Bonus meccanico 2020: che cosa è e come ottenerlo

In questi ultimi giorni, in rete si sta parlando molto del bonus meccanico 2020, un contributo pensato per coprire i costi delle riparazioni e degli interventi di manutenzione degli automobilisti italiani che, nello stesso tempo, potrà dare respiro all'intero settore di meccanici ed officine che sta attraversando un momento molto difficile per via dell'emergenza in corso. Ecco tutto quello che c'è da sapere sul nuovo bonus meccanico 2020.

Bonus meccanico 2020: che cosa è e come ottenerlo

Grazie all’espansione dell’ecobonus, che ora coinvolge un numero maggiore di veicoli per via dell’introduzione di nuovi limiti, più elevati, sulle emissioni di CO2, il mercato auto italiano sta registrando una ripresa. Le vendite a settembre sono in crescita ed anche ottobre dovrebbe chiudere in positivo. Nel frattempo, però, il settore dei meccanici e delle officine continua ad essere in difficoltà.

All’orizzonte c’è un nuovo incentivo che dovrebbe garantire un sostegno alla categoria e garantire un contribuito a tutti gli automobilisti italiani per effettuare interventi di riparazione e manutenzione per i propri veicoli. Proposto dall’Osservatorio Autopromotec, infatti, il bonus meccanico 2020 potrebbe essere una delle novità in arrivo nelle prossime settimane per il settore delle quattro ruote.

Ecco come funzionerà il bonus.

Confronta i preventivi e risparmia sull’assicurazione auto »

Sino a 500 Euro di bonus per riparazioni e manutenzione dal meccanico

La proposta del nuovo incentivo è chiara. Gli automobilisti italiani potranno sfruttare un bonus di 500 Euro per effettuare interventi di manutenzione e riparazioni di vario tipo dal meccanico. Quest’incentivo potrebbe rappresentare un importante contribuito sia per le officine ed i meccanici italiani che per tutti gli automobilisti che non vogliono o non possono sfruttare gli eco incentivi per l’acquisto di una nuova vettura.

Il bonus meccanico si configurerà, quindi, come un intervento a sostegno sia del settore delle officine che per tutti gli automobilisti italiani. Il nuovo bonus andrà a incentivare le riparazione e gli interventi di manutenzione con benefici evidenti sulla sicurezza dei veicoli e fornendo un sostegno ad una categoria che, in questo momento, sta attraversando un momento decisamente delicato.

Come funzionerà il bonus

Il bonus meccanico 2020, secondo le prime indiscrezioni, sarà un incentivo “indiretto”. Non è prevista l’erogazione di un contributo monetario per la copertura degli interventi effettuati dal meccanico. Il bonus sarà corrisposto sotto forma di detrazione fiscale per l’anno di imposta successivo a quello in cui verrà effettuata la riparazione.

La detrazione avrà un limite di 500 Euro e potrà coprire sino ad un massimo del 50% della spesa sostenuta. Da notare, inoltre, che gli interventi dovranno essere pagati con strumenti tracciabili (al fine di poter richiedere la detrazione). In questo modo, si andrà a ridurre, notevolmente, anche l’elusione fiscale rafforzando il progetto del Governo di incentivare i pagamenti cashless con soluzioni come il bonus carte di credito che prevede un cashback per gli acquisti con carta.

Ricordiamo, inoltre, che il parco auto italiano presenta un’età media molto elevata, pari a più di 11 anni, e ben superiore a quello della media europea. Molte vetture richiedendo interventi di riparazione per poter continuare a circolare senza rischi. Per questo, il bonus meccanico rappresenta un elemento di grande interesse che potrebbe portare con sé svariati vantaggi sia agli automobilisti che alle officine italiane.

Quando arriverà il bonus

Nato da una proposta dell’Osservatorio Autopromotec, per il momento, il bonus meccanico è un progetto che deve ancora trovare una sua strada legislativa. L’idea è stata però accolta con molto interesse da tutti i settori coinvolti e potrebbe diventare ben presto realtà. Il bonus meccanico 2020 potrebbe, quindi, essere una delle principali novità autunnali per gli automobilisti italiani andando a rientrare tra le misure di sostegno economico previste dal Governo per i prossimi mesi.

Non essendoci il bisogno di erogare contributi diretti e potendo sfruttare la struttura della detrazione fiscale, il bonus meccanico potrebbe contare su di un iter legislativo molto rapido. Già entro la fine dell’anno, quindi, potrebbe essere possibile iniziare a sfruttare il sistema che permetterà di effettuare riparazioni e interventi di manutenzione con un costo ridotto. Maggiori dettagli sulla questione arriveranno, di certo, nel corso delle prossime settimane quando entreranno nel vivo le misure di sostegno economico su cui il Governo sta lavorando in queste settimane.

Commenti Facebook: