Miglior conto corrente aziendale online: le offerte di Febbraio 2021

Una guida completa ed esaustiva alle offerte dei conti business per voi che siete alla ricerca del miglior conto corrente aziendale online. Quali sono i costi proposti dalle banche e quali sono i servizi riservati ad imprenditori e professionisti per aiutarli nella gestione dei propri patrimoni? Lo sapevate per esempio che potete automatizzare i pagamenti degli stipendi e che con le app dei conti di nuova generazione i vostri dipendenti possono pre-caricare le note spesa per trasferte e spese per progetti. Ecco quali sono le migliori promozioni per aprire un conto corrente per partite IVA

Miglior conto corrente aziendale online: le offerte di Febbraio 2021

L’Italia è il Paese delle partite IVA, secondo gli ultimi studi di Eurostat quasi 1 italiano su 5 è un libero professionista o un lavoratore autonomo. Se fate parte di questa categoria questa guida per trovare il miglior conto corrente aziendale online potrebbe essere interessante per voi.

Questi prodotti si differenziano dai comuni conti correnti personali per i servizi appositamente studiati per agevolare e semplificare l’amministrazione delle risorse. Tra le promozioni di Febbraio si trovano sia conti basilari e a zero spese che soluzioni più complesse, dai canoni anche piuttosto elevati.

Conto business, ecco chi è costretto ad aprirlo

Se state pensando di aprire un’attività o di diventare un professionista autonomo dovete prima di tutto sapere che secondo quando stabilito dalla Legge italiana siete obbligati ad avere un conto corrente aziendale. Non si tratta di un provvedimento di nuova approvazione, già nel 2006 la Legge Bersani aveva stabilito questo obbligo.

Lo scopo della separazione del conto personale da quello dell’impresa ha un duplice scopo, combattere l’evasione e impedire che l’imprenditore usi i fondi dell’azienda per le proprie spese personali. Devono aprire un conto business coloro che hanno una delle seguenti tipologie di impresa:

  • le società di capitali
  • i professionisti, le ditte individuale se superano i 400 mila euro
  • le società di persone e le cooperative con fatturati superiori a 400 mila euro

Sono dispensate le attività che non raggiungono la soglia dei 400 mila euro e le startup per il primo anno di vita dell’impresa. Era stato proposto di estendere l’obbligo anche ai possessori di partite IVA ma poi questa modifica è scomparsa dalla versione definitiva della Legge di Bilancio 2020 approvata. Se fosse passata questa misura avrebbe coinvolto 3,6 milioni di Partite IVA forfettarie e a tassazione ordinaria.

A chi conviene aprire un conto aziendale online

I conti correnti per le aziende sono dei prodotti che permettono di fare bonifici, di effettuare pagamenti in valute straniere e di fare gli F24 online, ma non solo. Questi prodotti offrono anche supporto per il servizio di pagamento con POS, hanno in genere un numero per l’assistenza clienti con canale prioritario per chi ha un profilo Premium e permettono di gestire le proprie risorse sia via web che recandosi in banca.

I migliori conti business hanno implementato negli anni interessanti funzionalità innovative e app sempre più ricche di servizi. Alcuni dei prodotti che analizziamo permettono di registrare account con diversi livelli di sicurezza e di gestione del conto da remoto. Con i prodotti più completi sono incluse nel canone un tot di carte di debito o di credito aziendali. Oppure, le nuove tecnologie permettono all’amministratore di creare una sorta di deposito e di scegliere un manager che abbia piena autonomia nella spesa di quell’importo per un progetto.

I migliori conti correnti business

Il canone del conto corrente aziendale può essere zero o arrivare a sfiorare i 100 euro al mese nelle sue versioni Plus. Per capire quali possono essere i vantaggi e i costi dei migliori conti correnti aziendali potete utilizzare il comparatore di SOStariffe.it 

Se cliccate sul bottone in basso potete effettuare una ricerca personalizzata selezionando le vostre caratteristiche per il prossimo conto business che dovete aprire. Per esempio a Febbraio i conti business più convenienti sono:

  • Conto N26 per freelance
  • Qonto per professionisti e PMI

Scopri i migliori conti correnti aziendali »

1. N26 per freelance

Quello proposto dalla banca tedesca online N26 è un prodotto costruito intorno ai freelance con partita IVA. Se scegliete questo conto non potrete aprire un conto personale con la stessa banca, l’istituto infatti pone questa condizione ai correntisti.

Per aprire un conto corrente aziendale con N26 è necessario fornire la propria partita IVA o il codice fiscale, i dati personali e scaricare l’app della banca sul proprio smartphone munito di webcam. Questo istituto infatti richiede, oltre al bonifico di verifica, anche il riconoscimento con un selfie degli utenti. I requisiti minimi per poter scaricare l’applicazione sul dispositivo mobile sono: per gli iOS almeno la versione 11 (o successiva) e per Android da 6.0 in su.

Il contro di questa soluzione è che la banca tedesca è solo online, non potrete quindi recarvi in filiale e gli unici canali per l’assistenza sono online o via telefono. Allo stesso tempo questa natura estremamente flessibile e pratica della banca vi permetterà di sfruttare a pieno il potenziale di un prodotto digitale.

Con N26 potrete fare e ricevere bonifici, effettuare le operazioni di pagamento di tasse, MAV, RAV e F24 e avrete anche disponibile la funzione Cash 26 che vi consentirà di ricaricare il conto o di ritirare i soldi anche dalle casse dei supermercati.

Se aprite il conto per freelance a Febbraio avrete incluso nell’offerta a canone zero anche una carta di debito per le vostre spese aziendali. Con N26 tutti i prelievi fatti in Italia e in UE da qualsiasi sportello automatico sono gratuiti, inoltre potrete effettuare spese in 19 valute straniere con TransferWise.

Uno dei servizi più comodi per gestire al meglio le vostre risorse professionali sono gli Spaces, si tratta di deposito che potrete creare all’interno del vostro stesso conto. Non sono conti paralleli, bensì una sorta di salvadanai che potrete rifornire settimana dopo settimana o mese dopo mese per mettere da parte le somme necessarie per un progetto o per le tasse.

Per le imprese e i possessori di partita IVA, N26 offre anche la possibilità di elaborare e stampare l’estratto conto per le dichiarazione dei redditi.

Il conto Standard è il prodotto base a canone zero, se avete un’attività più complessa e con necessità di maggiori servizi potrete scegliere tra le altre versione del conto N26:

  • conto Smart 4,90 euro al mese – sconti dai partner – 10 Spaces anche condivisi con altri clienti N26 – funzione Regole – supporto telefonico dedicato
  • conto You con un canone 9,90 euro al mese – sconti e offerte premium – 10 Spaces – Regole – assicurazione mobilità e sport invernali – copertura spese mediche, viaggi e Covid – assistenza personalizzata – prelievi gratis ovunque – cashback 0,1% sugli acquisti – carta aggiuntiva – plafond di 5 mila euro al giorno o 20 mila euro al mese
  • conto Metal 16,90 euro al mese – include tutti i servizi di You e aggiunge anche le polizze per noleggio auto e smartphone – cashback dello 0,5% sugli acquisti effettuati – plafond di 5 mila euro al giorno o 20 mila euro al mese

Attiva il conto N26 per freelance »

2. Qonto

Chi ha un’azienda medio piccola o per professionisti con attività che fatturano più di 400 mila euro ci sono anche i conti di Qonto. Le proposte di questo istituto sono pensate per chi deve gestire una contabilità complessa, infatti con questo account si possono attivare diverse soluzioni e servizi ad hoc per gli imprenditori.

I tre profili tra cui scegliere sono:

  • Solo (9 euro al mese)
  • Standard (29 euro al mese)
  • Premium (99 euro al mese)

Le funzioni avanzate proposte dall’intermediario sono l’account per il commercialista con autorizzazioni per la verifica e i controlli dei documenti fiscali, la possibilità di scaricare l’estratto conto e di fare studi di settore e pagare gli F24.

Il Qonto Solo è il prodotto adatto ad uno solo professionista e limita la gestione del profilo ad un unico account. Nel canone da 9 euro al mese sono compresi:

  • 20 bonifici SEPA o addebiti diretti gratis (commissione sulle altre operazioni 0,50 euro)
  • sui bonifici in valuta estera commissione dell’1%
  • commissione sui prelievi 1 euro
  • 1 carta di  debito Mastercard One (senza commissioni su operazioni in UE) e senza costi di emissione
  • soglia di prelievo mensile 10 mila euro

Scopri il conto aziendale Qonto »

Con il profilo Standard si possono attivare fino a 5 profili, nel pacchetto che costa circa 30 euro al mese sono incluse 4 carte (tra fisiche e virtuali), 100 bonifici gratuiti  e la possibilità di avere conti multipli per i differenti team di lavoro. Le commissioni applicate ai prelievi con questo account sono di 1 euro sia in Italia che in UE. Tra le funzioni di utili per questi utenti c’è la funzione di tag delle spese che aiuta ad individuare le spese e le detrazioni per stilare la dichiarazione dei redditi.

Il conto più costo e completo è il Premium che costa 99 euro al mese. Se scegliete questo piano avrete ogni mese:

  • 5 carte di credito One
  • 5 carte virtuali
  • prelievi gratuiti illimitati
  • dipendenti e fornitori potranno pre-inserire bonifici
  • profili illimitati
  • fino a 500 bonifici e addebiti gratuiti (0.25 euro per transazioni extra)
  • digitalizzazione conto spese
  • delega di budget per progetti (solo da amministratore a manager)
  • assistente dedicato
  • certificazione delle fatture elettroniche
  • ruoli e permessi per i membri
  • creazione conti multipli e budget per progetti
  • gestione finanziaria automatizzata

Solo l’amministratore unico potrà creare gli altri profili affidandogli i differenti ruoli che corrispondono anche a diversi livelli di sicurezza.

Commenti Facebook: