Dove conviene chiedere un prestito?


Richiedere un prestito personale, per accedere a della liquidità extra in modo da realizzare un progetto specifico, necessita una valutazione attenzione di svariati fattori. L’accesso ad una linea di finanziamento, infatti, prevede il rispetto di determinati requisiti, richiesti dall’ente che eroga il denaro richiesto, e una serie di costi. La valutazione dei costi del prestito e le sue caratteristiche (in particolare la struttura del pagamento rateale) sono elementi fondamentali, da analizzare con molta attenzione.

prestito personale

Dove conviene chiedere un prestito? Una risposta assoluta non esiste. Il mercato finanziario italiano presenta tantissime opzioni e individuare la scelta migliore per accedere ad un prestito richiede la massima attenzione ed un’analisi approfondita di tutti gli elementi in gioco. Anche quando si ha bisogno di un prestito con urgenza, è fondamentale non trascurare la fase di analisi delle proprie opzioni e delle caratteristiche dei vari prestiti. Solo in questo modo, infatti, si avrà la certezza di poter accedere alle soluzioni migliori.

Di seguito andremo ad analizzare alcuni elementi fondamentali che caratterizzano la richiesta di un prestito. Ogni utente che si trova nelle condizioni di dover richiedere un prestito presenta necessità specifiche. Per individuare la soluzione più conveniente per richiedere un prestito bisogna, quindi, considerare, caso per caso, le esigenze del richiedente. Successivamente, andremo a vedere quando è meglio chiedere un prestito a una banca o a una finanziaria e le principali differenze fra le due nell'erogazione di un finanziamento, per poi valutare la richiesta di un prestito alla posta e finire con dei consigli su come procedere per la richiesta di un mutuo.

Verificare le credenziali dell’operatore che eroga il prestito

Prima di richiedere un prestito è opportuno effettuare sempre una verifica iniziale che rappresenta un requisito essenziale della scelta del soggetto finanziario a cui affidarsi per l’erogazione del prestito stesso.

Per evitare problemi di vario tipo è fondamentale evitare in modo assoluto di richiedere prestiti di denaro a soggetti non regolarmente autorizzati dagli enti che regolano il mercato italiano. Per quanto, spesso, tali soggetti propongano condizioni apparentemente vantaggiose per l’accesso ad un prestito si tratta di una pratica assolutamente da evitare.

Il rischio di dover fare i conti con usura e criminalità organizzata è elevato. Il mercato finanziario e tutte le opzioni di prestiti e finanziamenti a disposizione degli utenti sono regolamentate da precise normative. Tutti i soggetti autorizzati ad esercitare quest’attività finanziaria devono sottostare a tali normative, garantendo la massima trasparenza ai clienti.

Per questo motivo è opportuno verificare sempre le credenziali dell’operatore finanziario a cui ci si vuole affidare per la richiesta del prestito. In particolare, tale operatore, per poter esercitare la sua attività sul mercato italiano dovrà essere regolarmente registrato nel registro dei mediatori creditizi o degli agenti in attività finanziaria. Tali registri sono consultabili tramite i portali web www.organismo-am.it o su www.bancaditalia.it.

Individuare il miglior prestito con il confronto online

Per orientarsi nel mercato dei prestiti, valutare con attenzione le migliori opzioni disponibili ed evitare di imbattersi in soggetti non autorizzati all’erogazione di un prestito è possibile utilizzare uno strumento online per il confronto delle varie soluzioni a disposizione degli utenti italiani. Tramite il comparatore di SOStariffe.it per prestiti, disponibile anche tramite l’App di SOStariffe.it per Android e iOS, sarà possibile individuare, in poco tempo ed in modo completamente gratuito, le migliori soluzioni per l’accesso a un prestito personale.

Il servizio di comparazione proposto da SOStariffe.it fornisce all’utente anche un’altra importante garanzia. Gli operatori finanziari che vengono inclusi nella comparazione, infatti, sono tutti rigorosamente verificati da SOStariffe.it che controlla che tali soggetti abbiano i requisiti per poter proporre un prestito personale agli utenti italiani.

Grazie alla comparazione, quindi, si avrà la certezza di individuare l’opzione di prestito migliore valutando solo le proposte degli operatori che rispettano al 100% la normativa vigente. 

La documentazione necessaria per chiedere un prestito

Optare per un prestito online permette di massimizzare la convenienza, riducendo i tempi. A prescindere dall’opzione scelta per l’ottenimento del finanziamento, i prestiti online non differiscono in modo particolare rispetto a quelli richiesti tramite i canali “tradizionali”. Per l’accesso alla liquidità messa a disposizione dall’operatore finanziario sarà necessario presentare una determinata documentazione.

Per l’approvazione del prestito bisognerà fornitore tutti i dati anagrafici richiesti. Se il prestito viene richiesto come impresa e non come privato, bisognerà fornire dettagli aggiuntivi come il numero di partita IVA. L’intera documentazione andrà inviata in versione digitale in modo da semplificare e velocizzare l’iter di verifica.

L’ultimo passaggio necessario all’ottenimento del prestito è rappresentato dalle garanzie. Banche e finanziarie richiederanno, infatti, documenti che confermano che il richiedente sia in grado di restituire l’importo preso in prestito (più gli interessi). È necessario fornire una documentazione reddituale che attesti la possibilità di restituire il prestito. In aggiunta, per l’accesso agevolato al prestito, sarà possibile indicare un garante.

Differenza fra banca e finanziaria nell'erogazione di un prestito

Qual è la differenza fra una banca e una finanziaria e quale è meglio considerare per richiedere un finanziamento? Fra le varie, come ad esempio l'obbligo di possedere una sede fisica sul suolo italiano per le banche, spiccano quelle in merito ai servizi elargiti, fra i quali sono inclusi le modalità di erogazione dei prestiti. Vediamo insieme nel dettaglio:

Per l’accesso ad un prestito tramite una banca sarà necessario presentare garanzie molto forti: la maggior parte delle banche propone ai loro clienti delle soluzioni per l’accesso a prestiti personali con le rate che verranno addebitate direttamente sul conto corrente. Trattandosi di attività “accessorie”, le banche tendono ad essere abbastanza rigide sulle modalità di accesso e sulle caratteristiche dei prestiti.

La stessa banca, inoltre, conosce già la situazione finanziaria e patrimoniale del cliente (nella maggior parte dei casi) e avrà già un’idea ben precisa in merito ai margini di fattibilità del prestito. Chi ha un conto corrente attivo con una banca che propone anche soluzioni di prestiti personali può, quindi, contattare il proprio istituto e valutare le eventuali proposte.

Naturalmente, è possibile affidarsi anche ad una banca in cui non si ha un conto corrente, valutando l’accesso alle soluzioni di prestiti e finanziamenti disponibili per i nuovi clienti. In questo caso, tornerà utilissimo affidarsi alla comparazione online dei prestiti in grado di offrire, in poco tempo, tutte le informazioni relative alle migliori soluzioni disponibili.

Le finanziarie - come le banche d’investimento, le società di leasing, le compagnie assicurative, i fondi di investimento e le società finanziarie - a differenza delle banche non gestiscono il risparmio ma offrono servizi finanziari, fra i quali spicca l’erogazione di finanziamenti, che può essere considerata la loro principale fonte di profitto. Di conseguenza, le finanziarie potrebbero essere più “flessibili” e meno esigenti nella valutazione delle richieste di prestito.

Al momento della sottoscrizione di un prestito con una finanziaria, i tempi per la procedura sono molto più brevi rispetto a quanto avviene con una banca: la richiesta di prestito può avvenire anche online, fornendo la copia di un documento d’identità valido e  documenti di attestazione del reddito (busta paga, modello UNICO o CUD). Questo succede perché le finanziarie riconoscono alla firma digitale lo stesso valore della firma su carta. Sia per quanto riguarda le garanzie che i tassi di interesse, le finanziarie potrebbero offrire condizioni favorevoli ma saranno più attente per quanto riguarda il saldo delle rate, proponendo meno soluzioni per agevolare la restituzione di quanto dovuto da parte del cliente. 

Quando affidarsi a una banca o a una finanziaria

In breve: una società finanziaria offre servizi uguali a quelli bancari, ma in modo più specializzato, con tassi di interesse più vantaggiosi, costi più contenuti e erogazione del prestito in tempi brevi. Per quel che riguarda la durata dei piani di ammortamento, le finanziarie arrivano a 84 mesi, mentre le banche a 120.

La banca permette una maggiore libertà d’azione per quanto riguarda il debito e il credito, mentre la finanziaria non può raccogliere o gestire il risparmio. Le banche, inoltre, permettono di personalizzare i tassi d’interesse, al contrario di quanto avviene con le finanziarie.

Come valutare la convenienza di un prestito

La comparazione online è, chiaramente, uno strumento fondamentale per poter accedere ad una panoramica completa delle varie opzioni disponibili per l’accesso a un prestito personale. È compito del richiedente, in ogni caso, analizzare le opzioni più vantaggiose nei minimi dettagli al fine di valutare, con la massima precisione, quelle che sono le soluzioni migliori a cui affidarsi.

Per valutare l’effettiva convenienza di un prestito è, quindi, necessario:

  • analizzare con attenzione gli interessi richiesti e, in particolare, il TAEG che rappresenta l’indicatore principale da considerare per valutare l’effettivo costo dell’operazione; un TAEG molto elevato comporterà un costo notevole per l’accesso al prestito e renderà l’accesso alla liquidità meno conveniente
  • verificare con attenzione le condizioni contrattuali; prima di attivare un qualsiasi prestito è opportuno consultare, nei minimi dettagli, le varie clausole previste dal contratto assicurandosi che non vi siano elementi in grado di rendere svantaggiosa l’operazione; in particolare è opportuno considerare con attenzione tutte le spese accessorie che potrebbero essere collegate al prestito, dalle spese di incasso e gestione della rata, a quelle di istruttoria passando per le possibili spese di chiusura della pratica; analizzando tutte le voci contrattuali si avrà un’idea chiara dei costi effettivi che vanno a sommarsi al costo del prestito
  • verificare la presenza di polizze assicurative incluse; il richiedente non è obbligato a sottoscrivere una polizza assicurativa al momento della firma di un contratto di prestito ma molte finanziarie tendono ad incentivare tale pratica che fa lievitare i costi (per il cliente) andando a ridurre i rischi (per chi eroga il prestito); l’attivazione di una polizza assicurativa non è obbligatoria
  • evitare di versare un anticipo, ad esempio come compenso per un intermediario, prima dell’effettiva erogazione del prestito al fine di scongiurare la presenza di truffe; in questo caso, per evitare problemi di questo tipo, conviene fortemente seguire i canali online che eliminano la presenza di intermediari

Gli aspetti da tenere in considerazione per scegliere il prestito più conveniente sono diversi. È molto importante considerare con attenzione tutti i fattori in gioco in quanto la convenienza di un prestito è molto soggettiva e ogni utente presenta specifiche esigenze da tenere in considerazione per poter scegliere l’opzione migliore.

Tra gli aspetti da considerare c’è la sostenibilità della rata mensile. Se la rata dovesse essere troppo alta, in relazione alla propria disponibilità economica, potrebbe essere necessario valutare soluzioni alternative. Ad esempio, per rendere più sostenibile la rata potrebbe essere una scelta giusta verificare la possibilità di puntare su soluzioni di prestito che prevedono un numero di rate mensili maggiore per la restituzione.

In questo caso, i costi complessivi del prestito aumenteranno (bisogna però fare attenzione che non aumentino troppo considerando il TAEG e quindi l’importo totale da restituire) ma la rata diventerà più sostenibile nel corso del tempo. Al contrario, se la rata di per sé è già sostenibile, può essere utile verificare la possibilità di puntare su di una soluzione con un minor numero di rate, in modo da ridurre i costi del prestito. In genere, una rata viene definita sostenibile quando risulta essere inferiore al 30% del reddito netto mensile a disposizione.

Come ottenere un prestito più facilmente

Ci sono vari elementi da considerare nella scelta del prestito più conveniente. Una volta individuato, per ottenerlo più facilmente è necessario assicurare all’istituto di credito di essere in grado di poter restituire quanto dovuto senza problemi. Per poter ottenere un prestito facilmente (dopo aver individuato la soluzione di credito più vantaggiosa) è possibile valutare la possibilità di allungare la rata (i costi per il cliente aumenteranno ma la rata sarà più sostenibile e la banca accetterà il prestito più facilmente).

Un’altra opzione da tenere in considerazione per poter accedere al prestito desiderato con la massima facilità è rappresentata dalla possibilità di segnalare all’istituto un garante. Si tratta di un soggetto terzo (solitamente un parente stretto) che si occuperà di saldare le rate residue nel caso in cui il richiedente non possa farsi carico più del pagamento delle rate. In questo modo, il rischio di insolvenza si ridurrà e l’istituto di credito accetterà la richiesta di prestito con maggiore probabilità.

Conviene chiedere un prestito alla posta?

Tra le tante opzioni da tenere in considerazione per accedere ad un prestito ci sono anche le soluzioni di credito messe a disposizione alla clientela da Poste Italiane che può essere considerata come un’alternativa da valutare con attenzione in tutti quei casi in cui si ha bisogno di liquidità aggiuntiva, ad esempio per realizzare progetti specifici.

Spesso ci si chiede se conviene chiedere un presto alla posta oppure se è meglio puntare su altre soluzioni, rivolgendosi ad un altro istituto. Poste Italiane può contare su milioni di clienti in Italia e mette a disposizione diverse soluzioni per l’accesso a prestiti, cessione del quinto ed altri prodotti di credito. La gamma di Prestiti BancoPosta può rappresentare una soluzione da considerare quando si ha bisogno di un prestito.

Come abbiamo già visto in precedenza, in ogni caso, è necessario valutare, nel dettaglio, le varie proposte dell’istituto per poter esprimere un giudizio preciso. Nella valutazione da effettuare bisogna considerare tutti i parametri già illustrati nel paragrafo precedente al fine di valutare con precisione le caratteristiche del prestito. In linea di massima, conviene chiedere un prestito alla posta se la proposta di Poste Italiane risulterà essere in linea con le altre soluzioni più vantaggiose presenti sul mercato.

Per chi è già cliente, ad esempio con un conto corrente BancoPosta, ci potrebbero essere condizioni particolarmente agevolate per l’accesso al credito. In questi casi, puntare sulle proposte di prestito di Poste potrebbe davvero essere la scelta giusta. In conclusione, quando si valuta a chi rivolgersi per chiedere un prestito, non bisogna scartare le proposte di Poste Italiane che vanno considerate in quanto potrebbero garantire un certo risparmio.

I tempi di erogazione del prestito: le migliori soluzioni

Per quanto riguarda le tempistiche di erogazione del prestito, di solito, le finanziarie tendono a presentare tempi inferiori, grazie anche alla minore burocrazia ed alla maggiore flessibilità dovuta alla volontà di “accaparrarsi” un maggior numero di clienti, a fronte di un fattore di rischio maggiore. Le banche presentano, invece, tempi più lunghi, legati soprattutto all’analisi più approfondita dei requisiti.

Quanto detto nel paragrafo precedente può essere considerato come una regola generale ma che presenta le dovute eccezioni all’interno del mercato finanziario. È sempre importante valutare caso per caso la situazione e verificare, quindi, ogni volta le tempistiche per l’effettiva erogazione del prestito da parte dell’operatore finanziario a cui ci si rivolge.

La strada migliore per accelerare le tempistiche di erogazione di un prestito è rappresentata dai prestiti online. Anche in questo caso, quindi, torna in gioco il ruolo di primo piano della comparazione online. Scegliendo il prestito direttamente online, grazie al confronto delle varie opzioni disponibili, si ridurranno drasticamente i tempi.

Una volta inviata la richiesta di prestito tramite procedura online, inoltre, i tempi di attesa per una risposta saranno decisamente più brevi rispetto alle normali tempistiche. In sostanza, quindi, “digitalizzando” l’intero processo di scelta e richiesta di un prestito personale sarà possibile accelerare, in modo notevole, la procedura per l’ottenimento della liquidità.

Da notare, inoltre, che, nella maggior parte dei casi, la scelta di effettuare online la richiesta di prestito si traduce anche in una riduzione dei costi, grazie all’eliminazione di intermediari e dei vari costi collegati ai canali tradizionali.

Dove conviene richiedere un mutuo?

Quanto detto per i prestiti personali si estende anche ai mutui. Le soluzioni di finanziamento per l’acquisto di immobili, infatti, rappresentano una delle operazioni finanziarie più importanti per moltissimi utenti ed è, quindi, fondamentale prendersi tutto il tempo necessario per valutare le opzioni a propria disposizione per individuare la soluzione più conveniente.

Anche in questo caso, per l’accesso al mutuo, è opportuno verificare che l’operatore che erogherà il finanziamento sia regolarmente autorizzato ad esercitare la sua attività. È opportuno evitare di affidarsi a canali non affidabili per evitare qualsiasi tipo di rischio. Il mutuo è, infatti, un’operazione molto importante che va valutata con la massima attenzione.

Per individuare le migliori soluzioni a disposizione degli utenti per l’accesso a questo tipo di finanziamento è possibile, ancora una volta, affidarsi alla comparazione online. Grazie al comparatore di SOStariffe.it per mutui, infatti, sarà possibile accedere alle migliori opzioni per questo tipo di finanziamento. L’utente potrà ottenere informazioni precise sulle caratteristiche e sui costi del mutuo, con informazioni preziose per individuare la soluzione migliore.

Per accelerare la procedura di erogazione del mutuo, direttamente dal comparatore, sarà possibile affidarsi alla richiesta online contando la banca senza la necessità di recarsi in filiale. La procedura di richiesta online del mutuo funziona in modo analogo a quanto avviene con un normale prestito personale. La documentazione richiesta dall’istituto dovrà essere inviata tramite canali digitali.

Successivamente, dopo la valutazione della fattibilità da parte della banca, inizierà la pratica per l’erogazione del mutuo che, in breve tempo, consentirà all’utente di accedere alle risorse finanziarie per l’acquisto di un immobile. Prima di sottoscrivere un mutuo, come visto per il caso dei prestiti, è molto importante valutare la sostenibilità della rata.

Ancora una volta, la percentuale a cui fare riferimento è quella del 30%. Se la rata dovesse superare il 30% del reddito netto mensile, la soluzione scelta per il mutuo potrebbe essere poco sostenibile nel lungo periodo. In questi casi, la scelta migliore sarà quella di individuare un mutuo con una rata inferiore (anche a costo di dover ridurre l’importo del mutuo stesso).

 

Come attivare un prestito senza busta paga e senza garante ad aprile 2022

Come ottenere un prestito senza busta paga e senza garante? Si tratta di una domanda che potresti porti se ti trovi in una situazione di difficoltà economica, come per esempio a dover sostenere le rate del mutuo dopo aver perso il lavoro. Ecco alcune delle soluzioni disponibili nel mese di aprile 2022. 

Prestito personale senza busta paga: le offerte per avere un finanziamento a Febbraio 2022

È possibile ottenere un prestito personale senza busta paga? Le opportunità in tal senso sono diverse ed è necessario valutare caso per caso la fattibilità del prestito. Le proposte degli istituti di credito diventano sempre più flessibili e convenienti e accedere ad un presto personale anche senza busta paga resta un'opportunità concreta, nel rispetto di alcune precise condizioni necessarie. Andiamo a vedere come ottenere un prestito personale senza busta paga e quali sono le migliori offerte disponibili a tale scopo nel mese di febbraio 2022.

Come funziona il prestito COVID per Partiva IVA?

Il coronavirus è stata una brutta bestia (e purtroppo lo è ancora), sotto molti punti di vista: i professionisti in Partita IVA e la PMI hanno subito un duro colpo, ma il Governo ha messo a disposizione dei finanziamenti per sostenerli. Quando si parla di prestito covid per partita IVA si può, dunque, fare riferimento al Fondo di garanzia per le PMI: vediamo di seguito come funziona. 
Hai bisogno di maggiori informazioni?