Bollette luce e gas: aumenti in arrivo, come difendersi a settembre 2023

I prezzi all’ingrosso di energia elettrica e metano tornano a salire e il rischio di nuovi aumenti luce e gas incombe all’orizzonte. La situazione a settembre 2023 e come proteggersi da nuove stangate in bolletta con le migliori offerte luce e gas a prezzo bloccato del Mercato Libero.

In 30 secondi

Allarme aumenti luce e gas in autunno, cosa sapere a Settembre 2023:
  1. I prezzi all'ingrosso di gas ed energia elettrica sono in rialzo: ecco perché
  2. Quali sono gli effetti dei rincari all'orizzonte sui consumatori finali
  3. Le migliori offerte luce e gas a prezzo bloccato del Mercato Libero per proteggersi dalle stangate
Bollette luce e gas: aumenti in arrivo, come difendersi a settembre 2023

I listini gas al TTF di Amsterdam, il principale hub di riferimento europeo per la compravendita di gas naturale, tornano a rialzare la testa (oscillando tra i 38 e i 35 euro al megawattora), con un effetto domino anche sul prezzo dell’elettricità in Italia (il cosiddetto indice PUN), cresciuto del +29% nella settimana dal 21 al 27 agosto 2023 rispetto alla settimana precedente.

Un balzo all’insù che, secondo le stime di Nomisma Energia, sarà sentito dalle famiglie italiane nelle prossime bollette, con aumenti del 7-10% delle tariffe luce dal prossimo ottobre, quando scatterà l’aggiornamento trimestrale di prezzo ARERA.

Uno scenario che spaventa i consumatori, sempre più a caccia di soluzioni per tenere a bada le spese di energia e metano il prossimo autunno 2023. In tempi di rincari dei beni energetici, le offerte luce e gas a prezzo bloccato possono essere una valida opzione da percorrere per difendersi dalle stangate. Per trovare questa tipologia di tariffe del Mercato Libero, è possibile utilizzare il comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas.

Questo strumento gratuito aiuta i consumatori a setacciare le proposte dei gestori energetici per la fornitura domestica di energia e metano e individuare la soluzione maggiormente “cucita” sulle proprie esigenze di consumo e di spesa, grazie alla possibilità di inserire il dato del proprio consumo annuo di energia o gas.

Clicca al link di seguito per accedere al comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas:

SCOPRI LE MIGLIORI OFFERTE LUCE E GAS »

Rincari luce e gas: perché i prezzi aumentano a Settembre 2023

RINCARI IN BOLLETTA: LE DOMANDE RINCARI IN BOLLETTA: LE RISPOSTE
Perché i listini gas al TTF di Amsterdam sono in rialzo? Le tensioni sindacali negli impianti di liquefazione del metano in Australia aumentano il rischio di una riduzione dei flussi delle forniture di gas liquefatto, con un effetto sui prezzi anche in Europa
Che effetto hanno gli aumenti del gas sull’energia elettrica? Il prezzo medio dell’energia elettrica all’ingrosso PUN è aumentato del +29,9% tra il 21 e il 27 agosto rispetto alla settimana precedente
Come si traduce il rialzo dei beni energetici sulle bollette? In un aumento del 7-10% sulle tariffe luce e del 2% su quelle del gas, secondo le previsioni di Nomisma Energia

Sebbene i prezzi di energia elettrica e gas all’ingrosso siano molto lontani dalle impennate subite nell’estate 2022, il comparto energetico internazionale è sotto stretta osservazione in questo avvio di settembre 2023.

Le ragioni? Innanzitutto, i listini gas al TTF di Amsterdam sono da settimane in fermento (superando la soglia dei 35 euro al megawattora) anche a seguito delle tensioni sindacali in Australia tra i lavoratori degli impianti di liquefazione del metano. Ricordiamo a questo proposito che, dopo la riduzione delle importazioni di gas russo lo scorso anno, l’Europa ha aumentato la sua dipendenza da Gnl (il gas naturale liquefatto, appunto) e questa mossa rende il Vecchio Continente esposto alle tensioni di un rialzo dei prezzi.

Tanto che le possibili “braccia conserte” dei lavoratori negli stabilimenti australiani metterebbero a rischio circa il 5% delle forniture mondiali di Gnl, con un’interruzione dei flussi e un impatto sui prezzi in Europa.

Il balzo all’insù delle quotazioni al TTF di Amsterdam influenza anche l’andamento di prezzo dell’energia elettrica all’ingrosso (il cosiddetto indice PUN), in quanto l’elettricità in Italia è ancora prodotta in larga parte grazie al gas naturale.

Nella settimana da lunedì 21 a domenica 27 agosto, il Gme (il Gestore dei mercati energetici) ha registrato un prezzo medio di acquisto dell’energia elettrica (PUN) pari a 137,67 euro a MWh, in rialzo del 29,9% rispetto ai 106 euro circa della settimana precedente. Un trend di crescita che, se dovesse mantenersi su questi livelli, si tradurrebbe in un aumento delle tariffe della luce nelle prossime bollette per i clienti finali.

Secondo le stime di Nomisma Energia, è all’orizzonte un aumento del 7-10% sulle tariffe luce dal primo ottobre 2023, in concomitanza con il prossimo aggiornamento ARERA del prezzo dell’energia elettrica in Maggior Tutela. Prezzi in crescita anche per le fatture gas: le previsioni di Nomisma Energia parlano di un aumento inferiore al 2% nel prossimo aggiornamento di prezzo ARERA (in arrivo a inizio settembre), anche se “le indicazioni per il prossimo inverno danno prezzi internazionali superiori del 40% rispetto a quelli attuali e se si dovessero verificare le tariffe del gas di quest’inverno sarebbero superiori anche del 20% rispetto alle attuali“, ha chiarito il presidente di Nomisma Energia, Davide Tabarelli.

Ma l’autunno dei rincari non riguarderà solo le bollette di luce e gas. Secondo una stima di Federconsumatori, al rientro dalle vacanze, le famiglie dovranno far fronte a spese per 2.924,70 euro, ben 252,92 euro in più rispetto all’autunno 2022. Ma se si considerano anche l’esborso per alimentazione e carburanti, il totale ammonta a 5.104,90 euro da settembre a novembre, pari a 480,12 euro in più rispetto al 2022.

Ridurre le spese di energia e gas con le offerte bloccate a Settembre 2023

NOME FORNITORE NOME OFFERTA PREZZO LUCE/GAS SPESA IN BOLLETTA
1 NeN
  • Luce Special 48
  • Gas Special 48
  • 0,1980 €/kWh
  • 0,6900 €/Smc
  • 75,64 €/mese
  • 138,33 €/mese
2 Pulsee
  • Luce Relax Fix
  • Gas Relax Fix
  • 0,1691 €/kWh
  • 0,6600 €/Smc
  • 77,29 €/mese
  • 147,03 €/mese
3 A2A Energia
  • Click Luce
  • Click Gas
  • 0,2040 €/kWh
  • 0,7200 €/Smc
  • 83,98 €/mese
  • 146,61 €/mese

Le offerte luce e gas a prezzo bloccato sono una delle principali opzioni tariffarie del Mercato Libero. Esse assicurano ai consumatori un prezzo dell’energia e del gas (espresso in costo kWh e costo metano al metro cubo) che rimane fisso per un certo periodo di tempo.

Il loro punto di forza? Il costo della materia prima resta stabile per tutta la durata del vincolo contrattuale (almeno 12 mesi) anche nel caso di rialzo dei costi della materia prima all’ingrosso. Ciò assicura uno “scudo di protezione” contro l’instabilità del mercato energetico.

Di seguito le top 3 offerte luce e gas a prezzo fisso del Mercato Libero, selezionate grazie al comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas e parametrate sul consumo di una “famiglia tipo” (2.700 kWh di energia elettrica e 1.400 Smc di gas all’anno).

Controlla i tuoi consumi e scopri il risparmio Seleziona i tuoi elettrodomestici

Luce e Gas Special 48 di NeN

Ecco le condizioni tariffarie (in esclusiva con SOStariffe.it) dell’offerta luce e gas proposta da NeN:

  • prezzo fisso per 12 mesi: 0,1980 €/kWh per la luce e 0,6900 €/Smc per il gas;
  • 8 euro al mese di contributo fisso per costi di commercializzazione (la spesa annuale complessiva è di 96 euro a fornitura)
  • bonus di benvenuto di 48 euro a fornitura;
  • energia 100% proveniente da fonti rinnovabili;
  • fornitura smart grazie ai canali digitali di NeN (App e area clienti del sito internet);
  • sistema di fatturazione con rata fissa mensile stabilita in fase di attivazione dell’offerta, sulla base del consumo dell’utente, e valida per 12 mesi;
  • spesa mensile stimata per la “famiglia tipo”: 75,64 euro (bolletta luce) e 138,33 euro (bolletta gas).

Maggiori dettagli sulle soluzioni NeN sono disponibili al link di seguito:

Scopri NeN Luce e Gas Special 48 »

Pulsee Luce e Gas RELAX Fix

Pulsee, marchio di Axpo Italia, propone le seguenti condizioni tariffarie:

  • prezzo bloccato per 24 mesi: 0,1691 €/kWh per l’energia elettrica e 0,6600 €/Smc per il gas;
  • 12 euro al mese (per fornitura) a copertura delle spese di commercializzazione (slegate dal consumo): la spesa annuale è di 144 euro a fornitura;
  • tariffazione monoraria: il costo dell’energia è indipendente dall’orario di utilizzo;
  • gestione online della fornitura con area Clienti online e App Pulsee;
  • energia elettrica 100% green;
  • possibilità di personalizzare l’offerta con le opzioni a pagamento come Zero Carbon Footprint (per abbattere le proprie emissioni inquinanti) a 5 euro al mese e Gas Compensation (per compensare la CO₂ emessa dal gas che si consuma) a 2 euro al mese;
  • spesa stimata mensile per la “famiglia tipo”: 77,29 euro (bolletta luce) e 147,03 euro (bolletta gas).

Una panoramica dell’offerta luce di Pulsee è disponibile qui sotto:

Scopri Pulsee Luce RELAX Fix »

Clicca al link di seguito per avere ulteriori informazioni:

SCOPRI PULSEE GAS RELAX FIX »

Click Luce e Gas di A2A

Ecco le condizioni tariffarie di questa offerta a prezzo fisso per un anno proposta da A2A:

  • prezzo fisso per 12 mesi: 0,2040 €/kWh per l’energia (tariffa monoraria) e 0,7200 €/Smc per il gas;
  • costo fisso mensile per spese di commercializzazione: 9,50 euro al mese (114 euro all’anno);
  • possibilità di scelta tra tariffa monoraria o bioraria, in base alle proprie abitudini di consumo;
  • possibilità di attivare la fornitura di luce e gas anche con WhatsApp;
  • energia 100%green;
  • spesa stimata per la “famiglia tipo”: 83,98 euro al mese per la luce e 146,61 euro per il gas.

Clicca sul link qui sotto per tutti i dettagli sulla promozione.

Scopri A2A Click Luce e Gas