter avere a disposizione un’offerta televisiva sempre più variegata è ora possibile grazie alla diffusione massiccia della pay tv in grado di fornire al pubblico una serie di programmi che soddisfano i gusti anche dei più esigenti grazie ai canali tematici.

Fino a qualche tempo fa, però, erano in molti a ritenere che possedere un abbonamento alla pay tv all’interno della propria abitazione fosse possibile solo per pochi a causa dei prezzi ritenuti eccessivamente elevati e non alla portata di tutte le tasche, ma già da un po’ sia Sky sia Mediaset Premium hanno capito quanto fosse importante superare questo ostacolo per aumentare la propria diffusione.

Sky ancora in grande vantaggio su Mediaset Premium

Come è facile immaginare il gradimento maggiore del pubblico italiano è rivolto a Sky, che si aggira intorno ai 4,7 milioni di abbonati, ma è in crescita anche il digitale terrestre di Mediaset Premium, vicino ai due milioni, grazie soprattutto alle ultime tariffe convenienti che permettono di aderire ai vari pacchetti a partire da 19 euro al mese fino al 1° settembre.

La crescita è comunque destinata a proseguire: nei prossimi anni, infatti, gli addetti ai lavori stimano un aumento del 17% rispetto all’attuale penetrazione della pay tv sul mercato italiano (oggi al 30%). I prezzi della piattaforma satellitare risultano certamente più elevati, ma sono giustificati da un alto livello di contenuti e da una proposta più variegata. Sky continua così a fare la parte del leone, anche se la tv del Biscione soprattutto a partire dal mese di settembre punterà a catturare una parte di abbonati alla “rivale” puntando sulla Champions League che per la prima volta sarà trasmessa in esclusiva per tre anni.

Vai ai pacchetti Sky

Per molti italiani la pay tv resta un lusso

La crisi economica che continua a farsi sentire in modo pesante su molte famiglie ha certamente contribuito sulla scelta di diversi nostri connazionali che hanno deciso di non mantenere più attivo l’abbonamento alla pay tv, sia che si tratti di Mediaset Premium sia di Sky, proprio perchè non tutti possono permettersi di spendere dai 20 ai 70 euro al mese per poter vedere nuovi canali rispetto a quelli free.

Il digitale terrestre, però, grazie ad offerte più allettanti rispetto a quelle della tv di Murdoch, è stata una scelta soddisfacente per molti visto che offre la possibilità di vedere film e serie tv in anteprima, ma anche la proposta dedicata al calcio, certamente lo sport degli italiani per eccellenza, è particolarmente ricca e permette di non perdere gli eventi più importanti. Già in questa stagione, infatti, Mediaset Premium si è garantita l’Europa League in esclusiva, ma dalla prossima stagione la proposta sarà ancora più allettante con le gare di Champions League trasmesse solo su questa piattaforma per ben tre anni.

L’avvento del digitale terrestre ha inoltre permesso di aumentare la proposta televisiva a disposizione degli utenti rispetto a quanto avveniva con i canali generalisti, ma soprattutto particolarmente gradita è stata la presenza dei canali tematici che riscuotono un notevole successo e che permettono a chi non ha grandi possibilità economiche di poter trovare più facilmente il programma desiderato.

Vai ai pacchetti Mediaset Premium

Commenti Facebook: