Lotteria scontrini e bollette: si partecipa con il pagamento delle utenze?

A pochi giorni dall’inizio ufficiale della Lotteria degli scontrini, sono stati in molti a chiedersi se sarà possibile parteciparvi anche con il pagamento delle utenze di luce e gas. Vediamo di seguito come funziona, cosa si può vincere, quali sono gli acquisti esclusi dalla lotteria e cosa sapere in relazione alle proprie bollette domestiche. 

Lotteria scontrini e bollette: si partecipa con il pagamento delle utenze?

La lotteria degli scontrini fa parte del programma Italia Cashless, ideato dal Governo per incrementare l’utilizzo di carte di pagamento elettronico, quali carte di credito, carte di debito, carte prepagate e applicazioni connesse a circuiti di pagamento privativi. 

Nella pratica, permette di partecipare a una lotteria gratuita dopo aver richiesto, sul sito ufficiale, un codice lotteria associato al proprio codice fiscale: tale codice dovrà essere mostrato all’esercente in fase di acquisto e a ogni euro speso corrisponderà un biglietto virtuale. Tutti gli acquisti dovranno essere effettuati senza contante

La Lotteria degli scontrini ha avuto ufficialmente inizio il 1° febbraio 2021: sono così sorti i primi interrogativi riguardanti quali siano gli acquisti che permettono di parteciparvi e di ottenere dei biglietti. Per esempio, come funziona nel caso delle bollette di luce e gas? Si ricevono biglietti virtuali per il pagamento delle utenze domestiche? Cerchiamo di capire come stiano effettivamente le cose. 

Gli acquisti che non rientrano nella lotteria degli scontrini

Abbiamo detto che la lotteria si basa sul fatto che per ogni euro speso tramite una carta di pagamento elettronico, si riceverà un biglietto virtuale. Il massimo fissato corrisponde a 1.000 euro (quindi a 1.000 biglietti virtuali): ciò significa che anche se si spendono più di 1.000 euro, si avrà sempre diritto a un massimo di 1.000 biglietti. 

Ci sono dei casi nei quali non si potrà partecipare alla lotteria degli scontrini. In particolare, si tratta di:

  • quelli nei quali si spende meno di 1 euro. Quando invece, l’importo speso, superiore a 1 euro, è maggiore di 49 centesimi, sarà prodotto un secondo biglietto virtuale;
  • gli acquisti effettuati online;
  • gli acquisti che vengono effettuati in relazione alla propria attività di impresa, arte o professione. 

Non ci sono specifiche in relazione al pagamento delle utenze domestiche, ma se si tratta di un pagamento effettuato online non rientra di certo nella lotteria degli scontrini. Quello che sappiamo, invece, è che il pagamento delle bollette permette di avere accesso al cosiddetto bonus cashback

Si potrà quindi avere diritto al rimborso del 10% delle proprie utenze domestiche, ricordando però che il pagamento dovrà avvenire fisicamente e non tramite il canale online. 

Altri acquisti esclusi

Oltre a quanto riportato finora, sono esclusi dalla lotteria degli scontrini, almeno nella fase di avvio, anche:

  • gli acquisti che sono stati effettuati tramite fattura elettronica;
  • gli acquisti effettuati presso farmacie, parafarmacie, ottici, laboratori di analisi, ambulatori veterinari, ovvero tutti quelli che vengono trasmessi al Sistema tessera sanitaria;
  • le spedizioni postali;
  • i buoni pasto;
  • gli acquisti che potranno essere dedotti o detratti

Non rientrano, poi, nei beni inclusi nella lotteria degli scontrini tutte quelle spese che necessitano della certificazione fiscale per mezzo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica di quanto effettivamente speso, quali:

  • la benzina;
  • l’acquisto di quotidiani e riviste;
  • le spese effettuate nei parcheggi;
  • i servizi di telecomunicazione, tele-radiodiffusione ed elettronici rivolti a privati consumatori;
  • gli acquisti effettuati tramite gift card;
  • gli acquisti di tabacchi e di tutti i servizi che in tabaccheria non sono soggetti a trasmissione fiscale, tra i quali ci sono anche i francobolli, i valori bollati, la lotteria, i gratta e vinci, il lotto e il superenalotto, le scommesse, i servizi di pagamento, le ricariche telefoniche, i biglietti del trasporto pubblico;
  • i biglietti di cinema, teatri e musei;
  • la cessione di prodotti agricoli da parte di chi applica il regime speciale;
  • la stampa, il recapito e i duplicati della patente;
  • la somministrazione di alimenti e bevande nelle mense di scuole e università, 

Come funziona la lotteria degli scontrini

La prima cosa da fare per poter partecipare alla lotteria degli scontrini consiste nel fatto di generare il proprio codice lotteria. Per farlo si dovrà:

  • andare sul sito dedicato, servizi.lotteriadegliscontrini.gov.it;
  • inserire il proprio codice fiscale e il codice di sicurezza;
  • generare il codice, che potrà essere stampato o conservato sui propri dispositivi elettronici. 

Tale codice dovrà essere utilizzato quando si effettua un acquisto con uno strumento di pagamento elettronico: in pratica sarà associato dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli al biglietto estratto. Tale biglietto sarà riconducibile:

  • al codice fiscale dell’acquirente;
  • alla partita IVA dell’esercente. 

Cosa deve fare l’esercente

Nel momento in cui incassa un pagamento effettuato con una carta elettronica e con l’utilizzo del codice lotteria, l’esercente dovrà rilasciare lo scontrino elettronico e avrà l’obbligo di trasmettere i dati fiscali all’Agenzia delle Entrate

Gli scontrini emessi e ammessi alla Lotteria degli scontrini potranno essere identificati dai seguenti campi:

  • il numero del documento commerciale;
  • la data e l’ora dell’emissione;
  • la matricola dispositivo trasmittente preceduta dalla sigla RT o Server RT:
  • nel caso di Server RT, sarà riportato anche l’identificativo di cassa;
  • l’importo speso e il codice lotteria

Lo scontrino dovrà essere conservato?

Non sarà necessario dover conservare lo scontrino in quanto quest’ultimo sarà memorizzato in modo automatico nell’area riservata del portale. Nel caso di vincita, si riceverà una mail dall’Agenzia dei Monopoli all’indirizzo di posta elettronica che è stato indicato al momento della registrazione, oppure la comunicazione sarà inoltrata tramite raccomandata A/R presso la propria abitazione. I premi dovranno essere riscossi entro 90 giorni di tempo, pena la loro decadenza. 

Come si fa ad avere la certezza che l’esercente abbia inviato il proprio scontrino all’Agenzia delle Entrate e non abbia fatto il furbo? Nella pratica, sarà sufficiente controllare che sullo scontrino sia presente il proprio codice lotteria: questo significherà che l’acquisto effettuato, e i relativi biglietti virtuali prodotti, è stato effettivamente registrato e inviato all’Amministrazione finanziaria. 

Per avere la certezza che il proprio scontrino sia stato memorizzato dal sistema lotteria, comunque, si potrà accedere alla propria area riservata sul sito ufficiale della Lotteria degli scontrini e visionare l’elenco disponibile al suo interno. 

Quali sono i premi previsti

La Lotteria degli scontrini si caratterizza per la presenza di estrazioni settimanali e mensili e di un’estrazione annuale. Si ricorda che sono previsti dei premi sia per gli acquirenti, sia per gli esercenti. 

Come funziona il calendario delle estrazioni previste e quali sono i premi che sono stati messi in palio? Li abbiamo raccolti nella tabella che segue. 

Estrazione Premio per gli acquirenti Premio per gli esercenti
Settimanale Ogni settimana sono previsti 15 premi da 25.000 euro Ogni settimana sono previsti 15 premi da 5.000 euro
Mensile  Ogni mese sono previsti 10 premi da 100.000 euro Ogni mese sono previsti 10 premi da 20.000 euro
Annuale Il premio messo in palio è di 5.000.000 di euro Il premio messo in palio è di 1.000.000 di euro

Quando saranno effettuate le estrazioni? Quelle mensili inizieranno l’11 marzo 2021 e prevedranno la premiazione degli acquisti che sono stati effettuati nel mese di febbraio. Le prime estrazioni settimanali del 2021 saranno invece effettuate a giugno 2021, mentre l’estrazione annuale è prevista all’inizio del 2022. L’estrazione annuale premierà gli acquisti che sono stati effettuati in modalità cashless nel periodo compreso tra il 1° febbraio e il 31 dicembre 2021. 

Cosa sapere sulle estrazioni mensili

A proposito delle estrazioni mensili, a partire dall’11 marzo 2021 saranno effettuate ogni secondo giovedì del mese: saranno estratti gli scontrini che sono stati trasmessi e registrati dal sistema lotteria entro le ore 23:59 dell’ultimo giorno del mese precedente. 

Nell’ipotesi in cui il secondo giovedì del mese dovesse coincidere con una giorno di festività nazionale, l’estrazione sarebbe rimandata al primo giorno feriale disponibile. 

Ecco quale sarà il calendario delle estrazioni mensili:

  • giovedì 11 marzo;
  • giovedì 8 aprile;
  • giovedì 13 maggio;
  • giovedì 10 giugno;
  • giovedì 8 luglio;
  • giovedì 12 agosto;
  • giovedì 9 settembre;
  • giovedì 14 ottobre;
  • giovedì 11 novembre;
  • giovedì 9 dicembre. 

Per quanto riguarda, invece le estrazioni settimanali, a partire dal 10 giugno 2021 saranno sorteggiati tutti gli scontrini trasmessi e registrati dal sistema lotteria nel periodo compreso tra il 31 maggio 2021 al 6 giugno 2021. Le estrazioni avverranno poi ogni giovedì, per tutti gli scontrini registrati dal lunedì alla domenica, fino alle ore 23:59 della settimana precedente. 

In merito all’estrazione annuale, invece, sarà il Direttore Generale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli a decidere quale sarà la data prevista per l’estrazione finale. 

Commenti Facebook: