Vodafone Down: cosa fare quando la connessione non funziona

Cosa fare quando la rete di Vodafone crolla? Ecco alcuni consigli su come comportarsi per ripristinare la connessione o accelerare la risoluzione del problema

Vodafone Down: cosa fare quando la connessione non funziona

Non è stata una settimana semplice per gli utenti di telefonia mobile. Molti operatori negli ultimi giorni hanno visto crollare la loro rete con conseguente disagio per i rispettivi clienti. Tra i provider che hanno registrato un disservizio c’è anche Vodafone. Il gestore britannico è solitamente molto affidabile ma martedì ha dovuto affrontare “un guasto tecnico di rara eccezionalità“.

Vodafone down: cos’è successo

Nella notte di martedì diversi utenti Vodafone hanno registrato difficoltà a connettersi a Internet da mobile. Intorno alle 9:00 le segnalazioni su downtector sono cresciute esponenzialmente e alcuni hanno anche lamentato difficoltà a contattare l’assistenza clienti. Il problema sembra fosse localizzato soprattutto nel Nord Italia e in particolare a Milano e hinterland. In tarda mattinata l’operatore ha ufficialmente annunciato che il problema è stato risolto.

Vodafone per scusarsi del disagio ha deciso di regalare Gigabyte illimitati per un mese a tutti i clienti che hanno sperimentato il problema. “Gentile cliente, nella tua zona si è verificato un guasto tecnico di rara eccezionalità:  – si legge nell’SMS inviato dal provider – abbiamo lavorato senza interruzione dalle prime ore della notte per ripristinare il servizio e ci siamo finalmente riusciti in tarda mattinata. Ci scusiamo profondamente e consapevoli del disagio che ti abbiamo causato, abbiamo deciso di attivarti 1 mese di Giga illimitati. Attendi SMS di conferma attivazione entro 48 ore”.

La conferma che il regalo è stato ricevuto è arrivata con il seguente SMS: “Giga illimitati Free è attiva. Hai Giga illimitati gratis per 1 mese, poi si disattivano in automatico. Info su voda.it/myofferta

Vodafone Down: cosa fare quando la connessione non funziona

Nel caso in cui la rete di Vodafone subisca un blackout l’unica cosa da fare è attendere che l’operatore risolva il problema. Per accelerare il processo si può inviare una segnalazione al gestore, in modo che prenda conscienza del disservizio. Se siete impossibilitati a chiamare o navigare su Internet non è però detto che ciò sia dovuto a un down della rete. Prima di richiedere assistenza a Vodafone ci sono alcune verifiche e operazioni preliminari da eseguire per scoprire la natura del problema e infine risolverlo.

Credito insufficiente o minuti e Gigabyte esauriti

Vodafone blocca la possibilità di telefonare, inviare SMS o navigare su Internet da smartphone quando il credito è inferiore a 1 cent. Per conoscere il credito residuo si possono consultare i contatori disponibili sull’app My Vodafone, disponibile gratuitamente per iOS o Android, o chiamando il 190. Una terza possibilità, valida per chi non dispone di uno smartphone, è chiamare il numero 114 ma in questo caso il servizio è a pagamento.

Se il credito è insufficiente si può effettuare una ricarica sul sito di Vodafone, dall’app My Vodafone o nei punti vendita autorizzati dall’operatore. Il servizio SOS Ricarica permette di ottenere 3 euro di anticipo di traffico chiamando il numero 42010 e cliccando sul tasto 2 del tastierino del telefono. Il servizio ha un costo di 1,50 euro.

In alternativa si può attivare il servizio Smart Pay, che prevede l’addebito automatico del costo del piano su conto corrente o carta di credito. In questo modo si evita l’impegno di effettuare una ricarica manuale quando serve. Questa modalità di pagamento permette inoltre di ottenere uno sconto sul piano mobile.

Potrebbe essere impossibile chiamare o navigare in Internet anche perché avete esaurito il traffico voce e dati incluso nel vostro piano. Potete quindi verificare i vostri consumi direttamente dall’app My Vodafone.

Verificare se la connessione dati è attiva

I problemi di connessione potrebbero dipendere anche dal proprio telefono. La prima cosa controllare è che sia attiva la connessione dati. In alto a destra sullo schermo dovreste visualizzare la scritta 4G, 3G o 5G a seconda della copertura disponibile. Se questa non è presente si può procedere a forzare lo smartphone a cercare la rete.

Un metodo rapido e semplice per farlo è quello di attivare la modalità aereo. Su iPhone e Android basta aprire il centro di controllo, scorrendo con il dito sullo schermo dall’alto verso il basso, e selezionare l’apposita icona. Una volta attivata la modalità aereo bisogna attendere qualche secondo e poi disattivarla. Il telefono a questo punto ricercherà in automatico la rete.

Se questo trucchetto non funziona si deve effettuare una verifica manuale.

Su iPhone la procedura è la seguente:

  • Cliccare su Impostazioni
  • Cellulare
  • Dati cellulare
  • Abilita 4G

La barra di colore verde conferma che la connessione dati è attiva, altrimenti bisogna scorrere il cursore verso destra.

Su Android si deve controllare che l’icona della connessione dati (due grecce che puntano in direzioni diverse) sia di colore blue acedendo al menù generale del telefono. Pe configurare la rete la procedura è la seguente:

  • Cliccare su Impostazioni
  • Connessioni
  • Reti mobili
  • Operatori di rete

Configurare l’APN

L’APN (Access Point Name) è il sistema con cui lo smartphone si connette ad Internet. Solitamente si configura automaticamente nel momento in cui si inserisce la SIM nel dispositivo ma può capitare che la procedura non avvenga nel modo corretto. In questo caso di deve procedere alla configurazione manuale.

Su iPhone la procedura è la seguente:

  • Cliccare su Impostazioni
  • Cellulare
  • Opzioni dati cellulare
  • Reti dati cellulare
  • Alla voce Dati cellulare – APN inserire: iphone.vodafone.it

Su Android la procedura è la seguente:

  • Cliccare su Impostazioni
  • Altre reti o Altre Impostazioni
  • Reti mobili o Profili
  • Alla voce APN inserire: mobile.vodafone.it

Una volta completata la procedura si consiglia di riavviare il telefono.

SIM danneggiata

Può capitare che i problemi di connessione siano dovuti al fatto che la SIM è danneggiata o deteriorata. Per verificarlo si può provare a inserire la scheda telefonica in un altro telefono. Se il dispositivo è connesso significa che la SIM funziona correttamente. Se invece è assodato che la scheda sia il problema si può richiederne la sostitituzione in qualsiasi negozio di Vodafone al costo di 10 euro.

Come richiedere assistenza

Quando tutti i tentativi precedenti hanno fallito non resta che richiedere assistenza a Vodafone. Il numero da chiamare per i clienti di rete fissa è il 190. Il servizio è attivo tutti i giorni dalle 8 alle 22 ed è gratuito chiamando da rete Vodafone. Da fisso e altri operatori bisogna invece chiamare il 800 100 195 e dall’estero il +39 349 2000190. In entrambi i casi il servizio è gratuito e attivo dalle 8 alle 22.

Sul sito di Vodafone è inoltre disponibile una sezione Supporto in cui trovare indicazioni su come risolvere tutti i principali problemi che potrebbero dover affrontare i clienti di rete fissa. Allo stesso modo si può ottenere assistenza accedendo all’app My Vodafone o al Fai da Te sul sito dell’operatore utilizzando le stesse credenziali.

E’ possibile ricevere assistenza anche via chat interagendo con l’assistente virtuale TOBi collegandosi alla pagina Facebook di Vodafone o sul sito. Nel primo caso è sufficiente cliccare sulla voce Messaggio nella parte alta della schermata. Sul portale dell’operatore, invece, si deve premere sull’apposita icona posizionata in basso.

Su Twitter si può sia realizzare un tweet taggando @VodafoneIT, evitando di inserire informazioni personali come il numero di telefono per evitare che vengano utilizzate da terzi, o inviare un messaggio privato. Il servizio è attivo dalle 8 alle 21.

Per chattare con TOBi su WhatsApp bisogna inviare un messaggio al numero 3499190190. Il servizio è gratuito e attivo 24/7 ma necessita di una connessione Wi-Fi o di un piano dati attivo.

Infine, si può inviare un reclamo o una segnalazione in forma scritta attraverso:

  • Fax al numero 800 034626
  • PEC all’indirizzo vodafoneomnitel@pocert.vodafone.it
  • Raccomandata A/R all’indirizzo Vodafone Italia S.p.A. – Ufficio Reclami Vodafone – Casella postale 190 – 10015 Ivrea (To)

Richiedere la disdetta o passare ad altro operatore

Nel caso in cui i servizi voce e Internet di Vodafone non vengano ripristinati in tempi ragionevoli o il disservizio si presenta troppo spesso si può seriamente pensare di esercitare il proprio diritto di recesso. La richiesta deve essere effettuata con 30 giorni di preavviso in caso di recesso o disdetta della SIM mobile nelle seguenti modalità:

  • inviando una raccomandata A/R al Servizio Clienti Vodafone
  • inviando una PEC all’indirizzo disdette@vodafone.pec.it
  • compilando il form online
  • chiamando il Servizio Clienti 190
  • compilando il modulo in uno dei punti vendita dell’operatore

In alternativa, si può direttamente passare ad altro operatore richiedendo la portabilità del numero di telefono. Questa procedura è del tutto gratuita e sarà il nuovo operatore a contattare Vodafone per il trasferimento del numero. Con il comparatore di SOStariffe.it potete confrontare le tariffe del provider in rosso con quelle di tutti i principali operatori, compresi quelli low cost. Bastano pochi tap sullo schermo dello smartphone per impostare i parametri necessari a costruire il proprio profilo personale di consumo (traffico dati minimo, attivazione gratuita, costo mensile massimo, servizi inclusi, etc.). Fatto questo vedrete comparire le tariffe migliori in ordine di convenienza. Inoltre, il nostro servizio di consulenza telefonica gratuita vi offre la possibilità di ottenere consigli utili sul risparmio da parte dei nostri esperti.

Confronta migliore offerte mobile »

Vi ricordiamo che se il vostro attuale piano prevede un vincolo di durata dovrete corrispondere un importo per il recesso anticipato e allo stesso modo sarà obbligatorio il pagamento di eventuali rate residue se l’offerta è associata all’acquisto di uno smartphone o altro dispositivo.

Commenti Facebook: