Accordo tra Google e Lenovo: Motorola verrà venduta a 2,91 miliardi di dollari

Come molti di voi già sapranno, Google ha annunciato la scorsa settimana di aver trovato un accordo con il colosso cinese Lenovo per la vendita di Motorola Mobility, divisione mobile del noto gruppo statunitense, acquistato dal search engine nel 2012 alla cifra di 12,5 miliardi di dollari.

Il colosso cinese pronto a rilanciare il marchio statunitense e rafforzarsi sul mercato mobile

Lenovo, invece, acquisterà Motorola Mobilty a “soli” 2,91 miliardi di dollari, cifra decisamente inferiore, anche se vi sono da tenere in considerazione alcuni importanti aspetti della transazione: il gruppo di Mountain View, infatti, manterrà il controllo di ben 15 mila brevetti su un totale di 17 mila.

Come ricorda Eugenio Occorsio di Repubblica, inoltre, il motore di ricerca aveva recuperato quasi 2,5 miliardi nella vendita del comparto set-top box di Motorola ad un carrier americano e incassato ulteriori 3 miliardi già presenti nelle casse del produttore a stelle e strisce al momento dell’acquisizione.

Scopri tariffe con smartphone incluso

Ma perché sbarazzarsi di una società in rilancio, proprio nel momento in cui i segnali di ripresa sembravano più forti, con l’arrivo degli ottimi smartphone Moto X e del più economico Moto G? Secondo diverse fonti, pare che Google non sia riuscita ad ottenere dei risultati soddisfacenti, sia a livello hardware, sia a livello pubblicitario in campo mobile, dove la società californiana registra addirittura una perdita.

Per questo e per altri motivi meno ovvi Big G avrebbe deciso di abbandonare le ambizioni da produttore e cedere Motorola Mobility. Lenovo, per chi non lo sapesse, rappresenta oggi il leader mondiale nel settore pc, superando addirittura HP. Negli ultimi anni il gruppo asiatico sta puntando sempre più insistentemente sul settore mobile, prevedendo una maggiore presenza nei mercati occidentali.

In occasione del Consumer Electronics Show di Las Vegas del mese scorso, il presidente di Lenovo America aveva già fatto sapere di avere tra i progetti un rafforzamento del brand negli Stati Uniti e in tutto il Sud America: probabilmente già in quei giorni i due colossi erano già in trattativa per la cessione della divisione mobile di Motorola. Ora la decisione passerà agli organismi di controllo cinese e americano, che dovranno esprimersi sulla validità o meno dell’accordo raggiunto tra le due parti.

Ma quale sarà, quindi, il futuro di questo marchio storico della telefonia mobile nel caso in cui si otterrà il via libera? Secondo Yang Yuanqing, l’amministratore delegato di Lenovo, il colosso cinese riuscirà a rilanciare Motorola sul settore mobile, diventando uno dei maggiori protagonisti nel pianeta Android. Anche Larry Page di Google appare ottimista sul futuro dell’azienda statunitense sotto il controllo di Lenovo, ribadendo la qualità dei prodotti Motorola, soprattutto in questi ultimi anni.

Commenti Facebook: