Aeeg assicura maggior controllo a partire dal 2012

Da gennaio 2012 le forniture di gas e corrente elettrica saranno monitorate in maniera più continuativa ed efficace in modo da poter fornire ai cittadini una maggiore informazione e quindi capacità di scelta per quanto riguarda questi essenziali servizi casalinghi.

Una maggiore trasparenza per una maggiore equità è lo scopo ultimo dell’Autorità Garante per l’Energia Elettrica e Gas che va ad interpretare una richiesta di informazione dettagliata ed autorevole dei cittadini. Le nuove normative sulla concorrenza infatti hanno reso questo mercato più variegato rispetto al monopolio presente fino a pochi anni fa’ ma allo stesso tempo può creare confusione tra gli utenti che non sempre possono, o sono in grado, di cercare il gestore adatto alle loro esigenze.

Il nuovo sistema di monitoraggio andrà ad interessare le vendite di gas e luce presso privati e piccole imprese per assicurare il pieno rispetto delle vigenti normative e delle regole sulla concorrenza affinché non si verifichino casi di ambiguità o addirittura truffe ai danni dei consumatori. Attraverso il Testo Integrato Monitoraggio Retail i controlli partiranno fin dal primo gennaio 2012 e andranno ad interessare l’intera erogazione nazionale con controlli generalizzati che e capillari che andranno inoltre a testare l’effettiva conoscenza delle norme di tariffazione da parte di clienti finali.

luce_e_gasIl materiale da inviare all’Aeeg attraverso modulo cartaceo sarà richiesto e notificato entro il 23 dicembre alle aziende coinvolte che avranno quindi tutto il tempo utile per raccogliere la documentazione e inviarla all’Authority. I dati raccolti saranno riuniti in un report annuale che verrà poi aggiornato ogni tre mesi monitorando così l’intero mercato i determinati archi temporali. Dati e informazioni verranno richiesti a tutti i gestori di gas ed energia elettrica operanti in Italia, indifferentemente dalle loro dimensioni e dalla loro diffusione in modo da poter avere il quadro completo, e per nulla approssimativo della situazione del settore.

La libera concorrenza infatti ha reso molto difficile mantenere il controllo su queste forniture in quanto molte volte le procedure per disdire contratti possono sembrare troppo complicate o a volte omesse da parte delle aziende. E’ invece un diritto dei cittadini poter scegliere il proprio fornitore tra le varie proposte del mercato per poter risparmiare o anche solo per poter avere un servizio diverso da quello attuale. Proprio questa possibilità di scelta e di confronto è l’obiettivo dell’ Autorità Garante per l’Energia Elettrica e Gas attraverso il monitoraggio nazionale.

Commenti Facebook: