Come calcolare la rata di un prestito?


Ci sono tre nozioni fondamentali che bisognerebbe conoscere quando si parla di prestiti e di come calcolare la rata di un prestito

calcolo rata prestito

Si tratta, nello specifico, di:

  • calcolare in anticipo l’entità della rata;
  • essere consapevoli del fatto che TAN e TAEG incidono molto sul valore della rata;
  • calcolare la rata del prestito online, in modo tale da avere le idee chiare e poter così scegliere il prestito più adatto alle proprie necessità. 

Facciamo subito un esempio concreto, relativo a una possibile richiesta di mutuo: per sapere se si sarà in grado di sostenere il finanziamento da richiedere, sarà necessario conoscere l’importo della rata in anticipo

Perché è importante calcolare la rata di un prestito

Conoscere a quanto ammonta la rata di un prestito è un passaggio fondamentale e da non sottovalutare per diversi motivi. 

Nella pratica:

  • da un lato permette di capire se la rata da pagare ogni mese, che di solito prevede un importo fisso, sia sostenibile rispetto al proprio reddito mensile;
  • dall’altro, invece, permetterà di poter fare un confronto con altre proposte

Il consiglio da adottare fin da subito nel momento in cui si ha intenzione di richiedere un finanziamento consiste, infatti, nel rivolgersi a diversi istituti e richiedere dei preventivi, in modo tale da poter scegliere il prestito migliore tra tutti.

Nel momento in cui si dovrà calcolare la rata del prestito, bisognerà sempre aggiungere all’importo della data alcuni elementi essenziali. Vediamo di seguito di cosa si tratta. 

Calcolo rata prestito: come funziona

Quando si richiede un prestito, non si dovrà fare solamente il totale dell’importo che si vorrà richiedere, suddiviso per il numero totale di rate, in modo da conoscere quanto si dovrà pagare ogni mese. 

Nel calcolo, infatti, entrano in gioco anche altri parametri, ovvero i tassi di interesse. Nel caso dei prestiti, si dovranno considerare:

  • il TAN, ovvero il Tasso Annuo Nominale;
  • il TAEG, ovvero il Tasso Annuo Effettivo Globale. 

In sintesi, dunque, nel calcolo della rata di un prestito di qualsiasi natura, che sia personale oppure no, ecco quali sono i parametri che entrano in gioco:

  • importo del prestito;
  • tasso di interesse;
  • durata complessiva del finanziamento in anni;
  • numero di rate. 

Solitamente, la regola generale prevede che si potrà scegliere tra interessi con tasso fisso, oppure variabili in base all’andamento del mercato, e che, al crescere della durata del prestito, cresceranno anche gli interessi da dover versare. In questo modo, la cifra da dover restituire all’ente che ha promosso il finanziamento diventerà più elevata. 

Cosa sono TAN e TAEG

I tassi di interesse rappresentano la variabile di maggiore importanza, in base ai quali il valore della rata del prestito potrà cambiare notevolmente. Di cosa si tratta di preciso? Abbiamo analizzato i due valori nella tabella che segue. 

Tasso di interesse

Significato

TAN

è l’acronimo di tasso annuo nominale e rappresenta la quota degli interessi che vengono applicati dalla banca sull’importo oggetto del prestito

TAEG

è l’acronimo di tasso annuo effettivo globale e indica il costo effettivo del finanziamento, in quanto comprende tutti i costi e gli oneri da sostenere

Il TAEG può comprendere:

  • il costo dell’istruttoria;
  • i costi di gestione e di chiusura del finanziamento;
  • le spese per l’assicurazione. 

Sono invece solitamente escluse dal TAEG le imposte da pagare per la stipula del contratto, oltre che gli interessi di mora e eventuali spese legali previste per il recupero forzoso del credito (nell’ipotesi in cui non si dovessero riuscire a saldare le rate). 

Alla luce di quanto detto fin qui, si può ben intuire come il TAGE sia molto più importante del TAN. Ragion per cui, a parità di TAN, si dovrà prendere in considerazione la proposta di finanziamento con il TAEG più basso, considerato che si tratta di due tassi che variano da banca a banca. 

Come calcolare la rata del prestito in pratica

Ci sono diversi metodi che possono essere messi in pratica per calcolare la rata di un prestito. Il più semplice consiste nel cercare su Internet un sito specializzato, come per esempio PrestitiOnline.it, dove sarà disponibile dei calcolatori automatici

Sarà dunque sufficiente inserire:

  • l’importo del prestito;
  • la sua durata;
  • il tasso di interesse;
  • la frequenza delle rate, che potranno essere mensili, trimestrali, semestrali.

Alla voce relativa al tasso di interesse, si consiglia di indicare il valore del TAEG, in modo tale da ottenere un rata che comprenda tutte le spese che dovranno essere pagate in caso di finanziamento. 

Una soluzione alternativa è rappresentata dall’utilizzo di Excel: si potrà scaricare dal web un modello apposito, impostare una tabella di calcolo e inserire tutti i dati necessari, ovvero quelli appena elencati (importo, durata, numero di rate, tasso di interesse).

Come si calcola la rata di un prestito: esempio

Ipotizziamo un prestito pari a 20.000 euro, che dovrà essere rimborsato in 10 anni, con rate mensili e sul quale viene applicato un TAEG pari al 13%. 

Utilizzando un calcolatore automatico, si otterrà il seguente risultato:

  • la cifra totale da restituire sarà pari a 35.834,578 euro, in quanto il TAEG è molto elevato;
  • il totale degli interessi ammonterà a 15.834,578;
  • il numero di rate totali da sostenere sarà di 120 rate (12 rate all’anno per 10 anni);
  • l’importo della rata mensile corrisponderà a 298,62 euro. 

Se si cerca un finanziamento con un TAEG più basso, per esempio pari al 10%, i valori sopra riportati cambiano e la soluzione individuata è senza dubbio molto più conveniente. In questo caso, si avrà infatti:

  • una cifra totale da restituire pari a 31.716,177 euro;
  • un totale degli interessi pari a 11.716,177 euro;
  • una rata mensile da sostenere più bassa, pari a 264,30 euro. 

Al crescere del TAEG, dunque, il prestito sarà sempre meno conveniente e viceversa. 

Il comparatore di prestiti di PrestitiOnline

Nel caso in cui si fosse interessati a effettuare una richiesta di prestito, su PrestitiOnline.it si avranno a disposizione le migliori risorse sui finanziamenti per scegliere il prestito più adatto. 

Si potranno provare gratuitamente gli strumenti di calcolo per fare delle simulazioni e scoprire le migliori soluzioni disponibili giorno per giorno. 

Tra i dati che si dovranno inserire nello strumento, ci sono per esempio:

  • la finalità del finanziamento;
  • l’importo del prestito;
  • la durata;
  • l’eventuale assicurazione;
  • la data di nascita;
  • il Comune di domicilio;
  • il tipo di impiego svolto e da quanto tempo lo si svolge;
  • il reddito mensile netto;
  • le mensilità.

Dopo aver cliccato su Mostra i prestiti, si potranno confrontare le offerte di prestito personali disponibili e, dopo averlo fatto, richiedere il preventivo online, gratis e senza impegno. 

Il comparatore di prestiti di SOStariffe.it

Uno strumento molto simile è presente anche su SOStariffe.it, nella sezione dedicata a prestiti e mutui. 

Il comparatore di prestiti si basa sull’inserimento dei seguenti dati:

  • l’importo desiderato;
  • la durata del finanziamento, da un minimo di 12 mesi fino a un massimo di 120 mesi;
  • la finalità del finanziamento, quali ristrutturazione casa, arredamento, impianti per la casa, auto nuova, auto usata, motoveicolo nuovo, motoveicolo usato, informatica e PC, elettrodomestici, spese mediche, viaggi e vacanze, hobbies e tempo libero, matrimonio e cerimonie, formazione e università, estetica e benessere;
  • l’impiego del richiedente, che potrà per es. essere Dip. azienda municipalizzata, Dip. Ferrovia di Stato, Dip. statale/ministeriale, dipendente pubblica amministrazione, dipendente postale, medico convenzionato, pensionato, dipendente privato Spa, Dipendente privato Srl, Autonomo, senza reddito, altro. 

Dopo aver inserito questi dati, si dovranno fornire informazioni di carattere personale, al fine di ricevere dei preventivi personalizzati, ovvero nome, cognome, email, Comune, CAP e numero di telefono. 

Si dovranno quindi accettare le Condizioni di Utilizzo e Informative Privacy (il primo punto sarà obbligatorio, mentre il secondo facoltativo). Si tratta di uno strumento molto pratico, con il quale confrontare le rate relative ai vari finanziamenti e sceglie quella più conveniente tra tutte. 

Si ricorda, inoltre, che oggi è possibile richiedere un prestito personale online anche se non si ha una busta paga, facendo richiesta di un prestito personale senza busta paga. Questa tipologia di finanziamento prevede, generalmente, la presenza di un garante, che possa dare alla banca la certezza che quanto versato al richiedente sarà effettivamente restituito. 

I prestiti possono, inoltre, essere restituiti prima rispetto al tempo stabilito con la banca: in questo caso, si avrà anche diritto alla riduzione del costo complessivo del finanziamento, in quanto si ridurrà il numero totale di rate e, dunque, anche i relativi interessi.

 

Come attivare un prestito senza busta paga e senza garante ad aprile 2022

Come ottenere un prestito senza busta paga e senza garante? Si tratta di una domanda che potresti porti se ti trovi in una situazione di difficoltà economica, come per esempio a dover sostenere le rate del mutuo dopo aver perso il lavoro. Ecco alcune delle soluzioni disponibili nel mese di aprile 2022. 

Prestito personale senza busta paga: le offerte per avere un finanziamento a Febbraio 2022

È possibile ottenere un prestito personale senza busta paga? Le opportunità in tal senso sono diverse ed è necessario valutare caso per caso la fattibilità del prestito. Le proposte degli istituti di credito diventano sempre più flessibili e convenienti e accedere ad un presto personale anche senza busta paga resta un'opportunità concreta, nel rispetto di alcune precise condizioni necessarie. Andiamo a vedere come ottenere un prestito personale senza busta paga e quali sono le migliori offerte disponibili a tale scopo nel mese di febbraio 2022.

Come funziona il prestito COVID per Partiva IVA?

Il coronavirus è stata una brutta bestia (e purtroppo lo è ancora), sotto molti punti di vista: i professionisti in Partita IVA e la PMI hanno subito un duro colpo, ma il Governo ha messo a disposizione dei finanziamenti per sostenerli. Quando si parla di prestito covid per partita IVA si può, dunque, fare riferimento al Fondo di garanzia per le PMI: vediamo di seguito come funziona. 
Hai bisogno di maggiori informazioni?