Altri tre anni di periodo esplorativo in Angola per eni

Buone notizie per eni: il periodo esplorativo relativo al blocco 15/06 in acque angolane è stato esteso per ulteriori tre anni, decisione che permetterà al gruppo di completare le attività esplorative già identificate. Il blocco è situato nelle acque profonde, a circa 350 chilometri a nord-ovest di Luanda, capitale dell’Angola, e 130 a est dalla città di Soyo.

Eni
Per i prossimi tre anni il programma comprende la perforazione di 3 pozzi

Per i prossimi tre anni il programma comprende la perforazione di 3 pozzi e 1.000 chilometri quadrati di sismica 3D. Grazie alle strutture di produzione già esistenti, nel caso in cui l’esplorazione avesse successo le nuove scoperte potranno essere sviluppate in tempi rapidi. Il blocco è stato acquisito nel 2006 in seguito a gara internazionale e qui eni ha perforato 24 pozzi esplorativi e di delineamento.

L’estensione di tre anni riguarda anche un’area adiacente al blocco 15/06 e consentirà di portare in produzione in tempi rapidi anche la scoperta di Reco-Reco, stimata in circa 100 milioni di barili di olio in posto.
Scopri eni FIXA
Soddisfatto l’amministratore delegato di eni, Claudio Descalzi. «L’ottenimento dell’estensione del periodo esplorativo di un blocco prolifico come il 15/06,  con l’inclusione dell’area di scoperta di  Reco-Reco, rappresentano per eni il riconoscimento della capacità di esercitare con successo il ruolo di operatore, che richiede la combinazione di innovazione tecnologica e grande efficienza operativa».

Commenti Facebook: