Dimensioni pannelli fotovoltaici: che tetto serve e quanto spazio occupano


Nell’immaginario collettivo i pannelli fotovoltaici trovano spazio sui tetti delle case. In realtà non è sempre così. I moduli possono avere tre diverse collocazioni. Possono essere poggiati sui tetti: nella maggior parte dei casi i moduli si possono installare su un tetto piano e anche su un tetto a falda (quello spiovente), pur­ché siano paralleli alla falda, ma anche su tettoie e pensiline.

I pannelli fotovoltaici possono anche essere integrati nel tetto, o nella facciata di un palazzo: i moduli possono essere inseriti nelle coperture di fabbricati, nelle facciate di edifici e anche in elementi di arredo ur­bano e viario.

Quando si sostituiscono ai materiali di rivestimento, vanno previsti in fase di progettazione o rifacimento del tetto. Infine possono essere poggiati a terra: se non è possibile installarli sul lastrico solare, i moduli possono anche fissati al suolo, o collocati sugli elementi di arredo urbano.

Le caratteristiche del tetto

Per chi voglia installare un impianto fotovoltaico sul tetto di casa, la prima questione da risolvere è capire qual è il proprio fabbisogno energetico.

Una volta quantificata l’energia necessaria alle esigenze familiari, bisognerà assicurarsi di avere spazio a sufficienza per ospitare un impianto di dimensioni adeguate ad essa.

Vanno bene sia i tetti a falda (spioventi) che quelli piani. I pannelli devono essere inclinati tra 0° e 45° per garantire il massimo rendimento. L’inclinazione cambia a ogni latitudine. Più si va a nord più i moduli devono essere innalzati.

Inoltre, non devono essere coperti da ombre. In caso di superfici disomogenee si possono applicare sotto i pannelli degli ottimizzatori: dispositivi elettronici che rendono uniforme la produzione di energia su tutti i moduli, anche se qualcuno di essi produce meno.

L’ideale è che il tetto sia rivolto verso sud.

Prima di procedere all’installazione è bene considerare le caratteristiche climatiche della zona in cui sarà montato il pannello: quanto sole batte, ma anche quanto sono frequenti le nevicate. Troppa neve, infatti, può vanificare la presenza dei moduli per diverse settimane e danneggiarli per il peso eccessivo.

Impianti su tetto condominiale

È possibile installare un impianto fotovoltaico sul tetto anche per chi abita in condominio, purché non deturpi il decoro architettonico dello stabile.

La riforma del condominio impone a chi voglia montare i pannelli solo l’obbligo di inviare una comunicazione all’amministratore, nel caso l’installazione comporti delle modifiche alle parti comuni.

Nella lettera bisogna specificare in cosa consisteranno i lavori e le modalità con cui saranno realizzati, e ad essa va allegato un progetto con il punto preciso in cui i moduli saranno posati.

L’assemblea dei condomini non può vietare l’installazione, ma a maggioranza può solo prevedere modalità alternative di esecuzione dei lavori o chiedere una garanzia in caso di danni.

Quanto spazio occupano i pannelli

Lo spazio utilizzato dall’impianto varia in relazione a diversi fattori.

In media per produrre 1 kW servono circa 4 pannelli, che occupano 6-7 mq su un tetto a falde e su un lastrico piano 9-10 mq.

Una famiglia, con un consumo medio di circa 3500 kWh l’anno di energia elettrica dunque, avrà bisogno di:

  • uno spazio di circa 20-25 metri quadrati di superficie su un tetto a falde;

  • una superficie di circa 30-36 mq sul lastrico solare di un tetto piano, dove i pannelli si dispongono a file parallele distanziate per evitare che si facciano ombra a vicenda.

Tuttavia, non è possibile quantificare con precisione la grandezza di un pannello fotovoltaico: le misure variano in base all’azienda produttrice e ai modelli, ma anche alla potenza generata da ciascun modulo e dalla tecnologia impiegata.

In genere più i pannelli solari sono efficienti, più sono piccoli. I moduli in silicio monocristallino richiedono 7-9 mq per ogni kW (dunque un impianto medio di 3 kW avrà bisogno di 21-27 mq di spazio).

I pannelli in silicio policristallino hanno bisogno di 8-11 mq per ogni kW prodotto (dunque 24-33 mq per un impianto medio).

Infine, i moduli in film sottile e silicio amorfo hanno bisogno invece di molto più spazio, cioè 11-13 mq (che diventano dunque 33-39 per 3 kW).

Superbonus 110%: raddoppia il tetto per l'ecobonus sul fotovoltaico

L'ultima risoluzione dell'Agenzia delle Entrate conferma il raddoppio del tetto per il Superbonus 110% legato alla realizzazione di un impianto fotovoltaico. Come chiarito dall'Agenzia, infatti, l'installazione di un impianto fotovoltaico con il montaggio, anche non contestuale, di un sistema di accumulo garantisce un raddoppio del limite di spesa detraibile che passa da 48 mila a 96 mila Euro. Ecco tutti i dettagli sul nuovo bonus.

Bonus elettrodomestici senza ristrutturazione: è possibile?

L'agevolazione riconfermata dal Governo Conte con la Legge di Bilancio 2020 prevede una detrazione IRPEF del 50% delle spese per nuovi elettrodomestici e mobili. Ecco come funziona il bonus e alcune risposte ai principali dubbi su questo incentivo

Superbonus 110% e salto di due classi energetiche: come approfittare dell'ecobonus

Il Superbonus, che garantisce la possibilità di ottenere detrazioni fiscali sino al 110% delle spese sostenute, può rappresentare l'occasione giusta per effettuare interventi per il miglioramento dell'efficienza energetica in casa. Uno dei requisiti per accedere al Superbonus è rappresentato al miglioramento di almeno due classi energetiche dell'edificio (o dal raggiungimento della classe energetica più alta). Ecco come approfittare del nuovo ecobonus ed effettuare interventi di efficientamento energetico con la possibilità di poter contare sulla detrazione fiscale al 110%.