Bollette energia puntuali e indennizzi fino a 60€ da gennaio 2017

Con la nuova delibera delibera 463/2016/R/com l’Autorità per l’energia elettrica introduce alcune novità nel sistema di fatturazione che comporteranno bollette energia puntuali ed indennizzi fino a 60 Euro per il cliente. Ecco le novità in arrivo da gennaio 2017.

Ecco le novità per le bollette dell'energia elettrica da gennaio 2017

A partire dal prossimo gennaio 2017 il mercato dell’energia elettrica registrerà un importante cambiamento. Con le nuove bollette, infatti, ci saranno molte meno stime e sempre più consumi effettivi grazie ad un incremento sostanziale dei tentativi di lettura (con registrazione di quelli non andati a buon fine) e inediti sistemi per incrementare la diffusione dell’autolettura. L’erogatore del servizio, inoltre, nel caso in cui venissero emesse fatture basate su dati stimati per due mesi consecutivi avrà il dovere di informare il cliente, in modo dettagliato, circa tutti gli strumenti di autolettura disponibili.

Da notare, inoltre, che vi sarà l’obbligo di emetterà la bolletta entro 45 giorni dall’ultimo giorno fatturato (o entro i termini indicati nel contratto di mercato libero). Se questo termine non verrà rispettato, il cliente riceverà indennizzi automatici crescenti (in base ai giorni di ritardo) a partire da 6 Euro e sino ad un massimo di 60 Euro. In caso di importi anomali o di mancato rispetto, anche episodico, della periodicità di fatturazione, sarà previsto, anche per il mercato libero, l’obbligo di rateizzazione a carico dei venditori.
Scopri le migliori tariffe per l’energia elettrica

Riduzione delle “fatture miste” per l’energia elettrica

Dal prossimo anno, uno degli obiettivi è quello di ridurre le fatture miste. Le bollette contenenti dati di misura effettivi, infatti, non potranno essere contenere dati stimati se la periodicità di fatturazione stabilita dal contratto è mensile, se l’ultimo dato è una autolettura e se non viene rispettata la periodicità di fatturazione.

Il venditore, inoltre, potrà procedere al conguaglio di importi basati su dati stimati solo in caso in cui vi siano dati di misura effettivi da parte del distributore o di autoletture. Da notare, inoltre, che sarà previsto il divieto di fatturare consumi anticipati, ovvero successivi alla data di emissione della fattura.

Offerta Standard

Con la delibera 463/2016, l’Autorità avvia il procedimento per l’adozione della regolazione in tema di offerta standard. Le nuove norme che regolarizzeranno la fatturazione rappresentano, infatti, il primo passo verso un nuovo “corpus contrattuale standard” e saranno parte integrante delle future “offerte standard” del mercato libero dell’energia elettrica e del gas.

Commenti Facebook: