Conti correnti in Italia i più cari dell’UE: ecco alcuni conti a zero spese

Secondo l’UE, i conti correnti in Italia sono troppo costosi e poco trasparenti. Così, la Commissione prepara una direttiva che prevede una serie di misure per garantire trasparenza, possibilità di cambiare banca in 2 settimane e più garanzie per i consumatori nell’accesso al conto corrente. Intanto, alcuni conti a zero spese sono ancora convenienti per chi cerca di risparmiare: SosTariffe.it vi presenta alcune tra le migliori proposte di conti correnti economici.

confronto conti correnti

L’UE prepara una direttiva con una serie di nuove regole per offrire maggiori garanzie ai consumatori in materia di conti correnti, e alle quali l’Italia dovrà adempire. Vediamo quale sono le principali novità che sta preparando l’UE.

Accesso universale ai conti correnti

Ogni Stato dovrà mettere a disposizione dei consumatori una banca che offra un ‘conto base‘ con prelievi, bonifici, possibilità di accreditare stipendi e pagare le utenze e una carta bancomat, ma senza scoperti e linee di finanziamento. L’accesso, ha precisato la commissione, sarà garantito “a prescindere dalla situazione finanziaria” dei clienti e anche ai non residenti.

Maggior trasparenza nelle spese

Le banche dovranno offrire ai clienti un “documento informativo che elenca i principali servizi e le spese relative“, un “riepilogo delle spese applicate durante gli ultimi dodici mesi” e  “un glossario dei termini utilizzati“.

Trasferimento del conto corrente

Le banche avranno il compito di “occuparsi di tutte le fasi del trasferimento del conto corrente“, ed è previsto il limite di tempo di 15 giorni all’interno di un determinato Paese, e di un mese tra istituti di Paesi differenti. Le banche avranno anche l’obbligo di “fornire ai consumatori informazioni adeguate sul loro diritto di trasferire il conto“.

Migliori conti correnti a zero spese

Il migliori conto per risparmiare è un conto corrente a zero spese. Sono quelli che includono le operazioni e servizi di base senza canone annuo e, possibilmente, senza l’imposta di bollo.

Utilizzando il comparatore gratuito di SosTariffe.it per i conti correnti, abbiamo ottenuto un elenco con i migliori conti correnti a zero spese. Vediamo quali sono.

Conto CheBanca! Online: senza canone annuo né imposta di bollo. Include inoltre prelievi presso ATM di altre banche gratuiti (anche all’estero) e bonifici illimitati senza alcun costo.

I prelievi e i bonifici eseguiti presso lo sportello, invece, hanno un costo di 3 euro, così come il registro delle operazioni.

Vai a Conto Corrente CheBanca!

Conto Corrente Arancio: con questo conto corrente tutto è gratuito: i bonifici online e allo sportello; prelievi allo sportello, presso ATM di altre banche e anche all’estero.

Non prevede canone mensile, costo di registrazione delle operazioni e, in più, l’imposta di bollo è a carico della banca.

Scopri Conto Corrente Arancio

Conto in Filiale CheBanca!: questo conto prevede gli stessi servizi del conto online CheBanca!, ma con un canone mensile di 2 euro che consente l’operatività completa anche in filiale.

Ideale per chi non si sente sicuro operando online, consente di effettuare gratuitamente tutte le operazioni: bonifici online e allo sportello, prelievi allo sportello, presso gli ATM di altre banche e all’estero (Zona UE), e il registro delle operazioni.

Conto Corrente Fineco: Con Fineco si può azzerare il canone utilizzando determinati servizi come l’accredito stipendio o pensione, un movimento in entrata ricorrente di importo pari o superiore a 1.500 euro.

I bonifici online e allo sportello sono gratuiti, così come la ricarica della carta prepagata e la registrazione delle operazioni. I prelievi presso ATM di altre banche è anche senza costo, ma all’estero si pagano 2,90 euro e allo sportello 2,95 euro.

Vai a Conto Corrente Fineco

Puoi modificare questa ricerca per adattarla ancora di più alle tue preferenze utilizza il nostro comparatore online gratuito.

Confronta Conti Correnti

Commenti Facebook: