4G, WiMax, HSPA+ e LTE. I consumatori sono confusi.

Un consumatore su 5 non conosce la tecnologia 4G. Tra coloro che hanno sentito parlare dello standard di comunicazione wireless di quarta generazione, solo 2 persone su 5 dichiarano di averne compreso il funzionamento o le potenzialità.

È quanto emerge da una recente indagine condotta da Nielsen Company su più di 2.100 adulti statunitensi, volta a valutare la consapevolezza e la percezione dei consumatori in relazione alla tecnologia 4G e le loro intenzioni di acquisto. «È difficile accendere il televisore negli USA e non imbattersi in un annuncio di un operatore wireless che propone la nuova rete 4G», scrive Don Kellog, Senior Manager, Research & Insights, Telecom di Nielsen Company. Ma quanti consumatori hanno ben chiari il funzionamento dei network wireless di quarta generazione o i loro benefici?

internet-4G

L’International Telecommunications Union (ITU) ha modificato la definizione ufficiale dello standard 4G sotto la spinta degli operatori di telefonia mobile statunitensi. Ora Verizon Wireless, Sprint, T-Mobile e le altre società di TLC che operano negli USA possono pubblicizzare come 4G anche le tecnologia WiMax, LTE e HSPA+. Sprint lavora su reti WiMax, T-Mobile su reti HSPA+, Verizon su reti LTE.

Quando Nielsen ha chiesto agli intervistati di definire la tecnologia 4G, il 54% ha risposto citando la definizione originaria della ITU, secondo la quale il 4G indica uno standard in grado di fornire una velocità di connessione in mobilità superiore ai 100 Mbps. Nessun carrier al mondo riesce a offrire tali prestazioni e questo è uno dei principali motivi per cui Verizon e compagnia hanno proposto una modifica della definizione ufficiale.

Per il 27% degli intervistati, iPhone 4 supporta le reti 4G (non è così). Una risposta dovuta probabilmente alle denominazioni scelte da Apple per le differenti generazioni del melafonino, ipotizza Kellog. iPhone 3G, iPhone 3GS e iPhone 4. Confusione anche fra gli utenti degli smartphone basati su Google Android. Diversi Android phone che sfruttano le reti di T-Mobile supportano la tecnologia HSPA+, ma non tutti i nuovi telefonini Android-based proposti da T-Mobile sono HSPA+, sottolinea ancora Kellog.

T-Mobile-HSPA+-and-LTE

Nonostante la confusione, circa il 30% dei consumatori intervistati ha intenzione di acquistare un dispositivo 4G entro i prossimi 12 mesi.

Autore: Andrea Galassi

Commenti Facebook: