di

Come scaricare il modulo per il bonus luce e gas a ottobre 2021

Per contrastare gli aumenti in bolletta luce e gas il Governo ha deciso, tra le altre misure, di integrare i bonus elettrico e gas, si tratta di due contributi riconosciuti a chi è in situazioni di disagio economico o fisico. I beneficiari dei bonus hanno diritto a degli sconti in bolletta, ecco quali sono le rimodulazioni per il periodo Ottobre-Dicembre 2021 e come puoi fare richiesta dei bonus

Come scaricare il modulo per il bonus luce e gas a ottobre 2021

Il 2021 è stato l’anno in cui il bonus luce e gas è diventato automatico, fino allo scorso anno era necessario scaricare un modulo dal sito ARERA e poi presentare la domanda all’ufficio comunale o al CAF. Con le nuove regole invece il contributo viene riconosciuto a coloro che rispondono ai requisiti previsti per legge e che presentano la Dichiarazione sostitutiva unica all’INPS.

A fine Settembre poi è arrivata la notizia che gli aumenti delle rimodulazioni ARERA per il quarto trimestre 2021 sarebbero state molto più elevate del previsto, le stime parlavano di un rincaro del 30% sull’elettricità e del 15% sul gas. Per poter ridurre la pressione che queste rimodulazioni avrebbero avuto sui conti delle famiglie italiane.

I provvedimenti anti aumenti

Il Governo ha deciso di adottare diversi provvedimenti per poter contenere questi gli aumenti. Ecco quali sono state le azioni messe in atto: taglio oneri di sistema per famiglie e pmi, taglio IVA sul gas dal 10% o dal 22% al 5% e integrazioni per i bonus elettrici e gas. Le misure andranno ad aiutare 26 milioni di famiglie e 6 milioni di piccole e medie imprese, sono questi i numeri dei beneficiari dei diversi atti.

“Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas nel quarto trimestre 2021” – recita la nota di Palazzo Chigi. “Le nuove misure intervengono a vantaggio degli oltre 3 milioni di persone che beneficiano del bonus energia: nuclei che hanno un ISEE inferiore a 8.265 euro annui; nuclei familiari numerosi (ISEE 20.000 euro annui con almeno 4 figli); percettori di reddito o pensione di cittadinanza; utenti in gravi condizioni di salute. Per costoro sono tendenzialmente azzerati gli effetti del futuro aumento della bolletta”.

Per poter potenziare i bonus elettrico e del gas sono stati stanziati fondi pari a 450 milioni di euro. Date le nuove disposizioni, anche le rimodulazioni dei contributi saranno riconosciute in automatico alle famiglie che rientrano nei profili dei beneficiari. Per poter aumentare il risparmio i clienti hanno anche la possibilità di scegliere di passare ad una delle migliori offerte luce e gas del mercato liberoLibero, con queste tariffe potrai ridurre il costo delle bollette in un anno anche di centinaia di euro.

Per individuare le promozioni energia e gas più convenienti puoi usare il comparatore di SOStariffe.it, puoi fare una ricerca di prova cliccando sul link in basso. Lo strumento confronterà per te decine di tariffe e riporterà in uno schema quali sono le principali condizioni dell’offerta. Potrai personalizzare l’analisi inserendo alcune informazioni sulle tue abitudini di consumo o riportando nell’apposita casella il tuo consumo annuale, l’algoritmo calcolerà quindi la bolletta mensile che andresti a pagare e anche il risparmio.

Scopri qui le migliori offerte luce e gas »

Come richiedere i Bonus elettrico e Gas

Per avere accesso ai contributi sulle bollette non è più necessario scaricare il modulo ARERA e presentare ogni anno il documento per la richiesta di rinnovo.  La normativa prevede che i beneficiari compilino la Dichiarazione Sostitutiva Unica, è il modulo INPS necessario per il calcolo dell’ISEE. L’ISEE è un indicatore utilizzato come parametro della situazione economica di una famiglia e serve per poter richiedere le prestazioni agevolate e altre forme di aiuto statale.

La Dichiarazione può essere presentata agli uffici:

  • dell’ente che eroga la prestazione sociale
  • al Comune
  • a un Centro di Assistenza Fiscale
  • online all’INPS

Questa autodichiarazione tiene conto sia del patrimonio che del reddito e dei bene mobili e immobili.

Chi può beneficiare dei Bonus Luce e Gas

Gli sconti in bolletta dei Bonus elettrico e Gas spettano alle famiglie che rispettano i seguenti requisiti:

  • nucleo familiare composto da non più di 4 persone con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro
  • un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) – indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro
  • nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza

Chi rientra in queste categorie otterrà uno sconto mensile sul consumo di elettricità e gas, ma solo se avrà compilato il modulo DSU.

Esiste anche una forma di sostegno per chi ha necessità mediche particolari ed è costretto ad usare apparecchi elettromedicali salvavita, queste persone hanno diritto ad un contributo più elevato che dipenderà dalla tipologia di macchinario che usano e dagli orari giornalieri di utilizzo. Per poter accedere a questo contributo non ci sono requisiti economici da soddisfare, ma sarà necessario presentare una certificazione ASL del medico specialista e una domanda che puoi scaricare dal sito ARERA. Una volta compilati i documenti dovrai fare domanda tramite CAF o all’ufficio del tuo comune.

Bonus Luce e Gas: le integrazioni per contrastare gli aumenti 2021

Con dei rincari così elevati come quelli previsti per il quarto trimestre del 2021 è stato necessario intervenire per proteggere le famiglie più in difficoltà da aumenti troppo consistenti. Come accennato, il Governo ha quindi stabilito delle misure che permetteranno a chi ne ha bisogno di ricevere delle integrazioni sui Bonus elettrici e del gas.

Innanzitutto, i contributi agevolati per quest’anno sono stati scontati dalle bollette a Luglio 2021 per una serie di questioni tecniche e burocratiche che l’ARERA ha dovuto risolvere. Gli importi degli aiuti per le famiglie in condizioni di disagio economico vengono calcolati ogni anno a Gennaio e variano a seconda dei componenti del nucleo di cui si fa parte. Per il 2021 erano stati decisi i seguenti contributi:

  • famiglia di 1-2 componenti: 128 euro
  • famiglia di 3-4 componenti: 151 euro
  • famiglia di oltre 4 componenti: 177 euro

Il Governo ha quindi deciso che l’integrazione del Bonus elettrico avrà un valore pari ad 1/4 del contributo del 2021. Quindi ecco a quanto ammonteranno le quote degli sconti che le famiglie beneficiari riceveranno sulle prossime bollette:

  • famiglia di 1-2 componenti: 46 euro
  • famiglia di 3-4 componenti: 55,20 euro
  • famiglia di oltre 4 componenti: 64,4 euro

Bonus per disagio fisico

Se rientri tra coloro che hanno fatto la richiesta per il Bonus elettrico per disagio fisico il calcolo del contributo che ti spetta è più complesso. Questa agevolazione infatti tiene conto sia dei consumi rispetto a quelli medi (stimati intorno ai 2700 kWh) che delle fasce di potenza degli impianti elettrici.

L’agevolazione minima per un consumo che superi di 600 kWh l’anno la soglia standard di utilizzo dell’elettricità e per un impianto che arrivi fino a 3 kW è di 189 euro. Il contributo più elevato per questi di disagio fisico sarà di 676 euro ed è riservato a chi ha un consumo che supera di 1200 kWh l’anno i 2700 kWh e per un impianto fa 4,5 kW in su.

Anche questi utenti avranno diritto ad un aiuto extra visti gli aumenti in bolletta previsti per il periodo Ottobre- Dicembre 2021. L’agevolazione integrativa per il quarto trimestre 2021 è legata solo alla fascia di consumo e non alla potenza, ecco quali sono i contributi:

  • 18,4 euro per la fascia di consumo minima
  • 27,6 euro per la fascia di consumo media
  • 36,8 euro per la fascia di consumo massima

Il contributo sulle bollette gas

Stabilire a quanto ammonta il bonus in bolletta gas è più complesso, questo contributo viene calcolato tenendo conto di tre fattori. Si devono considerare i componenti del nucleo familiare, c’è poi da tener presente che non in tutte le abitazioni sono presenti impianti di riscaldamento e che ci sono diverse zone climatiche (sono classificazioni che considerano le condizioni meteo delle aree del territorio).

Quindi per stabilire l’importo dello sconto applicato sui tuoi consumi devi incrociare queste tre condizioni

  • numero di componenti del nucleo familiare (fino a 4 componenti e oltre 4 componenti)
  • zona climatica dove è ubicata la fornitura (A/B, C, D, E, F)
  • tipologia di utilizzo del gas (acqua calda sanitaria e/o uso cottura, acqua calda sanitaria e/o uso cottura + riscaldamento)

Per chi abita in zona A/B e usa il gas per l’acqua calda, per la cucina e per il riscaldamento il contributo calcolato per il 2021 è di 67 euro, mentre per un utente che vive in zona F, consuma il gas per riscaldare casa, per cucinare e per avere acqua calda e se la famiglia è composta da più di 4 persone lo sconto arriva a 245 euro.

Ecco quali sono i valori delle integrazioni al bonus gas per le famiglie per il quarto trimestre 2021 se consumano gas solo per acqua calda e cottura:

  • famiglia fino a 4 componenti: 18,4 euro
  • famiglia con oltre 4 componenti: 27,6 euro

Coloro che invece utilizzano il gas anche per il riscaldamento devono considerare delle integrazioni differenti in base alla zona climatica in cui abitano. Gli importi  del Bonus per questi cittadini sono i seguenti:

  • famiglia fino a 4 componenti: 27,6 euro (zona climatica A/B), 46 euro (C), 64,4 euro (D), 92 euro (E) e 110,4 euro (F)
  • famiglia con oltre 4 componenti: 27,6 euro 36,8 euro (A/B), 64,4 euro (C), 82,8 euro (D), 128,8 euro (E), 147,2 euro (F)

Il Bonus Gas (standard + integrativo) per il quarto trimestre del 2021, quindi, andrà da un minimo 25,90 euro ad un massimo di 208,45 euro.

Commenti Facebook: