Saldo punti patente: come faccio a sapere quanti ne ho?


Ci sono tre metodi per controllare il saldo punti patente: telefonico, tramite sito o app. Per ogni infrazione commessa potreste perdere da 1 a 10 punti, o qualora si trattasse di una violazione molto grave commessa da un neopatentato vi potrebbero addirittura togliere 15 punti.

come controllare saldo punti patente

Prima del 2003 gli automobilisti sapevamo di poter ricevere una multa, il ritiro della patente e/o un aumento della polizza auto quando venivano commesse delle infrazioni.

Dopo questa data è nato il sistema della patente a punti e sono iniziate le domande. Quanti punti ho? Come posso recuperarli se li perdo? E se perdo tutti i punti sulla patente cosa succede.

Se siete tra i fortunati che non hanno mai ricevuto una multa con decurtazione punti il sistema è semplice: un neopatentato parte con 20 punti sulla patente, se non commette nessuna infrazione ogni 2 anni ne guadagna 2 (fino al massimo di 30).

Mentre si possono accumulare solo 30 punti sulla patente non esiste un limite a quelli che si possono perdere. Ci sono stati alcuni casi clamorosi in cui in pochi minuti automobilisti molto indisciplinati hanno accumulato una serie di infrazioni per cui gli sono stati sottratti centinaia di punti in un colpo solo. Chi è poco attento nel condurre l’auto come fa a sapere quanti punti gli restano?

La guida al saldo punti patente

Ecco una guida per sapere qual è il saldo punti attuale della vostra patente.

Facciamo prima un piccolo ripasso su quanti punti si perdono commettendo alcune delle infrazioni più comuni. Il nuovo Codice della strada all’art.142, per fare un esempio, riporta quali siano i limiti di velocità da rispettare e quali sono le sanzioni previste per i trasgressori.

A noi interessano le infrazioni di velocità che provocheranno una sottrazione di punti dalla patente:

  • per chi viaggi ad una velocità tra i 10 e i 40 km/h maggiore del limite la decurtazione sarà di 3 punti (più multa fino a 674 euro)

  • per chi invece superi i limiti di 40 km/h e fino a 60 km/h i punti in meno saranno 6 (la multa amministrativa andrà da oltre 500 euro a più di 2000)

  • se sarete pescati a viaggiare ad una velocità di 60 km/h più elevata del limite i punti sottratti saliranno a 10 (con contravvenzione anche fino a 3.300 euro circa)

Questo è solo uno dei casi più comuni, forse non tutti sanno poi che per il mancato rispetto della distanza di sicurezza potreste perdere fino a 8 punti in un colpo solo.

E anche se avete il vizio di usare in modo improprio i fari vi potrebbero sottrarre un punto dalla patente.

Per i neopatentati sanzioni più gravi

Per i neopatentati le sanzioni e quindi la perdita dei punti hanno regole più severe.

Per chi ha meno di 21 anni e viene trovato durante un controllo della polizia con un tasso alcolemico superiore a 0 e non superiore a 0.5 gl i punti decurtati saranno 5. Per le infrazioni più gravi i giovani freschi di patente possono perdere fino a 15 punti in un colpo solo.

Altre violazioni che spesso gli automobilisti commettono con leggerezza per cui però possono perdere molti punti sulla patente sono:

  • i sorpassi azzardati,
  • le inversioni non lecite 
  • quando non si dà precedenza ai pedoni.

In ciascuno di questi casi possono esservi tolti fino a 8 punti.

Per i cosiddetti obblighi di fermata, quindi lo stop, il semaforo rosso, ecc., potreste dire addio a 6 punti della patente in caso di incidenti o multe.

Meno gravi (vi decurtano solo 2 punti) se transitate sui binari di tram o nelle corsie riservate ai mezzi pubblici o se non usate il triangolo in caso di guasto o incidente.

Come verificare quanti punti patente restano

Sul Portale dell’automobilista o ricercando il Codice della Strada potete trovare informazioni anche più precise su altri casi e altre infrazioni specifiche e sul numero di punti decurtati in casi più particolari.

Veniamo quindi alle modalità di verifica del saldo punti della patente.

I casi per cui in genere gli automobilisti hanno bisogno di effettuare un controllo dei punti rimasti è o una sequela di infrazioni o il monitoraggio del riaccredito di punti persi in precedenza.

In entrambi i casi la verifica non è complessa. Esistono dei sistemi digitali, ma anche per gli automobilisti che non abbiano dimestichezza con l’online ci sono delle modalità molto semplici di controllare quanti punti sono rimasti.

Il contatto telefonico

Iniziamo con i metodi analogici, per così dire, in questo caso si può ricorrere al più classico dei numeri di assistenza.

Il contatto da chiamare è il 848.782.782, non si tratta di un numero verde ma si pagherà solo uno scatto alla risposta della cifra prevista dal vostro piano tariffario.

Prima di avviare la telefonata assicuratevi di sapere:

  • data di nascita

  • numero patente dell’automobilista

Il contact center vi connetterà con una voce automatica che vi chiederà queste informazioni. Per poter inserire correttamente questi dati dovrete seguire queste indicazioni:

  • poniamo che l’utente sia nato il 16 Agosto del 2000 il formato da inserire sarà 16082000

  • il numero patente lo troverete sul documento è riportato al punto 5, le lettere saranno sostituite dagli asterischi

Qualora poi abbiate bisogno di altre informazioni oltre al saldo punti patente potrete anche parlare con un operatore. Il servizio dell’848.782.782 è stato attivato dal Ministero dei Trasporti ed è attivo 24 ore su 24.

Il portale dell’automobilista

Passiamo ai metodi più rapidi ma collegati all’uso di app o al controllo tramite piattaforme digitali. C’è un portale dedicato agli automobilisti e su questo sito si può monitorare il saldo punti patente. Il sito, così com’è stato per il numero del centro assistenza, è nato per volere del Ministero dei Trasporti.

In questo caso i documenti da tenere a portata di mano saranno:

  • patente

  • codice fiscale

Infatti, al momento della registrazione sul portale dovrete inserire sia il codice fiscale che la data di scadenza della patente e ovviamente anche il numero identificativo di questo documento. Il portale è pensato per fornire diversi servizi agli automobilisti, come:

  • controllo violazioni e punti

  • verifica classe ambientale dell’auto

  • limiti per neopatentati

  • ricerca officine autorizzate per revisioni auto

Per poter controllare il saldo punti dovrete selezionare il menu servizi online, a sinistra poi troverete un secondo menu a tendina e la prima voce sarà inconfondibile: saldo punti patente. In questo caso non pagherete nulla per il servizio offerto e potrete farlo in qualsiasi momento.

L’iPatente da scaricare sul telefono

Infine, c’è l’app iPatente del Dipartimento dei Trasporti del Ministero delle Infrastrutture. In questo caso stiamo parlando in pratica dell’applicazione ufficiale della Motorizzazione civile e la si può scaricare da qualsiasi app store sul proprio smartphone. Questo strumento è disponibile sia per Android che per iOS.

Anche con iPatente, come con il portale, si avrà accesso ad una serie più ampia di servizi legati a patente, auto e moto.

Prima di scaricare l’applicazione dovrete registrarvi sul portale dell’automobilista, poi una volta scaricata l’app potrete controllare:

  • la copertura assicurativa

  • la classe ambientale

  • data scadenza revisione

  • un sistema di ricerca di officine e centri revisione e uffici della motorizzazione
    saldo punti patente

  • verifica dei veicoli intestati

Come recupero i punti sulla patente

Il controllo del saldo punti patente potrebbe avervi riservato una brutta sorpresa, state per terminare i punti?

Niente paura ci sono due modi per recuperare i punti persi con le infrazioni commesse. Il saldo basso o azzerato è un problema, soprattutto per quegli automobilisti che con l’auto lavorano tutti i giorni.

Il recupero dei punti può avvenire o in maniera graduale non commettendo altre imprudenze (lievi o gravi) ed essendo degli utenti diligenti. O anche seguendo dei corsi studiati ad hoc dal Ministero dei trasporti e delle infrastrutture.

  • Nel primo caso si riguadagneranno 2 punti per ogni anno di guida senza infrazioni.
  • Chi invece abbia più fretta di far crescere di nuovo il saldo punti della patente potrà iscriversi ai corsi presso i centri autorizzati dal Ministero o nelle autoscuole del proprio territorio.

Con questa soluzione saranno necessarie solo 12 ore di lezione per ottenere l’accredito di 6 punti. Non si dovrà neanche sostenere un esame, sarà solo sufficiente firmare il foglio di presenza.

In sintesi, come controllare i punti

Riassumiamo per essere più chiari. Il saldo punti patente si può controllare

  • Chiamando il 848.782.782

  • Scaricando l’app iPatente (prima ci si dovrà registrare sulla piattaforma dell’automobilista)

  • Consultando il portale dell’automobilista

Per registrarvi e verificare il numero di punti residui dovrete avere il numero patente, i dati di scadenza del documento e il codice fiscale del conducente.

Esistono solo due modi riconosciuti dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture per recuperare i punti persi:

  • attendere due anni per riottenere 2 punti

  • seguire i corsi presso i centri autorizzati dal Ministero per avere 6 punti ogni 12 ore di lezione

  • in ogni caso non si potrà superare la quota di 30 punti sulla patente

Per ogni altra informazioni si può contattare il centro assistenza del Ministero e gli operatori risponderanno ai vostri dubbi.

Incentivi auto ottobre 2020: tutte le agevolazioni del mese e su quali modelli

Il 2020 è stato sicuramente un anno diverso dal solito per il settore auto, ma le politiche di rilancio del mercato non si sono fatte mancare, con l’introduzione di diverse tipologie di contributi. Ecco quali sono gli incentivi auto disponibili nel mese di ottobre 2020 e quali i modelli sui quali saranno applicate le agevolazioni. 

Bonus riparazione auto: tutto sui 500 euro per la manutenzione dell'auto

Un nuovo incentivo per gli automobilisti, la proposta è di creare un bonus da 500 euro. Questo incentivo è destinato a riparazioni e alle operazioni di manutenzione dei veicoli per quei cittadini che non possono acquistare un'auto nuova. Il bonus sarà riconosciuto sotto forma di detrazione fiscale, ecco cosa si sa finora di questo contributo

Assicurazione Auto e Furto: la diffusione in Italia

Tra le garanzie accessorie più richieste in fase di sottoscrizione di una nuova polizza RC Auto troviamo, senza dubbio, l'assicurazione per il furto dell'auto. Tale copertura garantisce un risarcimento in caso di furto del proprio veicolo assicurato. SOStariffe.it, analizzando i preventivi rilasciati negli ultimi 12 mesi, ha realizzato una classifica delle auto più assicurate per furto e delle regioni dove tale copertura è più richiesta. Lo studio ha anche valutato l'effetto del lockdown sulle richieste di questa garanzia.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »