Digitale Terrestre: liberate le frequenze non utilizzate

Il presidente di Dgtvi, Andrea Ambrogetti, durante la quinta conferenza nazionale sulla tv digitale terrestre, invita a una verifica tempestiva delle frequenze del digitale terrestre non utilizzate.

E’ necessario investire sui contenuti, soprattutto locali, e creare dei gruppi televisivi territoriali che permettono alle società non nazionali di seguire il passaggio al digitale terrestre anche per le emittenti più piccole.

Andrea-Ambrogetti-dgtv

Se già prima il mercato, disaggregato e confusionario, faceva fatica ora non è più sostenibile a causa del moltiplicarsi dei canali. Il danno più grande, spiega Ambrogetti, è per le emittenti locali serie che a livello regionale o provinciale svolgono un compito imprescindibile.

Il presidente di Dgtvi sottolinea che è necessario sfruttare tutte le potenzialità della tv digitale investendo sui servizi interattivi che la piattaforma DDT può offrire.

E’ il momento di investire risorse per creare la parte interattiva della televisione che oggi manca ma ha enormi potenzialità e che permettono di avvicinare milioni di cittadini esclusi dalla Rete, a un mondo di servizi e informazioni interattive che la tv digitale puo’ offrire.

Nel frattempo la Regione Lombardia sta preparando una web tv che approderà sul digitale terrestre. Un’iniziativa favorita dall’imminente switch off: già il 76% dei lombardi possiede un televisore digitale e il 62% è già dotato di digitale terrestre.

te di Dgtvi, Andrea Ambrogetti, durante la quinta conferenza nazionale sulla tv digitale terrestre, invita a una verifica tempestiva delle frequenze del digitale terrestre non utilizzate.

E’ necessario investire sui contenuti, soprattutto locali, e creare dei gruppi televisivi territoriali che permettono alle società non nazionali di seguire il passaggio al digitale terrestre anche per le emittenti più piccole.

Andrea-Ambrogetti-dgtv

Se già prima il mercato, disaggregato e confusionario, faceva fatica ora non è più sostenibile a causa del moltiplicarsi dei canali. Il danno più grande, spiega Ambrogetti, è per le emittenti locali serie che a livello regionale o provinciale svolgono un compito imprescindibile.

Il presidente di Dgtvi sottolinea che è necessario sfruttare tutte le potenzialità della tv digitale investendo sui servizi interattivi che la piattaforma DDT può offrire.

E’ il momento di investire risorse per creare la parte interattiva della televisione che oggi manca ma ha enormi potenzialità e che permettono di avvicinare milioni di cittadini esclusi dalla Rete, a un mondo di servizi e informazioni interattive che la tv digitale puo’ offrire.

Nel frattempo la Regione Lombardia sta preparando una web tv che approderà sul digitale terrestre. Un’iniziativa favorita dall’imminente switch off: già il 76% dei lombardi possiede un televisore digitale e il 62% è già dotato di digitale terrestre.

Commenti Facebook: