Google Down: cosa fare in caso di attacco e problemi con Google, le alternative

Cosa fare se Google non funziona? L'ecosistema dell'azienda americana non si limita al solo motore di ricerca ma comprende tantissimi altri servizi web come YouTube, Gmail, Google Drive e Google Foto. In caso di attacco oppure di malfunzionamento dei server, gli utenti potrebbero non essere in grado di utilizzare normalmente l'ecosistema di Google. Ecco, quindi, cosa fare in caso di Google down e quali sono le alternative.

Google Down: cosa fare in caso di attacco e problemi con Google, le alternative

Da alcuni minuti è in corso un Google down. Diversi servizi di Google risultano, infatti, inaccessibili o caratterizzati da svariati malfunzionamenti che ne limitano le funzioni e le possibilità di utilizzo. Il problema è, probabilmente, legato ad un problema tecnico, in rapida risoluzione da parte dei tecnici dell’azienda. E’ chiaro, però, che anche un breve Google down può causare enormi danni ai milioni di utenti che, quotidianamente, sfruttando i tanti servizi dell’azienda.

L’attuale Google down si traduce nell’impossibilità di accedere al motore di ricerca ed a YouTube. Anche le caselle di posta elettronica di Gmail, così come i file salvati su Google Drive e Google Foto sono inaccessibili. Problemi anche per Google Meet e Classroom, gli strumenti oggi utilizzati per lo smart working e la didattica a distanza. Anche Maps così come Stadia, la piattaforma per i videogiochi in streaming, sono inaccessibili.

Cosa fare per risolvere il problema del Google down

Se i servizi di Google sono down, perché sotto attacco hacker oppure per un malfunzionamento del server, l’utente ha pochi margini di manovra. Una volta accertato che si tratta di un problema generale, infatti, sarà necessario attendere che i tecnici dell’azienda completino gli interventi sul server e che, quindi, il problema venga risolto.

Per avere la certezza che si tratta di un problema generalizzato e, quindi, di un Google down vero e proprio è possibile effettuare una ricerca online (magari utilizzato un altro motore di ricerca, come Bing) oppure consultare i social network. Ad esempio, analizzando i trend di Twitter sarà possibile individuare facilmente la presenza di un Google down in corso grazie alle segnalazioni degli altri utenti.

Le alternative ai servizi Google

Uno dei principali problemi legati ad un Google down è rappresentato dalle poche alternative disponibili. Il motore di ricerca di Google può essere sostituito, magari temporaneamente e con risultati meno precisi, con altri motori come Bing di Microsoft. Allo stesso modo, esistono alternative alle mappe di Google Maps, come ad esempio le mappe di Here. Servizi come Google Meet possono essere sostituiti, anche solo momentaneamente, da applicazioni analoghe, come Zoom o Skype.

Alcuni servizi Google, in caso di down, sono davvero insostituibili. La casella di posta elettronica di Gmail, così come i data base di documenti e foto di Drive e Foto saranno irraggiungibili. In questi casi, esistono applicazioni alternative altrettanto valide ma non sarà possibile accedere ai propri dati salvati sui vari servizi Google sino a che il down non sarà finito. Anche YouTube non ha delle vere alternative considerando il ricchissimo database di video già caricati sulla piattaforma e i tanti nuovi contenuti disponibili ogni giorno

Commenti Facebook: