Le 10 migliori app per risparmiare e gestire le spese

Monitorare entrate e uscite mensili e settimanali per cercare di risparmiare è più facile con una delle 10 migliori app disponibili su smartphone. Ecco la classifica e qualche consiglio per la gestione delle spese

Le migliori app per risparmiare e gestire le spese

Fare quadrare i conti a fine mese di questi tempi è difficile. Bollette, mutuo, la rata della macchina e tutto il resto sono lì che fanno capolino a scadenza. Riuscire a gestire il bilancio è un’arte di somme e sottrazioni che sta diventando sempre più complessa. Le nuove tecnologie vi vengono incontro in questa esigenza di controllo e gestione di entrate e uscite finanziarie con una serie di app pensate proprio a questo scopo.

In questo modo potrete accumulare un po’ di risparmi. Se poi siete di quelli che appena hanno dei soldi sul conto li spendono senza neanche rendersene conto date uno sguardo alle soluzioni conto deposito, sono delle soluzioni che vincolano delle somme per un determinato periodo di tempo (si può andare da 3 mesi a diversi anni) ad un tasso basso ma sicuro.

Confronta i conti deposito »

Ecco come lo smartphone diventa un calendario finanziario

Mentre pensate ai piani futuri vediamo quali app possono aiutarvi nella vita quotidiana a risparmiare e gestire le spese. Il vostro smartphone potrà diventare il termometro delle entrate e uscite mensili del vostro conto in poche semplici mosse. Anche SosTariffe.it ha creato uno strumento agile e imparziale per confrontare le offerte di lucegasfibraprodotti finanziariRC auto e tanto altro si tratta di un’App per la gestione del risparmio di SosTariffe.it. Una delle funzioni più comode di questa app è quella che riguarda le vostre bollette: Scatta e risparmia. Dovrete solo scattare una foto della bolletta di ADSL, luce e gas e riceverete una consulenza gratuita e personalizzata basata sul vostro profilo di consumo.

Scopri come gestire al meglio le tue spese »

  1. Tra le app di risparmio uno dei gradini più alti del podio è occupato, senza dubbio, da Mint, uno strumento di finanza personale che consente di personalizzare i modelli di spesa, di creare un bilancio e di collegare il vostro portafoglio con chi volete. Una volta scaricata l’app sul vostro dispositivo iOS o Android Mint registrerà e classificherà ogni spesa sostenuta in modo automatico.
  2. GoodBudget è una valida alternativa e oltre a quanto già visto per la prima app permette di impostare dei limiti alle spese sostenibili mensilmente. L’uso dei vostri dati permette tramite l’app di creare statistiche e infografiche che renderanno immediatamente visibili le categorie di prodotti e spese fatti. Anche in questo caso è possibile sincronizzare il vostro account e quelli di tutta la famiglia, così da avere il quadro complessivo delle entrate e delle uscite. Potrete segnare sull’app ogni acquisto sostenuto e capire quali siano state le voci che hanno inciso maggiormente sulle spese del mese o dell’anno.
  3. Altra app interessante è Splid che ha un sistema di notifiche che permette di tenere e tenersi aggiornati sul budget della propria famiglia o del gruppo con cui si sincronizzano gli account. Permette di calcolare percentuali di spese giornaliere e di fare i conti con circa 150 valute straniere. Funziona anche senza connessione Internet.
  4. C’è poi Expensify, un’app che funziona con un sistema di scansione di scontrini e ricevute dei pagamenti. Si può usare sia su dispositivi mobili che su fissi. Questo strumento vi permette di creare il vostro excel con tutte le spese e le entrate familiari.
  5. Così come Fast Budget, altra app per chi vuole risparmiare e gestire le spese. Potrete sincronizzare 5 dispositivi ad un unico account, avrete una specie di agenda del flusso di denaro con promemoria e spese fisse programmate.
  6. Per tracciare esborsi potrebbe essere utile anche Cents. L’app tiene conto in particolare delle vostre spese più frequenti con una serie di pulsanti pre impostati per segnare dal caffè alla birra con gli amici. Non potrete solo tenere sotto controllo la spesa mensile, ma anche settimana per settimana.
  7. O ancora Expense Manager farà diventare lo smartphone un personale registratore dei vostri movimenti. Anche questa app vi dà una serie di bottoni pre compilati per elencare i costi delle vostre attività. Molto comoda la funzione di backup che potrete collegare a Dropbox o al vostro Google Drive.
  8. Stessa attività di memorizzazione disponibile anche con Monefy, un’app per il momento disponibile solo su Android. Grafica piacevole e utilizzo semplice. Uno dei vantaggi rispetto ad altri strumenti è che si tratta di un’applicazione in italiano.
  9. Anche per i devoti clienti iOS ci sono delle soluzioni ad hoc, una delle più consigliate è BillTracker. L’app imposta un registro in cui segnala tutte le date di scadenza e il numero di bollette da pagare e vi invia delle notifiche in prossimità delle date in cui dovrete effettuare i pagamenti.
  10. Per chi vuole uno strumento un po’ più completo o per i privati e professionisti che vogliano conservare la documentazione di ricevute, fatture e pagamenti anche per anni Receipt Bank fa al caso vostro. Scattate una foto ai documenti finanziari (scontrini, bollette, fatture) e il sistema le conserverà per 7 anni.

Il risparmio al supermercato e al distributore

Per chi oltre a voler creare dei calendari finanziari per monitorare il flusso in entrata e in uscita sul proprio conto esistono altre app che segnalano offerte e sistemi per risparmiare sulle spese quotidiane.

Tra le più usate dai risparmiatori c’è l’app Dove Conviene. Si tratta di una raccolta di tutti i volantini offerta attivi in supermercati e catene di negozi di elettronica o per la cura della casa, ad esempio. È disponibile sia per smartphone iOS che per Android.

I prezzi della benzina vi fanno impazzire con le loro continue modifiche. Prezzi Benzina consente di monitorare con costanza e precisione i prezzi al distributore. Come funziona? Una community di utenti che ha scaricato l’app segnala i prezzi del carburante nelle diverse zone della città. L’app poi crea una mappa con le differenti tariffe e su richiesta segnala qual è il distributore più economico e quanto dista dal punto in cui vi trovate.

Online troverete anche delle utili guide che condividono gli aggiornamenti e i contenuti pubblicati sul tema risparmio per capire su quali voci di spesa potreste essere dalla manica troppo larga e migliorare le vostre abitudini di consumo.

Commenti Facebook: