Bonus Bollette potenziato: come cambia l'agevolazione da Ottobre 2023

Come confermato dal Decreto Energia di fine settembre, il Governo continua a puntare sul Bonus Bollette come strumento per contrastare la crisi energetica, ancora in corso nonostante prezzi dell'energia più bassi rispetto allo scorso anno. A partire da ottobre, per il quarto trimestre dell'anno, arrivano alcune novità sull'agevolazione.

In 30 secondi

Anche per il quarto trimestre torna il Bonus Bollette:
  • non ci sarà un bonus integrativo ma sarà potenziato il bonus base
  • per il quarto trimestre è previsto un risparmio del 30% sulla luce e del 15% sul gas
  • per risparmiare è necessario puntare sulle migliori offerte luce e gas
Bonus Bollette potenziato: come cambia l'agevolazione da Ottobre 2023

Il Bonus Bollette si conferma la misura di riferimento per il contrasto alla crisi energetica, garantendo uno sconto netto sull’importo delle bollette per le famiglie in difficoltà economica. Anche per il quarto trimestre del 2023, come previsto dal Decreto Energia, arrivano novità per quest’agevolazione.

Ricordiamo, in ogni caso, che per tagliare le bollette è fondamentale ridurre il costo dell’energia. Il solo Bonus non basta. Per accedere a un costo dell’energia più basso è necessario puntare sulle migliori offerte del Mercato Libero, accessibili tramite il Comparatore di SOStariffe.it qui di sotto.

Scopri qui le migliori offerte luce e gas »

Vediamo le novità in arrivo per il Bonus Bollette:

Bonus Bollette: come cambia l’agevolazione da Ottobre 2023

3 COSE DA SAPERE SUL BONUS BOLLETTE
1. Il Bonus Bollette sarà potenziato per quarto trimestre del 2023
2. L’accesso all’agevolazione è vincolato al rispetto di requisiti ISEE
3, L‘importo per il quarto trimestre del 2023 non è ancora stato comunicato

Anche per il quarto trimestre del 2023 è confermato un potenziamento del Bonus Bollette, con l’obiettivo di aiutare le famiglie in difficoltà economica a pagare le bollette. I prossimi mesi saranno, infatti, impegnativi: il costo dell’energia elettrica in Tutela è appena aumentato mentre, per il gas, è in arrivo il consueto incremento della spesa dovuto all’aumento dei consumi.

Per contrastare gli aumenti, arriva un potenziamento del Bonus Bollette. Per questo trimestre, però, non c’è un bonus integrativo ma un vero e proprio potenziamento del Bonus “base“, con un adeguamento alle nuove condizioni del mercato energetico. Secondo quanto rivelato da ARERA, la nuova versione del bonus garantirà per la famiglia tipo una riduzione:

  • del 30% della spesa per l’energia elettrica
  • del 15% della spesa per il gas

Entrambe le riduzioni si riferiscono al quarto trimestre del 2023. Da notare, in ogni caso, che, almeno per il momento, l’importo del Bonus Bollette non è ancora stato ufficializzato. Toccherà sempre ad ARERA rivelare, nel corso delle prossime settimane, l’entità dello sconto garantito agli eventi diritto. Non ci sono modifiche ai limiti ISEE per il bonus bollette.

C’è poi un’importante conferma: il Bonus Bollette sarà accessibile a tutte le famiglie con ISEE fino a 15.000 euro. L’importo del 100% sarà riservato alle famiglie con ISEE fino a 9.530 euro mentre per la fascia compresa tra 9.530 euro e 15.000 euro è prevista una riduzione dell’importo che sarà pari all’80%.

Per le famiglie numerose, con almeno 4 figli a carico, è previsto l’accesso al Bonus con un ISEE fino a 30.000 euro. Le soglie ISEE sono valide per tutto il 2023. Per il prossimo anno, invece, sarà necessario un nuovo decreto del Governo per definire nuove soglie o per confermare quelle già in vigore oggi.

Ricordiamo che l’importo del Bonus Luce è legato alla composizione del nucleo familiare mentre il Bonus Gas è influenzato anche dal tipo di uso del gas oltre che dalla zona climatica dove è ubicata la fornitura che ha diritto all’agevolazione.

I Bonus Luce e Gas per disagio economico sono riconosciuti in automatico. Non c’è bisogno di presentare una domanda. Basta aver richiesto l’ISEE. Chi rientra nei requisiti fissati dalla normativa, infatti, riceverà lo sconto in bolletta, per l’importo definito da ARERA per il trimestre.

C’è anche il Bonus Luce per disagio fisico, eventualmente cumulabile con quello per disagio economico, che può essere richiesto al Comune di residenza, presentando un certificato ASL che attesti la necessità di utilizzo di apparecchiature elettromedicali per il sostentamento della vita di uno dei componenti del nucleo familiare.