Caro bollette del Governo: le mosse per ridurre gli aumenti

Quali sono le ultime misure che sono state messe in campo dal Governo per contrastare il caro bollette di gennaio 2022? Vediamo insieme il contenuto del Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 57, emanato il 21 gennaio 2022, e quali sono le mosse che si possono compiere in prima persona. 

Caro bollette del Governo: le mosse per ridurre gli aumenti

Il caro bollette 2022 non era di certo una sorpresa, anche se riuscire a intervenire per tempo e a sostegno del maggior numero possibile di utenti non è stato affatto semplice. Il Governo ha comunque messo a punto una serie di misure al fine di contrastare gli aumenti di luce e gas

In particolare, il comunicato stampa del 21 gennaio 2022 è titolato proprio Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico (decreto-legge).

Vediamo, dunque, quali sono state le ultimissime disposizioni relative al settore energetico e cosa possono fare i consumatori in prima persona, per riuscire a ridurre l’impatto dei rincari sul totale annuale. 

Comunicato stampa contro il caro bollette

Nel comunicato stampa del Consiglio dei Ministri (n. 57), sono stati trattati i seguenti punti:

  1. interventi sull’elettricità prodotta da impianti a fonti rinnovabili;
  2. azzeramento oneri di sistema;
  3. contributo d’imposta per energivori;
  4. extraprofitti rinnovabili;

Ecco cosa si legge nel testo del Comunicato stampa in questione.

1. Interventi sull’elettricità prodotta da impianti a fonti rinnovabili

Il decreto interviene anche per far fronte al caro bollette. L’esecutivo era già intervenuto sul primo trimestre 2022 stanziando 3,8 miliardi al fine di mitigare il rincaro del costo dell’energia, in particolar modo per le famiglie. Con il provvedimento di oggi, il governo interviene nuovamente con un ulteriore 1,7 miliardi, un totale nel periodo gennaio/marzo 2022 di 5,5 miliardi. Questo intervento odierno è maggiormente mirato a sostenere il mondo delle imprese.

2. Azzeramento oneri di sistema

La disposizione prevede che l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente – ARERA, al fine di ridurre ulteriormente gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico, provveda ad annullare, per il primo trimestre 2022, le aliquote relative agli oneri generali di sistema applicate alle utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 Kw, anche connesse in media e alta/altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli elettrici in luoghi accessibili al pubblico. 

3. Contributo d’imposta per energivori

La norma è volta a garantire alle imprese energivore una parziale compensazione degli extra costi per l’eccezionale innalzamento dei costi dell’energia.

A quelle che hanno subito un incremento del costo per KWh superiore al 30 per cento al medesimo periodo dell’anno 2019, derivante dalla particolare contingenza dovuta dall’innalzamento dei costi dell’energia in questione, è riconosciuto un contributo straordinario, sotto forma di credito di imposta, a parziale compensazione dei maggiori oneri sostenuti. Il beneficio è quantificato in misura pari al 20 per cento delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata nel primo trimestre 2022.

4. Extraprofitti rinnovabili

La norma vincola gli operatori che stanno producendo energia senza sopportare gli effetti dell’eccezionale aumento del prezzo dell’energia versino una differenza calcolata tenendo conto di prezzi equi ante-crisi.

Data la logica emergenziale a cui è ispirato, l’intervento ha una durata limitata. A partire dal 1° febbraio 2022 e fino al 31 dicembre 2022, sull’energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20 kW che beneficiano di tariffe fisse derivanti dal meccanismo del Conto Energia, non dipendenti dai prezzi di mercato, nonché sull’energia elettrica prodotta da impianti alimentati da fonte idroelettrica, geotermoelettrica ed eolica che non accedono a meccanismi di incentivazione tariffaria per differenza, è applicato un meccanismo di compensazione a due vie sul prezzo dell’energia affidato al GSE, il Gestore dei Servizi Energetici. 

Come risparmiare nel mercato libero

Al di là delle misure che sono state introdotte dal Governo, i singoli consumatori avranno la possibilità di risparmiare in autonomia passando al mercato libero dell’energia e del gas naturale

Il passaggio, che avverrà in modo gratuito e senza alcuna interruzione della fornitura, dovrebbe essere preceduto da un’analisi comparativa tra le migliori offerte del momento, attraverso la quale scegliere la soluzione luce e gas più conveniente

Per ottimizzare il risparmio, si consiglia di puntare su:

  • una promozione con prezzo bloccato per almeno 12 mesi;
  • una tariffa di tipo Dual Fuel, ovvero che permetta di attivare un’offerta luce e gas con lo stesso operatore. 

Confronta le offerte luce e gas »

Ecco quali sono alcune delle migliori offerte simulate a partire dai consumi medi di una coppia.

A2A Click Luce

Questa promozione, con tariffa monoraria e prezzo bloccato, è un’esclusiva via web, che permette di risparmiare fino a 764 euro all’anno rispetto al mercato tutelato. 

Prevede la bolletta elettronica e la gestione totale via web, quindi full digital. Clicca sul link in basso per saperne di più. 

Scopri A2A Click Luce »

Iderbrola EcoClick Special

La promozione luce EcoClick Special di Iberdrola prevede il prezzo fisso per 24 mesi, uno sconto in bolletta del 5% se si attiva Tutto Fare Luce e uno sconto bonus pari a 50 euro in bolletta. 

Si tratta di una tariffa monoraria o bioraria, a seconda delle proprie esigenze, con prezzo bloccato, energia green e con la quale sarà possibile risparmiare fino a 745 euro rispetto al prezzo previsto in Maggior tutela. 

Clicca sul link per saperne di più. 

Scopri EcoClick Special »

E-light di Enel Energia

Enel Energia propone un’offerta con tariffa monoraria e prezzo bloccato, con la quale:

  • si potranno risparmiare fino a 721 euro all’anno;
  • è prevista la bolletta elettronica;
  • si potrà accedere al Programma fedeltà Enelpremia WOW.

Scopri E-light »

La promozione Link di Eni gas e luce permette di risparmiare fino a 671 euro all’anno grazie alla presenza di una tariffa di tipo monorario con prezzo bloccato. Si potrà ricevere uno sconto del 10% sulla componente luce in caso di attivazione di RID e bolletta elettronica.

La promozione potrà essere personalizzata con l’aggiunta della stessa offerta anche sulla componente gas: in questo modo si attiverà una promozione Dual Fuel. Clicca sul link per saperne di più. 

Scopri Link »

NeNvenuto Luce

La promozione proposta dal fornitore NeN:

  • ha un tariffa di tipo monorario;
  • prevede il prezzo bloccato e fisso per 36 mesi, con pagamento mensile;
  • permette di risparmiare fino a 662 euro rispetto alla Maggior Tutela;
  • include anche uno sconto di 48 euro su ogni fornitura attivata. 

Scopri NeNvenuto Luce »

Wekiwi Energia Prezzo Fisso 12 mesi

Si tratta di una promozione di tipo Dual Fuel, che prevede il prezzo fisso per un periodo di 12 mesi: questi due elementi messi insieme sono molto vantaggiosi per riuscire a contrastare l’aumento dei prezzi. 

Si caratterizza per:

  • un risparmio fino a 591 euro rispetto al mercato tutelato sulla luce, più altri 20 euro sul gas, per un risparmio totale superiore ai 200 euro all’anno;
  • il meccanismo della carica mensile;
  • l’energia rinnovabile inclusa nel prezzo. 

Scopri Energia Prezzo Fisso 12 mesi »

Illumia Luce Extra Web

La promozione luce proposta da Illumia prevede:

  • tariffa monoraria e prezzo bloccato per 12 mesi;
  • un risparmio annuo fino a 585 euro;
  • 30 kWh al mese per le attivazioni che avverranno entro il 31 gennaio 2022. 

Scopri Luce Extra Web »