Android non è una piattaforma per la massa

Android non è una piattaforma mobile per il mercato di massa. Per capirlo poniamoci una semplice domanda: Android è pensato per gli smartphones o per dei cellulari a basso costo?

Il segmento di mercato che spesso riceve maggior attenzione è quello degli smartphones con piattaforme che variano da Android, Symbian, Microsoft e last but not least la versione OSX di casa Mac adattata per iPhone.

google-android
Tuttavia il segmento Smartphone vale solo per il 13% del mercato. Questo segmento sicuramente sarà destinato ad aumentare ma le previsioni di crescita più rosee indicano che non si supererà il 30% del mercato fino al 2013. Una piccola percentuale del rimanente 70% è data da telefoni con funzionalità base di sms e chiamata ma il grande volume sarà sui telefoni di fascia media che occuperanno la più grande fetta di mercato.

I telefoni per il pubblico di massa stanno diventando complessi da sviluppare: hanno la necessità di essere ad un costo contenuto, di avere un consumo contenuto ma al contempo devono contenere funzionalità innovative.

Le soluzioni Android esistenti sono supportate da processori dual core: processori ARM11 equipaggiano i devices garantendo soluzioni e prestazioni ottimali. Esempi? l’HTC Dream (G1) – 528 MHz ARM11, 192 MiB RAM. Usando una soluzione virtualizzata sarebbe possibile anche montare Android su singoli processori ARM11

Sarebbe realistico pensare di avere Android su processori ARM9? Probabilmente si dovrebbe accettare un compromesso sulle performances.

Cosa dire invece dei processori ARM7 (usati per la gran parte dei telefoni di massa)? Ebbene sarebbe quasi impossibile a meno che non si facesse una versione “lite” di Android.

è una piattaforma mobile per il mercato di massa. Per capirlo poniamoci una semplice domanda: Android è pensato per gli smartphones o per dei cellulari a basso costo?

Il segmento di mercato che spesso riceve maggior attenzione è quello degli smartphones con piattaforme che variano da Android, Symbian, Microsoft e last but not least la versione OSX di casa Mac adattata per iPhone.

google-android
Tuttavia il segmento Smartphone vale solo per il 13% del mercato. Questo segmento sicuramente sarà destinato ad aumentare ma le previsioni di crescita più rosee indicano che non si supererà il 30% del mercato fino al 2013. Una piccola percentuale del rimanente 70% è data da telefoni con funzionalità base di sms e chiamata ma il grande volume sarà sui telefoni di fascia media che occuperanno la più grande fetta di mercato.

I telefoni per il pubblico di massa stanno diventando complessi da sviluppare: hanno la necessità di essere ad un costo contenuto, di avere un consumo contenuto ma al contempo devono contenere funzionalità innovative.

Le soluzioni Android esistenti sono supportate da processori dual core: processori ARM11 equipaggiano i devices garantendo soluzioni e prestazioni ottimali. Esempi? l’HTC Dream (G1) – 528 MHz ARM11, 192 MiB RAM. Usando una soluzione virtualizzata sarebbe possibile anche montare Android su singoli processori ARM11

Sarebbe realistico pensare di avere Android su processori ARM9? Probabilmente si dovrebbe accettare un compromesso sulle performances.

Cosa dire invece dei processori ARM7 (usati per la gran parte dei telefoni di massa)? Ebbene sarebbe quasi impossibile a meno che non si facesse una versione “lite” di Android.

Commenti Facebook: