L’utile di Telecom è a 1,35 miliardi di euro

Tre anni di “rosso”, ora finalmente è tornato l’utile. Telecom Italia ha chiuso l’esercizio 2014 con un risultato netto consolidato di 1,35 miliardi di euro, mentre nel 2013 la perdita era stata di 674 milioni. Come già anticipato a Londra in sede di presentazione del nuovo piano industriale, il dividendo c’è solo per le azioni risparmio, pari a 2,75 centesimi per azione.

Telecom-Italia
Confermato l'impegno per lo sviluppo della banda ultralarga

I ricavi del gruppo Telecom per il 2014 ammontano a 21.573 milioni di euro, in calo del 7,8% rispetto al 2013, mentre l’EBITDA è pari a 8,786 milioni di euro (-754 milioni nei confronti dell’anno scorso).

L’EBIT di gruppo è a 4.530 milioni di euro, con variazione organica positiva di 1.843 milioni di euro (344 milioni al netto della svalutazione dell’Avviamento attribuito alla CGU Core Domestic).
Vai a Internet Senza Limiti »
Come sostiene la società nelle linee di previsione per l’esercizio 2015, continuerà da parte di Telecom Italia l’impegno per lo sviluppo nelle componenti innovative, in particolar modo per «l’Ultrabroadband fisso con la fibra ottica, l’Ultrabroadband mobile, la realizzazione di nuovi Data Center a supporto dei servizi Cloud, le connessioni in fibra internazionali e il percorso di trasformazione dei processi industriali volti alla riduzione strutturale dei costi d’esercizio attraverso la semplificazione e l’ammodernamento delle infrastrutture».

Commenti Facebook: