5G in Italia: 5 miti da sfatare

Il 5G in Italia è oramai una realtà. La rete mobile di nuova generazione è stata lanciata nel 2019 e per tutto il 2020 ha registrato una costante espansione. Oggi tutti gli operatori MNO mettono a disposizione dei loro utenti l'accesso al 5G. Il nuovo Osservatorio di SOStariffe.it si è concentrato sui falsi miti diffusi sulla rete 5G con l'obiettivo di sfatarli e mettere in evidenza i vantaggi di questa nuova tecnologia.

5G in Italia: 5 miti da sfatare

Negli ultimi due anni il 5G ha iniziato a farsi strada in Italia. Oggi, ad inizio 2021, la rete mobile di nuova generazione è un importante riferimento del settore di telefonia mobile e le offerte 5G iniziano a diventare sempre più convenienti. Nel frattempo, sul mercato è in costante aumento il numero di smartphone in grado di garantire l’accesso alla rete 5G, con evidenti miglioramenti in termini di prestazioni.

Il nuovo Osservatorio di SOStariffe.it ha analizzato alcuni falsi miti sul 5G con l’obiettivo di mettere in evidenza le fake news che circolano, da molto tempo, sul tema. L’indagine punta a sottolineare i vantaggi del 5G, una nuova tecnologia che punta a rivoluzionare la connettività, semplificando l’accesso ad Internet.

Come si è arrivati al 5G

Il 5G è l’ultima evoluzione delle connessioni mobili ed arriva dopo un lungo programma di sviluppo mirato a definire un nuovo standard in grado di garantire un salto generazionale considerevole rispetto alle precedenti tecnologie. In principio, si è partiti con quello che oggi viene chiamato 1G, la tecnologia analogica che consentiva la comunicazione tra due soggetti.

Successivamente, si è poi passati al 2G, tecnologia che ha permesso alle frequenze radio di diventare più sicure, ha introdotto l’invio degli SMS e la possibilità di raggiungere una velocità di download dei dati fino a 250 Kbps. Il salto generazionale significativo per Internet mobile è arrivato con il 3G che, migliorando la velocità di connessione, ha portato al download di siti, e-mail e messaggi istantanei.

Il 4G ha poi garantito un ulteriore passo in avanti delle connessioni mobili, contribuendo alla nascita di un modo iper-connesso. Il 5G è, quindi, l’evoluzione di quanto mostrato dal 4G e presenta un servizio migliorato non solo in termini di velocità. Con la connessione mobile di nuova generazione, infatti, viene incrementata la velocità ma si riduce il tempo di latenza a favore del risparmio energetico e di un miglioramento delle prestazioni.

La grafica qui di seguito riassume quelle che sono le principali fake news legate alla nuova generazione di reti mobili. Successivamente, andremo ad analizzare, punto per punto, i vari falsi miti sul 5G con l’obiettivo di chiarire, nei minimi dettagli, tutti gli aspetti legati alla nuova tecnologia. Ecco quali sono i falsi miti sul 5G.

1) Il 5G ha effetti negativi sulla salute

Come spesso accade con la nascita di una tecnologia, il 5G è stato subito al centro di fake news legate a potenziali danni per la salute delle persone. Come confermato anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, i campi elettromagnetici legati al 5G non provano danni agli esseri umani e non c’è alcun rischio di sviluppare tumori. Il 5G ha una capacità ridotta di attraversare le barriere solide e il corpo umano.

2) Il 5G provoca la morte dei volatili

Una delle fake news più “famose” in merito al 5G è legata alla diffusione di un video che mostrava la moria di un gran numero di volatili nei Paesi Bassi. Secondo chi diffuse tale video, tale moria era legata all’utilizzo della tecnologia 5G in quell’area. La realtà dei fatti fu però ben diversa. Le riprese, diffuse ad arte da un gruppo di complottisti, furono effettuate in un’area in cui non erano presenti stazioni di prova della rete 5G che, quindi, non ha nulla a che fare con la moria dei volatili.

3) Il 5G facilita lo spionaggio

In un mondo in cui la sicurezza informatica e la privacy sono al centro della vita quotidiana in diversi ambiti, anche il 5G è stato accusato di essere una tecnologia in grado di favorire i cyber attacchi. La situazione, anche in questo caso, è molto diversa. Il 5G consente una riduzione dei tempi di latenza della connessione riducendo, quindi, il tempo tra l’invio e la ricezione di un segnale. Riuscire ad intercettare una connessione 5G è ancora più difficile.

4) Il 5G non migliora le prestazioni di rete

Un’altra fake news sul 5G è legata alle sue prestazioni. Secondo alcune voci, infatti, la rete mobile di nuova generazione non migliorerebbe le prestazioni della rete per gli utenti senza offrire nulla di nuovo rispetto a quanto già avviene con il 4G. Anche per questo punto, le cose stanno in modo molto diverso in quanto il salto generazionale garantito dal 5G c’è ed è considerevole.

Il 5G, infatti, permette di migliorare l’esperienza utente sotto svariati punti di vista. Oltre al miglioramento delle velocità di connessione, sia in download che in upload, si registra anche una netta riduzione della latenza. A garantire una migliore esperienza di navigazione all’utente è anche la risoluzione del problema della congestione del traffico dati in luoghi affollati.

Scegliere un’offerta 5G, quindi, può garantire notevoli benefici agli utenti. Dalla velocità di connessione all’esperienza di navigazione, con il 5G i miglioramenti possono essere di vario tipo.

5) Il 5G ha provocato il coronavirus

Una delle più grandi fake news relative al 5G è quella che lega la nuova generazioni di reti mobili alla pandemia di coronavirus. Senza alcuna prova o fondamento scientifico, infatti, in rete il 5G è stato più volte accostato al coronavirus. Chiaramente si tratta di un’enorme fake news pensata da complottisti e troll per screditare il 5G.

Il 5G nasce per facilitare la vita dei consumatori e non certo per minacciarla. La rete mobile di nuova generazione rappresenta un punto di riferimento per il futuro e nei prossimi anni garantirà la possibilità di sfruttare l’accesso ad Internet in modo ancora più semplice ed efficace, con enormi vantaggi per gli utenti.

Per un quadro completo in merito alle opzioni per l’accesso alla rete mobile di nuova generazione, SOStariffe.it ha realizzazione una sezione del suo comparatore dedicata completamente alle migliori offerte 5G disponibili sul mercato. Ad oggi, infatti, tutti i principali operatori garantiscono l’accesso alla rete mobile di nuova generazione con offerte di sicuro interesse.

Commenti Facebook: