Bonus Luce e Gas Maggio 2022: requisiti e richiesta per avere lo sconto in bolletta

I Bonus Luce e Gas sono delle importanti agevolazioni che garantiscono uno sconto aggiuntivo in bolletta. Nel corso del 2022, per via della crisi energetica che ha fatto aumentare in modo significativo i prezzi di luce e gas, queste agevolazioni sono diventate fondamentali per aiutare le famiglie in difficoltà economica ad affrontare l'emergenza. Ecco tutto quello che c'è da sapere sui Bonus Luce e Gas a maggio 2022 a partire dai requisiti per l'accesso alle agevolazioni e fino ad arrivare alle modalità di richiesta per avere lo sconto in bolletta.

Bonus Luce e Gas Maggio 2022: requisiti e richiesta per avere lo sconto in bolletta

Per contrastare l’emergenza energetica e ridurre gli importi delle bollette di luce e gas è possibile sfruttare i Bonus Luce e Gas, agevolazioni che garantiscono uno sconto aggiuntivo in bolletta. Si tratta di un’importante misura di sostegno che, in questo periodo di crisi del mercato energetico, consente alle famiglie in difficoltà economica di arginare gli aumenti, evitando la stangata in bolletta.

Bonus Luce e Gas: quali sono le agevolazioni

I BONUS DISPONIBILI  CHI PUO OTTENERLI
Bonus Luce per disagio economico è riservato alle famiglie in condizioni di “disagio economico”, richiede il rispetto di precisi requisiti ISEE
Bonus Gas per disagio economico è riservato alle famiglie in condizioni di “disagio economico”, richiede il rispetto di precisi requisiti ISEE
Bonus Luce per disagio fisico è riservato alle famiglie che devono utilizzare un’apparecchiatura elettromedicale per il sostentamento della vita, non ha requisiti ISEE; è cumulabile con il bonus per disagio economico; richiede un certificato ASL

I cosiddetti “Bonus Sociali” sono disponibili in diverse versioni. A disposizione delle famiglie c’è il Bonus Luce per disagio economico. Si tratta di un’agevolazione che viene riconosciuta alle famiglie in difficoltà economica. L’importo di questo bonus è legato esclusivamente al numero di componenti del nucleo familiare. C’è poi il Bonus Gas per disagio economico che, come il Bonus Luce, è riservato alle famiglie in difficoltà economica.

Questo bonus è legato, oltre che alla composizione del nucleo familiare, anche al tipo di utilizzo del gas in casa (acqua calda e/o uso cottura oppure riscaldamento e acqua calda e/o uso cottura) ed all’ubicazione della fornitura (in particolare alla Zona Climatica in cui è situato il Comune dove è collocata la fornitura). I due bonus hanno gli stessi requisiti e sono affiancati anche dal Bonus Idrico che garantisce uno sconto sulla bolletta dell’acqua.

C’è poi il Bonus Luce per disagio fisico. Quest’agevolazione, cumulabile con quella per disagio economico, è riservata alle famiglie che sono costrette ad utilizzare un’apparecchiatura elettromedicale per il sostentamento della vita di un componente. Tali apparecchiature comportano un extra consumo notevole e lo scopo del bonus è proprio quello di bilanciare tale extra consumo. Non sono previsti requisiti ISEE ma è necessario fornire una certificazione ASL per il riconoscimento del bonus.

Bonus Luce e Gas per disagio economico: per il 2022 aumentano i requisiti ISEE

BONUS LUCE E GAS PER DISAGIO ECONOMICO I REQUISITI
I requisiti previsti dalla normativa
  • ISEE non superiore a 8.265 euro
  • ISEE non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose (4 figli a carico)
  • precettori del Reddito o della Pensione di Cittadinanza
I requisiti validi fino a dicembre 2022
  • ISEE non superiore a 12.000 euro
  • ISEE non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose (4 figli a carico)
  • precettori del Reddito o della Pensione di Cittadinanza

Per l’accesso ai Bonus Luce e Gas per disagio economico è necessario rispettare uno dei seguenti requisiti:

  • ISEE non superiore a 8.265 euro
  • ISEE non superiore a 20.000 euro in caso di famiglie numerose (con almeno 4 figli a carico)
  • appartenente ad una famiglia titolare del Reddito di Cittadinanza o della Pensione di Cittadinanza

Dallo scorso mese di aprile e per tutto il 2022, stando a quanto previsto dal Decreto Bollette, è prevista una modifica ai requisiti per l’accesso al Bonus Luce ed al Bonus Gas per disagio economico. Fino a fine anno, infatti, il limite ISEE sale a 12.000 euro. Da notare, invece, che resta confermato il limite ISEE previsto per le famiglie numerose e fissato a 20.000 euro.

Qual è l’importo dei Bonus Luce e Gas nel 2022?

I BONUS DISPONIBILI I FATTORI CHE DETERMINANO L’IMPORTO DEL BONUS
Bonus Luce per disagio economico
  • numero di componenti del nucleo familiare
Bonus Gas per disagio economico
  • numero di componenti del nucleo familiare
  • Zona Climatica
  • Tipo di uso del gas
Bonus Luce per disagio fisico
  • extra consumo dovuto all’utilizzo dell’apparecchiatura elettromedicale
  • potenza impegnata

I Bonus Luce e Gas sono stati potenziati, già da fine 2021, con l’arrivo di un bonus integrativo che va ad affiancarsi alle agevolazioniordinarie” previste dalla normativa. Attualmente, il bonus integrativo è garantito fino alla fine del mese di giugno ma potrebbe essere esteso, con un ulteriore decreto del Governo, nel corso dei prossimi mesi, almeno fino alla fine del 2022.

Analizziamo l’importo dei bonus ordinari partendo dal Bonus Luce per disagio economico. Tale bonus dipende esclusivamente dal numero di componenti del nucleo familiare. L’importo complessivo erogato su base annua è pari a:

  • 128 euro in caso di nucleo familiare composto da 1-2 componenti
  • 151 euro in caso di nucleo familiare composto da 3-4 componenti
  • 177 euro in caso di nucleo familiare composto da più di 4 componenti

A questi importi si somma il bonus integrativo, riconosciuto su base mensile e determinato, di volta in volta, da ARERA in base ai fondi disponibili per l’erogazione dell’agevolazione. L’importo mensile del Bonus Luce complessivo (ordinario + integrativo) varia da 55,20 euro a 78,60 euro. 

Per quanto riguarda il Bonus Gas per disagio economico, invece, i fattori che entrano in gioco sono tre:

  • il numero di componenti del nucleo familiare
  • la Zona Climatica dove è ubicata la fornitura
  • il tipo di utilizzo del gas (acqua calda e/o uso cottura oppure riscaldamento e acqua calda e/o uso cottura)

L’importo annuale del Bonus Gas ordinario varia tra 30 euro e 245 euro. Anche in questo caso, l’importo del bonus integrativo viene stabilito da ARERA di mese in mese. Per il primo trimestre del 2022, ad esempio, l’importo del Bonus Gas complessivo (ordinario + integrativo) è stato compreso tra 62,10 euro a 816,30 euro. L’importo per il secondo trimestre sarà comunicato a breve.

C’è poi il Bonus Luce per disagio fisico. Per la definizione dell’importo di quest’agevolazione è necessario conoscere l’extra consumo dovuto all’utilizzo dell’apparecchiatura elettromedicale e la potenza impegnata. Stando ai dati forniti dal sito ARERA, il Bonus Luce per disagio fisico complessivo (ordinario + integrativo) per il primo trimestre del 2022 ha raggiunto un importo compreso tra 90 euro e 277,20 euro. Anche in questo caso, l’importo per il secondo trimestre sarà comunicato a breve.

Come fare richiesta per i Bonus Luce e Gas a maggio 2022?

I BONUS DISPONIBILI COME FARE RICHIESTA
Bonus Luce per disagio economico Il bonus viene riconosciuto in automatico agli aventi diritto
Bonus Gas per disagio economico  Il bonus viene riconosciuto in automatico agli aventi diritto
Bonus Luce per disagio fisico È necessario presentare una domanda al Comune o ad un CAF

L’accesso ai Bonus Luce e Gas per disagio economico è automatico. Non è necessario presentare una domanda per l’ottenimento delle agevolazioni. I bonus, infatti, sono riconosciuti automaticamente a tutti gli aventi diritto che rientrano nei requisiti previsti dalla normativa. È sufficiente aver presentato la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) per l’ottenimento dell’ISEE per il 2022 per vedersi riconosciuti i bonus (se dovuti).

Per quanto riguarda il Bonus Luce per disagio fisico, invece, è necessario presentare una domanda allegando il certificato ASL che attesti la necessità di utilizzare l’apparecchiatura elettromedicale. La domanda va presentata al Comune di residenza oppure ad un CAF abilitato. Non sono presenti requisiti ISEE ed il bonus è cumulabile con il Bonus Luce per disagio economico.

Come tagliare le bollette di luce e gas a maggio 2022

FAMIGLIA TIPO QUANTO SI RISPARMIA PASSANDO AL MERCATO LIBERO
Consumo annuo di 2.700 kWh e potenza impegnata di 3 kW fino a 290 euro in un anno rispetto alla Maggior Tutela
Consumo annuo di 1.400 Smc fino a 218 euro in un anno rispetto alla Maggior Tutela

I Bonus Luce e Gas sono importantissime agevolazioni per contrastare l’emergenza energetica in corso. Per massimizzare il risparmio, però, i Bonus da soli non sono sufficienti. È necessario, infatti, ridurre al minimo possibile il costo dell’energia elettrica e del gas naturale. Tale obiettivo può essere raggiunto facilmente. Passando alle migliori offerte del Mercato Libero, infatti, il risparmio sarà a portata di mano.

Per individuare le offerte giuste è necessario utilizzare la comparazione online, accessibile gratuitamente tramite il comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas disponibile al link qui di sotto oppure tramite l’App di SOStariffe.it per dispositivi Android ed iOS. Il confronto online consente di individuare le tariffe più vantaggiose del momento, per poi raggiungere il sito del fornitore e richiederne l’attivazione.

Scopri qui le migliori offerte luce e gas » 

Per individuare le offerte migliori è necessario indicare una stima del proprio consumo annuo (il dato è disponibile in bolletta oppure può essere calcolato tramite l’apposito tool integrato nel comparatore). Per ottenere assistenza nella scelta, inoltre, è possibile contattare il servizio di consulenza di SOStariffe.it, completamente gratuito e senza impegno, disponibile al numero 02 5005 111.

A maggio 2022, una “famiglia tipo” (consumo annuo di 2.700 kWh di energia elettrica con potenza impegnata di 3 kW e consumo annuo di 1400 Smc di gas naturale) può risparmiare fino a 290 euro sulla bolletta della luce e fino a 218 euro sulla bolletta del gas in un anno nel passaggio dal Mercato Tutelato alle migliori offerte del Mercato Libero.