Fine Tutela per luce e gas: proroga in arrivo ma non per tutti, gli ultimi aggiornamenti

Si avvicina la fine del servizio di Maggior Tutela per i clienti domestici: le ipotesi di proroga, per il momento, non hanno trovato riscontro nelle azioni del Governo. La questione resta aperta, come chiarito dal ministro dell'Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin. Vediamo gli ultimi aggiornamenti in merito.

In 30 secondi

Fine Tutela: proroga in arrivo? Il Governo continua a lavorare all'ipotesi
  • una decisione sarà presa entro fine ottobre 2023
  • la proroga riguarderà solo i clienti domestici vulnerabili
  • per i clienti non vulnerabili ci sarà il passaggio al Mercato Libero con possibilità di attivare nuove offerte luce e gas
Fine Tutela per luce e gas: proroga in arrivo ma non per tutti, gli ultimi aggiornamenti

La fine del servizio di Maggior Tutela per i clienti domestici è vicina. Lo stop è programmato per il prossimo mese di gennaio 2024, per il gas, e per il successivo aprile 2024, per l’energia elettrica, con la partenza del Servizio a Tutele Graduali per tutti i clienti che non avranno scelto, entro la data di fine Tutela, un nuovo fornitore del Mercato Libero.

Nelle scorse settimane, però, si è parlato, in più occasione, di una possibile proroga che, almeno per il momento, non è arrivata. Il recente Decreto Energia, infatti, non ha affrontato la questione della proroga, rimandando una possibile decisione sul tema. L’argomento torna di attualità in queste ore, grazie a nuove dichiarazioni del ministro dell’Ambiente, Pichetto Fratin.

Ricordiamo, in ogni caso, che per minimizzare le bollette è già oggi possibile passare alle migliori offerte luce e gas del Mercato Libero. Per individuare le tariffe giuste è possibile affidarsi alla comparazione online, tramite il comparatore di SOStariffe.it, accessibile dal link qui di sotto.

Scopri qui le migliori offerte luce e gas »

 Proroga Maggior Tutela: entro fine ottobre ci sarà una decisione del Governo

3 COSE DA SAPERE SULLA PROROGA DELLA MAGGIOR TUTELA
1. Il Governo prenderà una decisione entro fine ottobre 2023
2. La proroga dovrebbe riguardare solo i clienti domestici vulnerabili
3. La fine della Tutela è previsto per inizio 2024 

Il ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin, torna a parlare della possibile proroga per il mercato tutelato, anticipando che una decisione sarà presa entro fine ottobre. La conferma è arrivata a margine dell’incontro La transazione ambientale, organizzato a Bologna da Confcooperative. Nel corso dell’evento, il ministro ha avuto modo di tornare sul tema del passaggio al Mercato Libero e della proroga alla fine della Tutela.

Come riportano gli organi di stampa, infatti, il ministro ha sottolineato: “La valutazione è sulla distinzione fra la parte dei non vulnerabili, circa 5 milioni di utenze, e i vulnerabili che sono circa 4,5 milioni di utenze. L’intenzione in questo momento è di dividere i due settori cominciando, a seguito di una campagna che deve essere molto forte, anche ad aprire al mercato libero ancorché con un sistema almeno triennale di prezzi controllati per la parte dei non vulnerabile“.

Al momento, quindi, la distinzione principale è tra clienti vulnerabili e non vulnerabili. Per i clienti non vulnerabili, quindi, la strada sembra segnata e dal 2024 sarà obbligatorio il passaggio al Mercato Libero, seguendo le modalità previste da ARERA. In questi casi, però, è già oggi possibile completare il passaggio, scegliendo subito una tariffa vantaggiosa.

La situazione è diversa per i clienti vulnerabili che dovrebbero registrare una proroga. In questa categoria, come riportato dal sito di ARERA, rientrano i clienti domestici che:

  • si trovano in condizioni economicamente svantaggiate; in questa categoria rientrano i percettori del Bonus Bollette
  • sono soggetti con disabilità ai sensi dell’articolo 3 legge 104/92
  • hanno un’utenza in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi
  • versano in gravi condizioni di salute tali da richiedere l’utilizzo di apparecchiature medico-terapeutiche alimentate dall’energia elettrica oppure presso i quali sono presenti persone in tali condizioni (per l’energia elettrica)
  • hanno un’utenza in un’isola minore non interconnessa (per l’energia elettrica)
  • hanno un’età superiore ai 75 anni

Per tutti i clienti domestici che non rientrano in uno di questi punti, quindi, la fine della Tutela è programmata per inizio 2024 (a gennaio per il gas e ad aprile per l’energia elettrica).