Come si chiede un prestito personale?


Chiedere un prestito personale a un istituto di credito è un processo tutto sommato piuttosto semplice e veloce che richiede alcuni passaggi obbligati prima di essere portato a termine. Anche gli utenti meno esperti, con un po’ di applicazione e con tutta la documentazione richiesta, potranno ottenere in pochi step un prestito personale, anche online. Ecco come fare. 

Richiedere un prestito: la procedura

Richiedere un prestito personale è un’operazione decisamente semplice anche se, per portare a termine l’intera procedura, è necessario seguire alcuni passaggi obbligati. Come prima cosa, è importante avere a disposizione tutta la documentazione che l’istituto di credito prescelto richiederà.

Ogni istituto di credito presenta parametri differenti ma, di norma, per richiedere un prestito personale è necessario che il richiedente abbia un età compresa tra i 18 ed i 70 anni e che possegga una “capacità di rimborso” che consideri tutte le spese periodiche (dall’affitto alle bollette passando per le rate di altri prestiti).

Chi richiede un prestito deve esibire, al momento dell’apertura della domanda, la busta paga, nel caso in cui sia un lavoratore dipendente, o la dichiarazione dei redditi nel caso di lavoratore autonomo. Per i pensionati è richiesta la presentazione del cedolino della pensione.

Chi non ha la possibilità di dimostrare il proprio reddito e, quindi, di garantire una reale possibilità di rimborsare il prestito potrà fornire la garanzia personale di un terzo, di norma un parente stretto, che potrà impegnarsi a pagare le rate del prestito in caso di inadempienza del richiedente. Il soggetto terzo dovrà comunque dimostrare di avere un reddito in grado di rappresentare una reale garanzia per l’istituto. Da notare che è richiesto anche essere titolari di un conto corrente.

Puoi utilizzare il comparatore di SosTariffe.it, cliccando sul box qui di sotto, per confrontare le migliori opzioni e ottenere un prestito online in pochi passaggi.

Confronta i prestiti onlineVai

Una volta individuato l’istituto di credito a cui richiedere il prestito, valutando tutti i fattori legati ai tempi di restituzione dello stesso ed al tasso di interesse applicato, dopo aver fornito tutta la documentazione richiesta, il richiedente non dovrà far altro che avviare la pratica e attendere l’ok da parte dell’istituto stesso.

Se si vuole richiedere un prestito online sarà necessario avere a disposizione una copia in formato digitale dei propri documenti di riconoscimento, del codice fiscale e dei documenti che attestano il reddito. In caso vi siano altri finanziamenti in corso, sarà necessario presentare un relativo documento.  A conti fatti, la richiesta del prestito tramite procedura online è del tutto analoga alla richiesta che può essere fatta in una filiale della propria banca.

Confronta i conti correntiVai

Cosa valutare nella scelta del prestito

Per valutare le caratteristiche di un finanziamento è necessario considerare diversi fattori. In particolare, a determinare il reale costo del prestito personale è il  Tasso Annuale Effettivo Globale (TAEG), un valore percentuale che prende in considerazione tutte le spese accessorie a carico del richiedente. Il prestito più conveniente avrà un TAEG il più basso possibile.

Quando si richiede un prestito personale è importante valutare con attenzione l’importo dello stesso e le reali possibilità di restituire, in tempo, tutte le rate. Il rimborso delle rate deve, infatti, avvenire sempre in modo puntuale e preciso. In caso di mancato pagamento, l’istituto di credito potrà, infatti, terminare il contratto unilateralmente. Per chi ha ricevuto il prestito, inoltre, ci sarà il rischio di essere segnalato come cattivo pagatore con relative difficoltà future nel richiedere ulteriore credito.

Confronta le opinioni sulle bancheVai

Prestiti per cattivi pagatori senza garante: possibile?

Orientarsi nel mondo dei prestiti non è semplice. In particolare, per chi rientra nella categoria dei cosiddetti "cattivi pagatori" accedere ad un prestito può essere, in diversi casi, complicato. Nonostante ciò, esistono delle soluzioni per ottenere prestiti per cattivi pagatori anche senza garante. Ecco, quindi, quali sono le opzioni a disposizione di chi rientra nella categoria di "cattivi pagatori" e come fare a scegliere la soluzione più in linea con quelle che sono le proprie esigenze.

Ecobonus 110%: le ultime notizie

Nonostante sia ufficialmente in vigore dal 1° luglio 2020, l’ecobonus 110% sarà realtà molto probabilmente tra le fine di agosto e i primi di settembre. Di recente sono state introdotte delle modifiche rispetto al testo iniziale del bonus, che hanno inglobato anche le seconde case e ampliato il numero di interventi per i quali sarà possibile utilizzare tale agevolazione fiscale. 

Superbonus 110% per ristrutturazione: come funziona e domanda all'Agenzia delle Entrate

La nuova detrazione per chi esegue lavori per aumentare l'efficienza energetica e sismica o per chi installi pannelli fotovoltaici per alimentare la propria abitazione è stata fissata al 110% dal Decreto Rilancio. Ecco come funzionerà il Superbonus ristrutturazioni e cosa sarà richiesto per presentare la domanda per ottenere la detrazione
Hai bisogno di maggiori informazioni?